Ritornare a scrivere?

Fear of failure keeps us stagnant. We’re afraid to jump for our dreams because we might not make it. We think that not making it would be an end to those dreams. One day, when we’re ready, we’ll try for real. One day… But the only day that matters is today. Most of us know that tomorrow rarely comes. Don’t let fear of failure hold you back from giving it your all. Put it down on paper, so to speak. If it doesn’t work, get another sheet and try again

moleskine

via lifehacker.com

Tutto adesso

Poi c’è questa canzone dei Pooh che mi è sempre piaciuta e che oggi mi andava di adattarla proprio a me.

Tutto adesso. Da oggi abbiamo smesso di chiedere permesso.
O forse no.

Giornate densissime di cose, persone, relazioni, propositi, azioni e voglia di fare.
Tutto adesso.

O da adesso in poi.

Sono stanca di essere buona e perciò vado all’inferno
sono stanca di vivere in stato di shock giorno per giorno
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Sono stanca di essere stanca perciò fatemi strada
sono stanca di facce che dicono: no, stattene in coda
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso, la vita è la mia
che prenda o che dia di più.
Sono stanca di prendere il mondo com’è, non si respira
sono stanca di chiudermi dentro perché non ho paura
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso, la vita è la mia
che prenda o che dia di più.
Sono stanca di farmi rispondere no! È una prigione
sono stanca di essere buona perciò fate attenzione
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.

Intervista post Convegno sulla Banda ultralarga a scuola

Su banda ultralarga nelle scuole, Miur, La Buona Scuola, Agid, GARR, connettività per le scuole, BYOD, digitale a scuola per la comunicazione, la sburocratizzazione, la trasparenza ma soprattutto la nuova didattica e le competenze digitali.

catepol GARR banda larga scuola

Condensati in qualche minuto di intervista post Convegno sulla banda ultralarga a scuola che, come sapete, il 9 ottobre ho moderato, invitata dal GARR.

Intervista a Caterina Policaro – Insegnante Blogger – Smart and Education Technology Days – Napoli

Cercavo un’idea per questo post numero 3000 di questo blog dodicenne…

…e mi è venuto in mente di postarvi qualcosa di sempre valido e utile nel mondo della comunicazione in rete, di Internet, dei blog, dei social ecc.

Un video, geniale precursore di tanti discorsi sul web. Attuale ancora.

3000

Aborigeno, ma io e te…?

Ah, si…
questo è il post n. 3000 di questo blog che ha 12 anni, nato su Splinder poi traslocato su dominio mio. 12 anni, più o meno come il web italiano 2.0 della primissima ora, prima di Twitter, prima di Facebook e di tutto l’ambaradan social che ci portiamo dietro sotto forma di app.
Questo blog ne ha viste e dette tante, ad un certo punto ha raccontato meno, è stato ripreso, messo in pausa, riavviato. Sta sempre qua, insieme alla blogger tenutaria, alle prese con le solite mille cose e che si ripromette sempre di scrivere di nuovo come ai vecchi tempi. Vedremo.

#potenzahook continua…

#potenzahook procede. Una foto al giorno, ogni giorno, più o meno quando mi sveglio, ogni mattina, tutte le mattine, tranne quando non sono a casa.

Il gancio in mezzo al cielo della gru, la città, i colori dell’alba o subito dopo, a volte le nuvole, a volte il cielo coperto. Il gancio e il carrello che si muovono, che non sono mai dove li ho lasciati ieri. Ogni mattina una foto su Instagram, ogni mattina il mio buongiorno social.


Bello vedere nel flusso di foto che altri usano l’hashtag.
Io proseguo, ok?

Pagina 1 di 11012345...102030...Ultima »
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: