Maturità 2009: tecnologia per ripetere – Intervista su Repubblica

Mi ha intervistato (trovate l’articolo qui: http://www.repubblica.it/2009/05/speciale/altri/2009maturita/ripasso-tecnologico/ripasso-tecnologico.html#)

La maturità 2009 vede impegnati gli a studiare e ripassare, anche (e forse soprattutto) attraverso le disponibili e ovviamente internet.

Tecnologie usate non soltanto per fare i furbi, come segnalavo, soprattutto ai colleghi docenti che mi leggono, in questo post, l’altro giorno: http://www.catepol.net/2009/05/23/come-ti-copio-allesame-di-maturita-2009/

Tecnologie e rete utilizzate anche per apprendere, ripetere, condividere.

Mp3 di storia, regole matematiche, declinazioni di latino o di altre materie nell’Ipod e via, a ripetere ascoltando e riascoltando mentre si corre o mentre si aspetta l’autobus.

Video online con spiegazioni di concetti affiancano e da scaricare dai siti specializzati. Video con spiegazioni sugli argomenti più vari o vere e proprie minilezioni da seguire online o sull’iPod da portarsi in giro.

Possibilità di esercitarsi con le prove degli degli anni passati,  come altri siti anche Repubblica. it dà la possibilità di accedere all’archivio e di svolgere dei  quiz per testare la propria preparazione.

Questo è quanto ho detto io nell’intervista:

“Prof” al passo coi tempi. “Purtroppo c’è la brutta abitudine di scaricare e temi e tesine, usando il mezzo in modo passivo. Gli audio e i video, invece, possono aiutare molto nel ripasso”. A parlare è Caterina Policaro, insegnante di inglese, esperta di e-learning e autrice del blog 3.0, che si è piazzato al quarto posto agli ultimi Euro Blog Awards, i premi continentali per i diari online. “Molti ragazzi non hanno la voglia o la pazienza di leggere – continua – mentre con i podcast sono obbligati ad ascoltare. E, se lo studente è già preparato, lo strumento è fenomenale”.

Secondo Policaro, che tiene corsi di multimedialità per i colleghi, la tecnologia è un’arma nelle mani dei , “per parlare la stessa lingua dei ragazzi” e guadagnarsi la loro attenzione. L’insegnante racconta di aver sperimentato sia Facebook che Twitter per condividere informazioni e comunicare con la classe, ma anche di aver provato a sfruttare le potenzialità dei cellulari, ad esempio registrando un pezzo di lezione e inviandolo via Bluetooth agli : “Era un brano di inglese, ho detto alla classe che non c’erano più scuse, lo dovevano ascoltare almeno una volta a casa. Ha funzionato benissimo”.

Ed infine, concludo che “Si perde più tempo a cercare le scorciatoie che a studiare”. E spesso gli studenti non se ne rendono neanche conto.

catepol - Caterina Policaro

My Google Profile+

2 pensieri riguardo “Maturità 2009: tecnologia per ripetere – Intervista su Repubblica

  • 02/06/2009 in 18:22
    Permalink

    Sono sicuro che Facebook possa essere usato anche in questo modo, e soprattutto sono convinto che, se il prof ci sa fare, può stimolare molto gli studenti ad approfondire lo studio.Ottimo stratagemma!!!

    Risposta

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere eventuali dati personali che pensi di aver lasciato su questo blog, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi