Photography: live first, than shoot

Photography is a privilege we are lucky to have, but it should never get in the way of our happiness, it should pull us toward it like a magnetic force. The secret to great photography has nothing to do with your philosophy, your choice of format, or your pedigree. Let your camera be your compass. Live first, then shoot.

Un bel post sul senso della fotografia di John Carey, che vi consiglio di leggere.

escate14

Che storia raccontiamo con i nostri scatti?
Ormai scattiamo, scattiamo, scattiamo con i nostri smartphone e postiamo sui social.
Io per prima.
Ho comprato una Canon e continuo a dimenticarmela. Faccio foto con l’iphone, utilizzo spudoratamente Instagram e i suoi filtri. Gioco.

E questa estate ho legato con un filo, anzi con un hashtag #esCate14, le foto dalle vacanze.

Terzo anno consecutivo che “passo le vacanze su Instagram” (le precedenti giravano ancora su Flickr, sempre fatto una marea di scatti, comunque).

Non è importante con cosa fotografiamo.
Non è lo strumento a rendere belle le nostre foto ma la felicità che fissiamo in un istante, quale che sia lo schermetto attraverso cui la filtriamo.

Io non sono fotografa. Mi piace semplicemente guardarmi attorno, cogliere un dettaglio archiviarlo per me, condividerlo quando lo ritengo di una bellezza che posso far guardare anche agli altri.

The best camera is the one that leads you to happiness

Vivo prima, mi godo momenti e compagnia. Poi scatto, se c’è da scattare, immortalare un istante, un angolo, un punto di vista, un colore, un sapore, un dettaglio, un’idea, una sensazione, un luogo e il mio attraversarlo non solo con lo sguardo. E qualche selfie.
E condivido poi su Instagram che rilancia su Twitter e Facebook (e qui sul blog).

La mia estate anzi la mia #esCate14 per ora è qui https://twitter.com/search?f=realtime&q=%23escate14&src=typd ma mi riprometto di raccontarvela meglio su queste pagine…

…from emotion recollected into tranquillity

come scriveva William Wordsworth.

#hashtaggami questo…

Dedicato a quelli che riempiono i loro tweet di hashtag, a quelli che non hanno ancora capito a cosa servono, a quelli che l’hashtag è un vezzo. Anzi #un #vezzo.
Immaginiamo di sostenere una conversazione piena di hashtag. Ci riuscireste?

hashtag

Hastaggami questo, hashtaggami quello, un hashtag per ogni cosa, un hashtag per terminare la frase. L’orticaria che ci prende quando leggiamo tweet con un hashtag ogni 2 parole.

“#Hashtag” with Jimmy Fallon & Justin Timberlake

Prima di riempire il tuo tweet di hashtag, prima di postarlo, chiediti sempre:

‘Se utilizzassi tutte queste parole col cancelletto in una conversazione faccia a faccia, quanto annoierei l’altra persona, da 1 a 10?’

Se la risposta è 11, come immagino…corri ai ripari!
Ne basta uno, un paio, attinenti. Gli hashtag servono soprattutto per tenere le fila di tutti i conversatori e di tutte le conversazioni su un argomento.

Come scegliere un hashtag?

Perché associare una parola chiave a un particolare tipo di contenuto, a un evento, un argomento, un tema ben preciso?

Perché possa essere utile a me, per permettere ad altri di seguire, per raggruppare facilmente tutto ciò che è relativo a ciò di cui si parla, per farci uno storify o una tagboard riassuntiva e farlo leggere a chi non c’era, per associare e far associare subito a chi legge ciò a cui facciamo riferimento, per sapere chi ne ha parlato, e per altri mille buoni motivi.

Usiamo gli hashtag con la testa, insomma!
Gli hashtag migliori sono quelli che vengono ricordati e quindi utilizzati.
Tutto il resto è #noia

#d2dpotenza #wister le mie presentazioni

Le slide dei miei due interventi per Wister a Potenza.

Social Media, relazione, partecipazione e comunicazione

Adolescenti, rete, social network. Questioni educative

Poi su Twitter accade che…

Nella storia di #iostoconcaterina su Twitter, tra le discussioni pro e contro, tra gli insulti, tra i millemila tweet che riguardano la storia di Caterina Simonsen, ad un certo punto ricevo questo…

20131231-011738.jpg

Ovviamente rispondo che non sono io. Mi scappa un sorriso.

Mi scappa, però, anche una riflessione su Twitter e il suo flusso continuo, incessante, di informazioni, notizie, opinioni, cazzeggio, tweet e retweet nel quale ogni giorno, io come tanti, siamo immersi.

Difficile leggere tutto, difficile tenere le fila, per chi non mastica troppo lo strumento difficile uscire dalla logica io messaggio te tu messaggi me.

Difficile per chi lo mastica troppo, invece, Twitter, spiegare che tutto scorre e che il bello di Twitter è proprio quello di far scorrere un racconto in tempo reale che poi in tempo reale veramente non è.

Come quando guardiamo un fiume che scorre e l’acqua non è mai la stessa, quindi il fiume non è mai lo stesso, anche un minuto dopo. Twitter è così. Tutto scorre a velocità impressionante.
Già al tweet successivo stiamo sicuramente parlando d’altro, linkando un articolo che la serendipity ci ha fatto trovare, rispondendo a un amico, replicando a perfetti sconosciuti e così via, retwittando la frase ironica del momento, partecipando alla narrazione di un hashtag, qualunque esso sia.

Solo perchè ci va. Liberi pensieri, in libertà.

Twitter non è mai lo stesso, un tweet da solo non è mai contestualizzato, anche se lo fosse, al tweet successivo è già altro, defluito altrove come i pensieri, in libertà.

Nell’hashtag c’è Caterina, io mi chiamo Caterina, tra il fiume di tweet della storia me ne tocca anche uno, chi sa per quale strana associazione.

Come quando mi dicono “ho letto quella cosa che hai scritto l’altro giorno su Twitter”.
E io non so di cosa parliamo.
Quale? Il fiume, da l’altro giorno, sai quanta acqua ha fatto scorrere?

In 60000 tweet dal 2006 sai quante cose twitto, contestualizzami.
Che poi anche contestualizzando, contestualizzerai secondo te, non secondo me che in quel minuto twittavo 140 caratteri, magari con tanto di faccina, autoironia e chi sa cos’altro, nel grande racconto della rete che scorre e scorre. Nel grande neverending present continous dove infiliamo il racconto di istanti, le foto di momenti, le battute, gli aforismi, le nostre riflessioni, gli sfoghi, le emozioni, le parole o le risorse che vogliamo condividere col mondo.

E le faccine. Ringrazio chi le ha inventate. Spesso unico segno grafico che segnala “Ehy, qui si scherza, si ironizza, ci si diverte…” oppure il contrario, basta cambiare la parentesi.

Insomma Twitter. Pare vi stiano migrando da Facebook gli adolescenti (almeno quelli americani e inglesi) proprio per via dell’immediatezza e del flusso che scorre più rapidamente agli occhi dei genitori rispetto a Facebook, dove gli adulti sono arrivati in massa proprio per controllare i loro pargoletti. Meglio ancora whatsapp, più privato. Ultima moda Snapchat, i cui messaggi spariscono proprio dopo la visualizzazione.

Insomma evviva il flusso che scorre. Il bello di Twitter è questo, lo dicevo già qualche anno fa.

Panta Rei. Panta Twitter.

Ricordiamoci che Twitter non è tutto il mondo…

“Only a minority of people are on Twitter, and only a fraction of them are active. The people you follow (your Twitter stream) is only a partial version of Twitter overall. And the people on Twitter do not represent the wider population (they tend to be younger, richer, more liberal). We have the potential to pick up on interesting trends and reach a vast and even diverse audience through Twitter, but never assume that it reflects the wider real world. ’Twitter’ never ‘says’ something. Let alone, ‘People think’ via Twitter. It is always ‘someone [or ‘some people’] on Twitter says something’.”

via http://blogs.lse.ac.uk/polis/2013/11/27/twitter-5-dangers-for-journalists/

Gli utenti Twitter sono una minoranza, in assoluto, in Italia ancora meno, in Basilicata poi, siamo 4 gatti a cinguettare.
Solo una parte di questa minoranza cinguettante, è realmente attiva su Twitter.
Molti sono iscritti a Twitter e non vanno oltre l’aggiornamento notizie o seguire personaggi pubblici e famosi.
Solo una parte degli utenti attivi, ha capito bene come si usa Twitter. Molti vanno a tentativi.
Le persone che seguiamo (il flusso di Twitter che vediamo scorrere davanti ai nostri occhi) è solo una versione parziale di quanto accade su Twitter a livello più generale.
La versione parziale che ci siamo anche scelti di seguire.
Le persone su Twitter non rappresentano la popolazione in generale e nemmeno nel dettaglio. Tendiamo tutti ad essere più giovani, più ricchi, più liberali, più belli, più fotogenici, più smart, più ironici, più incontrollati, più presenzialisti, più partecipi.
Tanto è gratis. Tanto è Twitter.

twitterupd

Potenzialmente, grazie a temi e hashtag, tweet e retweet, possiamo far crescere l’attenzione su tendenze interessanti e raggiungere un pubblico molto più vasto, eterogeneo, (g)locale, nazionale (trasmissioni TV, radio ecc. ad esempio).
A volte ci riusciamo anche: abbiamo portato #regionalibas e #portamateranel2019 nei Trending Topics di Twitter, e siamo davvero “4 gatti cinguettanti” in Basilicata!
Che, però, si son accordati a farlo in un caso o, semplicemente, parlavano tutti di un argomento, nell’altro.
Se poi partecipano al gioco alcuni utenti con un discreto numero di followers, è ancora più facile.
Tutto questo però non solo non è mai scontato, soprattutto continuerà a non rispecchiare veramente il mondo reale, i fatti come accadono (e non solo come sono pensati dagli utenti attivi di Twitter), gli argomenti di discussione più importanti. Delle tendenze, forse. Delle tendenze di gruppi più o meno piccoli, comunque.

La diffusione di Twitter in Italia, per capirci:

Immagine 1

‘Twitter’ da solo non ‘dice’ mai qualcosa. L’ho letto su Twtter, su Twitter si dice che, su Twitter fa tendenza questo, su Twitter non si parla d’altro…
E’ sempre una minoranza a cinguettare.
Ne parlano su Twitter, poi, non si può sentire.
Su Twitter, ‘La gente pensa che’ non è uno spaccato valido della realtà. Qualunque essa sia.
Vi aggiungo: è facilmente manipolabile. Ne scrivevo 2 anni fa
E’ gratis aprire profili Twitter, è gratis organizzare gruppi che retwittano a raffica, è gratis.
Si possono invece acquistare i followers, lo sappiamo. Per dire: “Io ce l’ho più…seguito”
E’ ‘sempre’ qualcuno in particolare [o al massimo «alcune persone»] su Twitter a dire qualcosa.
Non è Twitter.

Evviva sempre Twitter, per quanto mi riguarda.
Ho appena compiuto 7 anni di Twitter, e non lo lascerei mai.
E’ bello vedere che sempre più utenti lo utilizzano e che molti sappiano cosa sia Twitter.
E’ bello parlarne nel quotidiano.
Non prendetelo troppo sul serio, il fenomeno Twitter, però!

PS la mia sempre valida guida a Twitter e le mie slide “Ora ti spiego Twitter” sono a vostra disposizione. Buon Twitter!

Elezioni Regionali Basilicata a suon di hashtag

La campagna elettorale in Basilicata oramai sempre più social, integra anche Twitter.
I candidati twittano da soli, dal loro smartphone o fanno twittare lo staff, cinguettano, ricordano i loro appuntamenti, lanciano temi e slogan a colpi di hashtag (parole chiave precedute da un cancelletto #, servono a rendere ricercabili le conversazioni).

Una moda? Una strategia comunicativa?
Finalmente la Basilicata politica abita la rete e le conversazioni?
Vedremo!

Si rende necessario aggregare diverse fonti e osservare cosa accade.
Capire il fenomeno, seguirlo, soprattutto farlo capire anche a chi non ha idea di quanto sta accadendo online, però vede i manifesti elettorali, quelli di carta, riempirsi di parole con cancelletto.

Un aggregatore/osservatorio su http://regionalibas.tumblr.com, una idea di @catepol, che metto a disposizione di quanti vogliono seguire le #regionalibas (perché coinvolti o perché semplicemente curiosi).

Un Tumblr (altro strumento social, immediato) per tenere traccia in ogni momento, da oggi, fino alle elezioni di novembre e anche dopo, di quanto twittano i candidati Presidenti e Consiglieri, di quanto si dice e si twitta di loro, di quanto e come vengono usati gli hashtag, dell’eventuale uso di Instagram, dei numeri di Twitter in queste #regionalibas, dei media tradizionali regionali e locali che si adeguano al flusso cinguettante, rincorrendo oramai anche le notizie che rimbalzano immediatamente in rete di 140 caratteri in 140 caratteri.

20131101-191217.jpg

Già su #regionalibas http://regionalibas.tumblr.com
– più di 30 hashtag utilizzati dai candidati e dalle coalizioni
– i candidati su Twitter
– la lista Twitter Regionalibas (candidati, opinionisti, giornalisti ecc.)
– la lista dei Fake
– le statistiche di uso degli hashtag elettorali dell’ultimo mese (quello in cui gran parte di essi sono nati)
– hashtag e candidati su Instagram

Altri dati saranno aggiunti man mano, per avere a disposizione il quadro più completo di quanto si dice su Twitter.
Altre analisi seguiranno.

Le elezioni non si vincono a colpi di hashtag, serve ben altro. Interessante il fenomeno scatenatosi nella Regione in cui vivo e da cui twitto da tempo immemore, simpatico sapere di aver istigato anche più di qualcuno. Dicono.

:D

L’osservatorio Regionalibas non si ferma al PD o alla Lista del Presidente, si allarga a tutti i soggetti e partiti coinvolti, di ogni schieramento.

Stay tuned, lavoro in progress, catepol at work!

Le primarie si possono vincere anche con i social? Numeri di Twitter Primarie Centro Sinistra in Basilicata

Nota originalmente pubblicata su Facebook (a causa di problemi qui sul mio blog che spero si siano risolti con la pulizia di un sospetto codice malware)

Diamo i numeri davvero.
Le primarie si possono vincere con i social?
Forse. Non ho risposte certe, solo numeri, al momento.

Fatto sta che in Basilicata per le recenti Primarie del Centro Sinistra i due principali contendenti,
Piero Lacorazza e Marcello Pittella, entrambi candidati per il Partito Democratico, la battaglia l’hanno giocata anche sui social.

O meglio, Pittella l’ha sicuramente giocata, Lacorazza, invece, li ha praticamente congelati, i social, nella sua campagna elettorale. E così, apparentemente, i suoi elettori.

Piccolo disclaimer: ho dato una mano allo staff Twittante di Marcello Pittella in questa campagna elettorale (si è capito, l’ho anche già detto altrove).

Precisiamo subito che entrambi gestiscono Twitter e Facebook (pagina e profilo, almeno) sia personalmente che supportati da uno staff di comunicazione.
Due stili diversi di comunicazione, quasi opposti. Due scelte sensibilmente diverse.

I canali social, infatti, oramai non vanno solo abitati ma anche presidiati. Le persone conversano, le persone ti cercano, chiedono, protestano, supportano, dialogano, messaggiano via social.
Twitter è più immediato, Facebook è il luogo dei contenuti da far circolare, più o meno meditati e argomentati, certo non vincolati ai 140 caratteri. Twitter è la sintesi, un sms che l’utente invia al candidato, un breve richiamo a dove si è, a cosa si sta facendo, a cosa si sta dicendo, il rilancio della stampa che ti riguarda ecc. Facebook è il luogo dove mostrare le foto degli eventi. Ecc.

Pittella e Lacorazza, entrambi muniti di sito istituzionale, da tempo, aggiornato durante la campagna elettorale delle primarie.

Pittella e Lacorazza entrambi muniti di profilo Facebook, pagina Ufficiale (e qualche gruppo curato o meno dallo staff o frutto di iniziative altrui).
E’ sulle pagine che si concentra l’attività della campagna. Più del profilo che comunque viene aggiornato. La Pagina Facebook permette infatti di avere più di 5000 fan, il profilo personale a 5000 si ferma. Entrambi i candidati aprono la partita con numeri più altri, profili e pagine nati in precedenza e non per l’occasione (come di solito accade in politica).

Pittella e Lacorazza, entrambi muniti di profilo Twitter per cinguettare, da tempo.

Diamo i numeri di Twitter. Proviamo ad analizzarli insieme.

Quelli personali, innanzitutto.

Piero Lacorazza:

Immagine 29

3593 Tweet
Segue 885 profili
E’ seguito da 1829 profili

127 Tweet nel mese di settembre 2013

Immagine 28

Marcello Pittella:

Immagine 22

3544 Tweet
Segue 1180 profili
E’ seguito da 1917 profili

Crescita Followers mese di settembre 2013

Immagine 23

838 Tweet nel mese di settembre

Immagine 26

Cosa è successo in termini di followers nell’ultima settimana, quella delle Primarie?

Immagine 25

In tanti hanno deciso di seguire Pittella su Twitter, inferiore il trend di crescita followers di Lacorazza.

Mentre Pittella ha ritenuto opportuno raccontare anche con Twitter la sua campagna elettorale, i suoi spostamenti in camper o meno, cosa succedeva agli eventi, far fare allo staff il livetwitting dagli eventi stessi, rispondere a quanti chiedevano qualcosa, postare link a vari articoli sulle primarie, ai contenuti quotidiani della sua pagina Facebook, alle sue riflessioni, al programma sul sito ecc.

Lacorazza decide praticamente di spegnerlo, Twitter. Mancanza di tempo?
Tweet degli spostamenti del camper o poco più durante la campagna elettorale. Eppure era uno che Twitter lo sapeva usare, hashtag compresi.

Ecco le hashcloud complessive dei due profili Twitter (non solo gli hashtag della campagna elettorale:

Piero Lacorazza ha sempre usato gli hashtag, in diverse occasioni:

Immagine 29

Marcello Pittella ha usato gli hashtag soprattutto a partire dalla campagna elettorale delle Primarie, in un crescendo:

Immagine 27

Entrambi scelgono gli hashtag della Campagna Elettorale.

Per Marcello Pittella #liberaleprimarie

Immagine 5

#liberaleprimarie è stato usato su Twitter 1078 volte. Dal candidato, come filo conduttore e adottato immediatamente anche dai supporters di Pittella.

Come potete notare dal grafico dell’andamento giornaliero, #liberaleprimarie ha tre principali picchi: l’evento di Matera con livetwitting (più di 200), l’evento di Potenza al Don Bosco con livetwitting (oltre 350), la notte delle Primarie con annesso livetwitting (più di 200).

Si aggiungono contenuti provenienti dall’account Instagram che racconta tramite foto, gli eventi e si aggiunge alla conversazione su Twitter.

Unito a #liberalabasilicata, usato solo 77 volte.

Immagine 6

I Tweet contenenti entrambi gli hashtag sono 77.

Immagine 8

A cui dal 22 settembre si aggiunge #pittellapresidente (anche questo hashtag viene adottato immediatamente sai supporters, è oramai chiaro che con Pittella l’hashtag funziona e accompagna le azioni e la partecipazione).

Immagine 7

Già abbondantemente presente su Twitter, 150 volte. hashtag che sicuramente rimarrà quello ufficiale per le Regionali.

Piero Lacorazza lancia invece da subito due hashtag:
#basilicatamigliore twittato 180 volte e #cambiareinsieme twittato 395 volte.

Immagine 9

Un solo picco durante la campagna elettorale che non arriva però neanche a 50 tweet.

Si aggiunge un hashtag, per Piero Lacorazza, creato dagli stessi supporters: #iostoconpiero che conta 11 tweet.

Immagine 10

E che segue lo stesso andamento degli hashtag ufficiali di Lacorazza: la calma piatta.
Su Twitter non accade nulla o quasi che riguarda Lacorazza.

Immagine 11

Non ci sono tweet dai vari appuntamenti del camper, solo qualche foto postata su Facebook.
Non c’è il racconto. E dove non si racconta, la gente non partecipa.

Paragonando #basilicatamigliore #liberalerpimarie #cambiareinsieme nello stesso grafico appare immediatamente agli occhi la differenza numerica.

Immagine 12

Marcello Pittella, il suo hashtag è il più twittato della campagna. Quindi quello che si diffonde di più, che riceve più risposte e retweet anche di critica, certo. Dato di fatto.

Vediamo che dicono i supporters di Lacorazza:

Immagine 13

Dove sono? #iostoconpiero viene usato pochissimo… pochi hanno Twitter tra gli elettori di Lacorazza?

Non credo. I GD lucani, ad esempio, subito dopo il 22 stanno venendo fuori su Twitter con tutta la loro delusione per la sconfitta del candidato che supportavano ma che non ce l’ha fatta.

Perché invece non pensare prima ad usare Twitter per diffondere e promuovere il voto a Lacorazza tra i propri contatti?
Mistero!

E vengono fuori ora urlando #liberamarcello twittato in due giorni 120 volte. Più di quanto in un mese sia stato twittato #iostoconpiero

Immagine 14

Con un picco maggiore rispetto allo stesso #cambiareinsieme che doveva essere l’emblema su Twitter del cambiamento prospettato da Piero Lacorazza.

Immagine 15

E anche rispetto a #basilicatamigliore

Immagine 16

Ben 554 i tweet contenenti entrambi i cognomi Pittella e Lacorazza

Immagine 17

243 invece i tweet che nominano entrambi i candidati alle Primarie con il loro profilo Twitter.

Immagine 18

2355 tweet contenenti solo Pittella e 945 quelli contenenti Lacorazza. Questo dato però non ci serve. Pittella riguarda anche il fratello di Marcello, Gianni, candidato alla Segreteria del PD. Questo spiega il grande numero.

Immagine 19

1847 hanno fatto reply a @marcepittella, mentre soli 1111 hanno fatto reply a @pierolacorazza

Immagine 20

Reply sta per partecipazione, per gente che ti chiede qualcosa, che ti risponde, che ti sollecita e, perchè no, che ti provoca, su Twitter.

Questi numeri non dicono certo che le elezioni si possono vincere anche con Twitter. Indicano però la partecipazione. Molto chiaramente.

Pittella e il suo staff hanno usato lo strumento social per coinvolgere.
Hanno raccontato senza troppi fronzoli, velocemente, le giornate della campagna elettorale ma soprattutto i contenuti di libertà proposti da Pittella.
Gli elettori hanno risposto, sia online che con il voto.
Hanno partecipato, conversato, mandato messaggi privati, diffuso e ritwittato le frasi di Pittella, il livetwitting, i messaggi positivi dell’evento del Don Bosco, la concitazione dell’arrivo dei dati ai comitati ecc.

Lato Lacorazza, dai numeri e dai grafici la partecipazione non si evince. Scelta?
O semplicemente non aver considerato che nel 2013, smartphone in mano, la gente partecipa e si coinvolge anche così?

Spiace che si siano svegliati solo adesso, gli elettori di Lacorazza su Twitter con #liberamarcello (che, a mio avviso, fa anche gioco a Pittella, lo scopriremo solo vivendo la prossima campagna elettorale!), spiace leggere toni aggressivi. Spiace che il candidato giovane, che ha dimostrato in altre occasioni di usarlo anche bene.

E’ il momento di essere propositivi con il candidato a Presidente del Centro Sinistra e del PD anche su Twitter.

Twitter può essere usato meglio.
E a volte, con Twitter, si vincono le primarie, se lo si annovera tra i luoghi abitati dalla gente.

catepol

Ora ti spiego Twitter…

e poi ti interrogo!

Scherzi a parte, ma rimanendo dentro la metafora della prof che spiega alla lavagna (dopotutto è il mio mestiere), questa è la presentazione che ho utilizzato a #pzsmart il 4 settembre a Potenza per spiegare Twitter a chi inizia ad usarlo, a chi già lo usa e voleva capirne di più, a chi nemmeno sapeva cos’è prima di fermarsi in Piazzetta Maffei incuriosito da quei tre (io, Ernesto, Giovanni) che parlavano di Twitter, Facebook, Open Data.

I Simpson e gli Open Data, invece, li trovate qua.

#pzsmart – PRESENTE AVANZATO, La città tra il futuro e il digitale a Potenza

Potenza. Il 4 settembre scopriremo finalmente chi è il vincitore di PotenzApp, la app che migliorerà il nostro abitare digitale in questa cittadina lucana e non solo.

Il 4 settembre, in realtà, il programma è lungo e articolato. Ci sono a parlare anche io!

Il 4 settembre sarà l’occasione per confrontarci sulle cose che cambiano, discutendo di presente avanzato, di futuro tra la città e il digitale.

logo potenza goes smart completo colore

A Potenza, dalle 15.30 prima al teatro Stabile e poi dalle 19 in piazza Maffei. Per chi si trova da queste parti e mi legge, fateci un pensierino.

Il dibattito è sul racconto della città, con i direttori delle maggiori testate locali. Vari speaker sul tema “Come è cambiato il racconto del territorio”.

Chiuderemo io, Ernesto e Giovanni con alcune lezioni divertenti e aperte a tutti, dedicate all’uso dei social media e degli open data.

A me, ovviamente, tocca spiegare Twitter, a Giovanni Facebook e a Ernesto gli Open Data. Spalleggiandoci a vicenda!

Il programma completo è qua: http://www.potenzasmart.it/presente-avanzato-il-programma/

Premiazione da parte del Sindaco Vito Santarsiero

Keynote di Derrick De Kerckhove, filosofo, sociologo su “La Cittadinanza Digitale”

Dibattito su “Abitiamo non la città, ma il racconto della città.
Giornalismo, digitale e territorio”

Introduzione di Carlo Felice Dalla Pasqua, autore de “Il giornalista Fantasma”
Keynote di Mario Tedeschini Lalli, responsabile internazionale della Online News Association

Infine: Strumenti della modernità

Facebook per genitori: Giovanni Boccia Artieri, professore ordinario di sociologia dei New Media

Twitter per chi inizia: Caterina Policaro, docente esperta di apprendimento con le tecnologie e i media sociali

Open data per la comunità: Ernesto Belisario, avvocato specializzato in diritto amministrativo e scienza dell’amministrazione.

L’hahstag per seguire da lontano è #pzsmart

Vi aspettiamo!

Special thanks per tutto ciò e anche di più a Giuseppe e Sara, dimenticavo!

Come scegliere un hashtag

Dal blog di TwitterUK, utili suggerimenti per scegliere l’hashtag migliore e una infografica riassuntiva che prova a guidare la scelta.

hashtag

Come scegliere un hashtag (che, ricordiamolo, è la parolina chiave preceduta da un cancelletto #, che permette di cercare sia su Twitter che su Instagram e Facebook ecc. tutti i post/tweet/foto pubblici contenenti quella parola chiave)?

Quando pianifichiamo un hashtag (ad esempio quello che ho fatto io durante le vacanze per raggruppare le mie foto a seconda del luogo) cominciamo con il chiederci: perché voglio associare una parola chiave a questo particolare tipo di contenuti?

Un evento, un argomento, un tema ben preciso?
Perché possa essere utile solo a me oppure per permettere ad altri di seguire?
Per raggruppare facilmente tutti i contenuti relativi ad un tema, argomento?
Per farci facilmente uno storify riassuntivo?
Per associare e far associare subito a chi legge ciò a cui facciamo riferimento?

Gli hashtag migliori sono quelli che vengono ricordati e che vengono utilizzati, anche da altri, rapidamente, per aggiungere contenuti (vedi una campagna virale oppure quando si chiede agli utenti di partecipare ad una discussione, ad una trasmissione tv/radio, ad un concorso a tema, per raccontare un viaggio, una rivolta popolare ecc.)

Devono essere facilmente richiamati dalla memoria e associati.
Così funzionano.

Gli hashtag devono essere poi utilizzati e riportati sui canali utilizzati per diffondere quel tipo di contenuti. Se è un brand o un evento, tutta la comunicazione (anche quella cartacea relativa) deve riportare l’indicazione dell’hashtag da utilizzare. Altrimenti gli utenti poi fanno da sè, aggiungono, modificano, inventano hashtag e…le fila del discorso sui social diventano anche più complesse da tenere e seguire, si disperdono in vari rivoli.

Se le persone sui social già stanno utilizzando un #hashtag per discutere di qualcosa, utilizza quello, aggiungiti alla discussione, aggiungendo valore. Spesso l’hashtag nuovo o troppo personalizzato non entra automaticamente in conversazione. Spesso su un hashtag già in uso c’è troppo rumore (contenuti non pertinenti o di cazzeggio, bot e spammer che approfittano della diffusione dell’hashtag soprattutto se diventa anche trrending topics ecc.)

Una volta creato e comunicato, ovviamente utilizzare innanzitutto Twitter per diffondere l’hashtag.

Il post di TwitterUK è chiaramente piegato su brand e marketing. Ho pensato che questi consigli sull’uso dell’hashtag potessero essere utili comunque a tutti.

Come usi gli hashtag?
Segui solo i Trending Topics del giorno su Twitter oppure li utilizzi anche in modo personale come faccio io?
Hai cominciato ad utilizzarli su Facebook adesso che si possono cercare anche là?
Come tagghi le foto su Instagram?

Fammi sapere.

Di presenza su web, flussi, disegnini…

A proposito di presenza sul web. La mia, ovvio.
Fa un anno in questi giorni il rallentamento del blog (non l’ho chiuso ma ho postato poco e non troppo spesso, diciamolo). Un blog che ha 10 anni di vita.

Direi che è ora di riprendere le fila e di ricominciare a scrivere, quando mi va, come mi va, per chi ha piacere di leggere.

Temi sempre quelli: scuola, quella reale tra i banchi, quella digitale, annessi e connessi. Educazione, didattica, social network, uso consapevole del web, strumenti e tool utili per comunicare e abitare il web sociale, Facebook, Twitter, Instagram & co. Quello che faccio in giro, quello che leggo, quello che assorbo e che appunto qui, utile a me, utile anche ad altri.

Temi anche nuovi, a seconda di quello che succederà.

Mia presenza sui social vari: massiccia come sempre.
Solo un po’ diversa, meno me, più condivisione. Questo già da un po’, per chi se ne è accorto.

Voglia di “imparare” sempre e comunque.

20130722-174112.jpg

Stavo facendomi un disegnino sulla Moleskine, a penna.
Una volta avrei messo il blog al centro di tutto. Adesso c’è Twitter e poi Facebook.
Ragionavo sui flussi. Cosa voglio comunicare e a chi. Come vi raggiungo. Come non doppiare.

Segue post dettagliato, a mo’ di guida allo sharing.

Solo a elencare a me stessa come devono funzionare questo blog, Twitter, Facebook, Instagram, Tumblr, Foursquare, Feedly, Zite, Pocket, Pinterest, Youtube, Slideshare ecc. (ah si, Google+ volendo) con l’aiuto di alcuni tool (IFTTT, Advanced Tweet, Selective Tweets…) mi stanno venendo un po’ di idee.

Solo a riflettere di come è cambiato il social web in questi ultimi anni, per noi che ci stavamo da prima, c’è tanto da scrivere.

Stay tuned. Catepol is back. (non me ne sono mai andata, in effetti…lo scrivo per me)

Non incrocio i flussi, li ripristino…

Facciamola breve.
Twitter ha cambiato le API. Google ha chiuso Google Reader.
Tutto in questi ultimi giorni.

In pratica la base della mia condivisione in rete che funziona(va) come segue:

– Articoli interessanti su Google Reader attraverso la stellina (starred items) venivano postati su Twitter che postava su Facebook.

– Una regola IFTTT ad hoc (starred posta su Twitter), semplice e funzionante.

– Una applicazione Selective Tweets (che in generale posta un Tweet su Facebook, se il tweet termina con #fb).

Quindi le letture interessanti cliccando sulla stellina di Google Reader finivano su Twitter con un #fb nel tweet (contenuto nella regola IFTTT) che le postava anche su Facebook.

Lineare la soluzione, semplicissima la mia vita online, da qualunque device.

20130703-165944.jpg

Morto Google Reader, ci si fa un altro feed reader. Sia Feedly, che Digg, che Newsify ecc. permettono di Twittare. Tutto ció che uso, in realtà, permette di condividere con un tweet.
Se Twitter posta su Facebook, non serve altro.

Problema condivisione risolto, quindi.
Se ad ogni tweet aggiungo #fb tutto va anche su Facebook.
Tecnica che già uso, tra l’altro, per postare direttamente i link a risorse utili oppure per postare da Zite, ad esempio. La utilizzo anche dal nuovo reader e amen.

Twitter cambia le API e Selective Tweets non funziona. In realtà non funziona quasi tutto ciò che si appoggiava alle vecchie API di Twitter e non funzionerá fino a che i vari servizi e le varie app non fanno i cambiamenti che Twitter richiede loro, adesso.

Mi accorgo oggi, mi rendo conto che su Facebook taccio da 3 giorni. Non è da me, no?

Concludendo, in questo momento sono alla ricerca della soluzione più semplice e lineare che faccia la banale operazione: “se twitto e il mio tweet termina con #fb, il tweet va anche su Facebook”. Punto.

A me, per non incrociare i flussi, non serve altro.
Suggerimenti?

(intanto cerco, ma ditemi come fate voi)

NOTA BENE: questo post forse lo capiscono solo quelli che, nell’ordine, hanno un blog da 10 anni o poco meno, usavano Google Reader da 8 anni e sono in lutto, hanno Twitter dal 2006/07 e Facebook da poco dopo, considerano gli RSS come parte integrante delle loro giornate, ecc.
Questo post si pone il problema della condivisione della conoscenza (che è come uso io la rete) e va alla ricerca della soluzione che bypassi i compartimenti stagni. Il tutto nell’ottica di un ecosistema che arricchisce. Come ha sempre fatto.

Ah il blog posta direttamente e autonomamente sia su Twitter che su Facebook e le foto via Instagram vivono anch’esse di condivisione diretta sia su Twitter che su Facebook. Questi flussi sono salvi. E anche altro.

Come dite? Dimentico Google+?
Perché voi lo usate? ;)

UPDATE N.1
NATTER http://natterapp.com/ fa quello che mi serve e al momento funziona. Ripristino così il flusso Twitter + #fb che posta su Facebook.

UPDATE N. 2
Selective Tweets ha ripreso a funzionare

La scuola 2.0 vista proprio dal basso…

Anno Domini 2013.

Le prove Invalsi viaggiano su Twitter (clicca #invalsi per credere).
Però i ragazzi/e si passano le foto delle domande via Whatsapp o su Facebook. Si aspetta la risposta da qualcuno. Stesso mezzo.

Oppure, semplicemente, condividono le risposte buffe, il boicottaggio delle stesse.

Che ci sia o meno il wifi a scuola, non è un problema.
Son tutti smartphone di connessione dati autonoma muniti.
I telefonini sarebbero vietati? Vanno depositati?
Certo. Le foto arrivano sui social, in diretta dalle aule di esame, per magia. Con la sola imposizione del pensiero.

I quadri degli scrutini finali (delle scuole che hanno o non hanno il sito web per la comunicazione con le famiglie) viaggiano via foto dei tabelloni, classe per classe, postate dal compagno/a su Facebook che tagga tutti e l’informazione capillare è fatta.

Trasparenza e dematerializzazione digitale nella PA, con mezzi propri.

Postasse un prof quelle foto dei voti (o la scuola ufficialmente sulla sua pagina o profilo Facebook), apriti cielo!
La privacy, signora mia!

I Commissari Esterni degli Esami di Stato viaggiano via Gruppi Facebook. Ingenuamente aperti al pubblico o furbamente chiusi in gruppi privati.
Cioè non è che sono i Commissari ad essere 2.0 e a viaggiare sul social network. Le informazioni che li riguardano, invece, sì.

Immagine 2

Pardon, qualcuno sa come interroga di solito TIZIO del LICEO CAIO? Perché, pur essendo l’esterno di italiano, a quanto pare ci farà anche qualche domanda di latino. Gli interessa parecchio la grammatica?

Sentite qualcuno conosce per caso SEMPRONIA prof di Inglese del ISTITUTO X?
A vederla sembra buona come il pane quindi l’unica cosa che mi interessa, se qualcuno l’ha avuta come professoressa, se è particolarmente fissata con qualcosa.
Grazie in anticipo

Le tracce della maturità viaggiano via Plico Telematico.
Presunti hacker elargiscono presunti trucchi per.

Mi spiace, almeno il Plico è al sicuro fino alle 8.30 del 19 giugno.

Un paio di minuti dopo, però…ovviamente cercate su Twitter e Facebook e, magia, anche quest’anno si diffonderanno in tempo quasi reale.
E, purtroppo, i temi svolti in tempi brevi, riusciranno anche a rientrare. Come dalla notte dei tempi, adesso però via Whatsapp, ovvio.

I telefonini sarebbero vietati? Vanno depositati?
Certo.

Mandatemi una foto, se riuscite, della cattedra dove verranno depositati i cellulari, per favore.

Sarà bello vedere il Museo del GSM e dell’ETACS nel 2013. Molto bello. Che amarcord!

Gli smartphone nel mentre, ingombrando molto meno della cara vecchia cartuccera, saranno ben nascosti e pronti alla connessione e allo sharing in entrata e in uscita.

Stupiti?
Io per nulla.
E’ la scuola 2.0 vista dal basso, bellezza!

Nota Bene: faccio tanto la conoscitrice di queste cose ma prendete queste informazioni con le pinze. Gli studenti potrebbero anche essere molto più avanti e smart con le tecnologie e io non stare più al passo con le ultime app, ok?

;)

Twitter spiega come personalizzare profilo, testata e sfondo

Twitter spiega con un cartone animato come personalizzare il profilo, come inserire la foto profilo, come modificare la testata e lo sfondo.

Per non essere anonimi “ovetti” tutti uguali e senza personalità.

Molto carino e utile.

Estraendo dati da un campione dai miei follower scoprivo che….

Conta più il numero dei follower su Twitter o la qualità delle interazioni?
Sono esseri umani o bot questi follower?
Sono esseri umani ma sono profili fake?
Come funziona Twitter esattamente?
Come scoprire chi si cela dietro un profilo Twitter con sicurezza?

A questi ed altri interrogativi proverò a rispondere con la mia personalissima ricerca.

Mentre, complice la calura estiva, il dibattito in rete oggi pare aggrapparsi ad un lavoro di MCC nel quale si prova a dimostrare il legame Grillo, Followers, Finti Followers (fake), Bot su Twitter che fanno numero ma non sono umani…

…io, sempre complice la calura estiva, estraevo un campione rappresentativo dai miei follower su Twitter per analizzarli e comprendere un paio di cosette.

Su 7 follower estrapolati tra quelli che conosco personalmente nella vita reale anche prima di Twitter, di cui 5 parenti entro il primo grado, 1 parente acquisito, 1 amica, gente di cui ho il numero di telefono e che sento regolarmente, per capirci scoprivo che:
– 3 non hanno mai pensato di cambiare l’ovetto
– 3 hanno inserito la loro foto
– 1 non si capisce perchè abbia quella foto
– 1 solo contiene una bio che non si capisce cosa sia
– nessuno dei 7 ha almeno 30 followers
– nessuno dei 7 ha scritto più di 50 post, a volte nemmeno 20
– 1 solo si è in qualche modo geolocalizzato
– tutti non twittano da più di un mese, alcuni non hanno mai twittato proprio…

Hanno twittato così poco che controllare l’uso della punteggiatura nei loro post o se ci fosse almeno un hashtag è facile. No, non credo si siano proprio posti la domanda “cosa sono quelle parole con il cancelletto?”. Tranne 1 dei 7. Me lo ha chiesto a voce.

Qualcuno ha l’iPhone per accedere a Twitter, qualcuno Android (lo so perché so che smartphone possiedono), non credo abbiano Foursquare (o almeno non mi hanno mai aggiunto tra i loro amici), 1, però, sicuro ha Instagram (ce l’ho tra i followers anche là), molto probabilmente in generale hanno usato Twitter.com le poche volte che hanno Twittato qualcosa. Per provare.

Oppure durante Sanremo.

C’è chi ha scritto un paio di suoi pensieri, chi ha condiviso qualche link, chi ha risposto ad altri utenti Twitter (nello specifico, in generale, tipo a Fiorello, a Papaleo e a Catepol. Non per forza in quest’ordine).

C’è chi non ha mai veramente twittato, c’è chi non è seguito da nessuno oltre che da me che li seguo appena mi aggiungono loro, li conosco, che faccio? La snob?

Analizzando da vicino chi seguono la situazione è questa: n. di following pari a VIP = totale following -1 (e il -1 sono io, quindi seguono tot VIP + catepol).

Non esattamente un comportamento “umano” su Twitter per questi 7 profili, no?

Ognuno c’ha i bot che si merita, per followers. I miei, posso dire alla fine di questa mia personalissima ricerca, si annidano tra parenti e amici.

Sicuramente non sono dei fake, ma solo perchè io li conosco e li riconosco.
Di persona. L’apparenza o identità digitale, invece, giocherebbe tutta contro di loro.

Evviva Twitter.
Voi non prendetelo troppo sul serio, però.

Pagina 1 di 3012345...102030...Ultima »
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: