Condividi la qualunque su Facebook

La gente su Facebook posta continuamente cose stupide, per passare il tempo, oppure condivide senza pensare/leggere/fare una ricerca su google per verificare (la risposta di solito si trova subito, tra l’altro).

Non mi meraviglio più di niente.
Stimati professionisti, colleghi, amici tra i miei contatti lo fanno tranquillamente.


(foto presa qui)

Mi son fatta l’idea che, per qualche arcano motivo, il cervello smetta di funzionare mentre il mouse passa su “condividi” e clic, si condivide la qualunque.

E i meme e le bufale si diffondono.

Il gruppo Anti Bufale pullula di segnalazioni che poi son sempre le stesse (infatti io copio e incollo pazientemente sempre le stesse risposte).

Continuo a chiedermi e ad analizzare senza alcuna pretesa di scientificità perché si perda tanto di quel tempo così, su Facebook, invece di piegarlo ad usi migliori. Perché?

Facciamo un esempio banale, così mi capite:
io, catepol, posto sulla mia bacheca un link alla prima cavolata che trovo in giro, oppure alla prima cosa demente che mi viene in mente, svegliandomi la mattina, prima di aver preso un caffè.

Ora Facebook dona grande rilievo alle foto in bacheca, si vedono più grandi. Allora, per farmi meglio notare dai miei contatti, posto una foto (che siano animali maltrattati, bambini picchiati, fotomontaggi con scritte allarmistiche poco importa, l’importante è che carpisca l’attenzione in bacheca per 2 secondi, quelli che servono a cliccare “condividi” senza pensare o a scandalizzarsi e cliccare “condividi”, scandalizzandosi pure).

I miei contatti a questo punto possono scegliere cosa fare:

a) leggere
b) ignorare
c) leggere e pensare quanto è cretina catepol e commentare
d) leggere e pensare quanto è cretina catepol e condividere
e) leggere e pensare quanto è cretina catepol e ignorare
f) non leggere e cliccare “condividi”
g) cliccare “condividi” solo perché se lo ha postato catepol, va condiviso
h) vivere sereni lo stesso.

Questo vale per ogni cosa su Facebook.

Certo, nel momento in cui mi accorgo che catepol mi vuole truffare attraverso Facebook, il discorso cambia.
E’ giusto chiedere lumi. Se il dubbio sorge, l’utente ha già fatto un grande passo avanti: ha acceso il cervello, sta valutando. E’ giusto segnalare e far segnalare.

Ma di un elefante nano, di un presunto feto morto, di un cane martoriato dagli alieni, di qualunque notizia sensazionale trovata su una bacheca Facebook di un contatto, di qualunque petizione pro o contro qualcosa, perché la gente ci dedica tutto questo tempo?

Non basta un sano IGNORA?
Dobbiamo proprio interessarci a tutto quello che vediamo sulle bacheche dei nostri contatti?

PS
Le bufale del momento:

1. la pagina” Abortire un gay è un atto di fede” pare sia stata chiusa,

2. la pagina “Un sorriso per tutti i Bambini disabili” pare sia stata chiusa,

3. “Aggiungi alle liste di interesse” delle pagine non funziona come in questi messaggi che girano:

“Ogni attività svolta da una pagina verrà vista solo da 1/4 dei fans, questo perché Zuckerberg ha aggiunto il tasto ‘promuovi’ e in parole povere si deve sganciargli dei soldi per far sì che i post vengano visualizzati da tutti i fans della pagina. Se volete che i post delle vostre pagine preferite appaiano sulla vostra home dovete cliccare sulla rotellina delle impostazioni accanto al ‘mi piace’ e cliccare su ‘aggiungi alle liste di interessi’.”

“SE SIMPATIZZI PER QUESTA PAGINA. ESEGUI QUESTA PROCEDURA. GRAZIE

??? Da quando Facebook impone agli amministratori di pagina di pagare per promuovere le proprie pagine, solo il 10% dei fans riceve gli aggiornamenti nella propria home. Per continuare a VISUALIZZARE I NOSTRI POST dovete aprire la NOSTRA PAGINA, portare il MOUSE vicino al pulsante “Ti piace” c’è una specie di rotellina cliccatela. Selezionare “AGGIUNGI ALLE LISTE DEGLI INTERESSI” Facendo così,continuerete a vedere i nostri post nella vostra home e non cancelleranno la pagina. Grazie!!!!!! Condividete per favore!!!???”

“Facebook ha cambiato il modo di gestire le pagine, ed ora solo il 10% dei fan possono avere gli aggiornamenti sulla propria bacheca.
Per continuare a visualizzare la nostra pagina e le nostre notizie , foto e link sulla vostra bacheca dovete cliccare sulla rotellina in alto a destra affianco al tasto “Mi piace” e “Messaggio”, vi si aprirà un menu a scorrimento, dovrete cliccare su “aggiungi alle liste di interessi…” se non ne avete una vi basterà cliccare su “nuova lista” a quel punto ritornerete tutti a vedere la nostra pagina e gli aggiornamenti sulla vostra Bacheca. Grazie per la vostra attenzione!”

e similari…

Su questi messaggi “AGGIUNGI ALLE LISTE DI INTERESSI” che molte pagine mettono in bacheca dovete sapere che: “aggiungi alle liste di interessi” è funzione che troviamo in ogni pagina su cui clicchiamo mi piace. “Aggiungi alle liste di interessi” è una libera NOSTRA scelta, una volta che abbiamo cliccato MI PIACE su una pagina.

Non lo devono consigliare le pagine. Se lo fanno, è perchè stanno ELEMOSINANDO visibilità.

“Aggiungi alle liste di interessi” serve a farci leggere più facilmente quelle pagine suddividendole per interessi che sono solo NOSTRI. E si, certamente, queste pagine passeranno più spesso sotto i nostri occhi. Passeranno più spesso in bacheca. Questa frase “Facebook ha cambiato il modo di gestire le pagine, ed ora solo il 10% dei fan possono avere gli aggiornamenti sulla propria bacheca.” NON E’ VERA (ergo è BUFALA). Con questi messaggi falsi, in pratica, le PAGINE ELEMOSINANO subdolamente l’interesse della gente e la possibilità di ottenere un briciolino di visibilità in più sulle bacheche.

4. La tassa aerea del vaticano riportata in questo tipo di messaggi “ROBA DA MATTI!!! SU TUTTI I BIGLIETTI AEREI EMESSI IN ITALIA E CHE ARRIVANO DALL’ESTERO CON ALITALIA C’è UNA TASSA DI IMPORTO VARIABILE (DALL’1.81€ A 5.16E O ANCHE PIU) CHE SI CHIAMA VT, VATICANO. QUESTA TASSA FU ISTITUITA NEL 2000 PER FINANZIARE L’ANNO DEL GIUBILEO. NON E’ STATA MAI TOLTA. AD OGGI, TUTTI I BIGLIETTI AEREI EMESSI, PAGANO IL PEDAGGIO AL VATICANO…..QUALCUNO CI LIBERI DAI PARASSITI….PRESTOOOOO!!” è ovviamente una bufala.

Basta cercare su Google e si scopre che VT è ben altro.
“VT: corrispettivo per la sicurezza del passeggero e del bagaglio a mano: il costo che la compagnia sostiene per i controlli di sicurezza effettuati sui passeggeri e sul bagaglio a mano, che ammonta a 1,81 euro”

Ma continuate pure a perdere un sacco di tempo a condividere queste cose. Beati voi che ce l’avete tutto questo tempo.

6 thoughts on “Condividi la qualunque su Facebook

  • 27/06/2012 at 20:28
    Permalink

    Ormai è diventato un caos totale.
    Bisogna usare l’opzione ignora almeno una volta al giorno per non essere sommersi da stupidaggini..

    Reply
  • 29/06/2012 at 02:00
    Permalink

    Hai ragione una volta ogni ora eehehe

    ciao ottimo blog

    Reply
  • 29/06/2012 at 15:06
    Permalink

    Brava Catepol. Sul mio profilo Facebook posto sempre gli artcoli che generalmente pubblico sul blog. Riscontro con dispiacere però, che il vasto pubblico preferisce comunque la barzelletta piuttosto che leggere per pochi minuti un testo con un contenuto (condivisible e non, ovviamente).
    Peccato, Facebook poteva essere uno strumento davvero efficace.

    Reply

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: