Social Learning: l’apprendimento è relazione

(via Jane Hart) Un video del Conrado Schlochauer of LAB SSJ in Brazile.

Da quando esiste l’uomo, possessore di linguaggio e della comunicazione, l’apprendimento si è sviluppato grazie alla socialità ed alla relazione con le altre persone. Che sia a voce o mediante una delle tecnologie che abbiamo a disposizione, l’Apprendimento è relazione, comunicazione, l’esperienza umana ne è sempre il cuore. Social Learning.

“Molto di quello che apprendiamo, lo apprendiamo grazie agli altri” (Jay Cross)

Grazie al web 2.0 possiamo affermare che l’apprendimento (e la relazione umana) non hanno oramai più confini.

Apparentemente sui social media sembra non ci sia controllo delle informazioni che condividiamo: si condivide con gli amici sui social network come si condividono le chiacchiere con gli amici al bar.

Connessioni e relazioni sono il cuore dei processi di apprendimento. Condividere è creare conoscenza.

Serve cambiare mentalità per apprendere meglio e per continuare ad apprendere per tutta la vita.

Non si finisce mai di imparare ma serve capacità di adattamento, rapidità, collaborazione, voglia di mettersi in gioco. Senza dimenticare che i migliori strumenti per l’apprendimento sono quelli invisibili: raccontare storie che siano significative, che colpiscano l’attenzione, che mettano in relazione le persone con le loro emozioni, usare tutti e cinque i sensi, pensare in grande ma cominciare dal piccolo, da quello che realmente si può fare, facilitare e anche divertirsi.

Il longlife learning, l’apprendimento lungo tutto l’arco della nostra vita, non può che funzionare così.

Siamo veramente preparati a continuare ad apprendere per tutta la vita,  non dare mai nessuna conoscenza per acquisita una volta per tutte, a stare al passo con i tempi e a pensare le tecnologie e internet come strumenti che facilitano questo processo?

3 thoughts on “Social Learning: l’apprendimento è relazione

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: