odi et amo, parolando, social

Giovani (de)menti girano per la città

E te li vedi che smontavano un pannello da un cartellone e facevano un gran casino. Piazza principale della città, piazza centrale, tanta gente in giroa passeggiare in una calda domenica estiva, e loro che tiravano smontavano il cartellone degli eventi teatrali, un pannello in una cornice in ferro. Divelto.

Una banda di ragazzi 14, 15 sedici anni al massimo. "Che cazzo guardi signora?" ad una passante che li additava come vandali. "Che cazzo guardi che non lo stiamo smontando, mo lo rimontiamo non ti preoccupare…vaffan(bip)vaaaaaaa…" ad un gruppetto che li guardava. "Che ve ne fott*e??" ad un signore che stava per pronunciare la frase chiamo i vigili e non l’hanno fatto nenache finire.

Continuava a fare un gran casino col cartellone del teatro divelto, questa banda di bulletti. Non si capiva ad un certo punto se la loro sfida alla società degli adulti era quella di portarsi via questo dannato cartello o di rimetterlo al suo posto, tanto che tentavano e ritentavano, lo mettevano lo toglievano, ma oramai era divelto e scardinato. E allora lo buttano via là così come ce lo avevano in mano e scappano via ridendo e urlando "Che cazzo guardate? Che cazzo volete?" a tutti quelli che osavano volgere lo sguardo verso questa mandria di deficenti allo sbaraglio, noi due compresi.

"Coglioni" sarebbe il termine più adatto. "Coglioni" infatti è quello che abbiamo pensato e pronunciato in due, mentre passavamo da là mano nella mano, raccogliendo il loro sguardo di sfida.

C’era tutto il tempo di estrarre il telefonino, filmarli e mandarli su YouTube. La tentazione è stata grande, ma ha vinto la curiosità di vedere dove sarebbero andati a parare con questa bravata sotto gli occhi di tutti. Perchè secondo me si son resi conto che la bravata era diventata figura di m*erda ad un certo punto, sembrava infatti non sapessero più come uscirne nel casino che facevano tendando di rimontare il tutto sotto gli occhi di tutta la piazza. Scoordinati adolescenti, allo sbaraglio!

La prossima volta che incontro un branco di dementi del genere il filmino col telefonino lo faccio davvero, lo porto ai vigili ma soprattutto…vi sbatto su YouTube perchè possano vederlo le vostre mamme, magari riproposto al Tg regionale…

Già mi vedo il titolone: "Potrebbero essere i vostri figli. Giovani vandali locali prima rompono e poi non son neanche capaci di rimettere a posto…buffoni!"

(PS e guardate che lo faccio davvero…)

12 thoughts on “Giovani (de)menti girano per la città

  1. mi sa che per le mamme sarebbe un orgoglio vedere i figli dementi in tv!

  2. Anch’io lo avrei fatto.

    Bisogna usare le loro armi, loro hanno scuolazoo e altre minchiate dove si divertono a prendere in giro i “matusa”.

    Noi potremmo usare i “loro” mezzi per renderli ridicoli almeno a chi li ha generati.

    Ciao

  3. Fallo, posta tutto su YouTube, poi lo posti sul tuo blog, io sul mio, un altro sul suo, e così via.

    Perché se i genitori non sono più capaci di educare i figli, magari a furia di fare figure di m… si auto-educano…

    Chissà…

  4. Qui si tratta non di giovani ma di menti vuote al pascolo!

    Divertirsi giocando con un pallone e tirandosi dei gavettoni d’acqua no, quello non è bello, non è trendy. Ed allora che facciano pure queste caxxate e, se c’ero io, tranquilla che erano in homepage di Youtube…

    sputtanati dalle loro stesse azioni!

    Vergognoso…

  5. C’è solo il rischio di prendere una denunci dai genitori dei dementi per aver filmato dei minori.

    I genitori “coglioni” difendono sempre i loro figli !!

  6. ssirdrake lo so lo so… che lo avresti mandato il servizio sul tg regionale…

    devo cominciare a fare la citizen journalist va

  7. Filmarli forse era inutile (capace che se ne sarebbero vantati con gli amichetti); chiamare le forze dell’ordine per farli pescare sul fatto magari serviva a qualcosa…

  8. Devi farlo ! E se magari ci scappa anche un calcio nel culetto dell’adolescente .. lo troverei terapeutico ! 🙂

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. <br>Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi