Facebook: quanto vale la tua fan page?

Dopo aver visto come sapere attraverso Facebook chi condivide i nostri post, oggi parliamo di Fan Page e di come misurarne il valore.

Vitrue ha rilasciato oggi uno strumento molto utile per comprendere quanto può valere una fan Page di Facebook. Si tratta di Social Page Evaluator, pensato per chi fa comunicazione e marketing attraverso Facebook e le Fan Page.

Basta inserire il link alla pagina Facebook e l’applicazione elaborerà una valutazione bastata soprattutto su alcuni fattori (e la loro combinazione): numero di fan, numero di post al giorno, numero di interazioni ecc.

Certo, non è uno strumento completamente scientifico, ma rende l’idea del potenziale valore di una Fan Page di facebook, soprattutto per chi investe in marketing e pubblicità.

Social Page Evaluator è ovviamente correlato alle stime della stessa Vitrue riguardo al valore (in dollari) dei Facebook Fans, soprattutto per i brand e i marchi ben consolidati.

Un fan vale circa 3,60 dollari, secondo Vitrue.

Il tool Social Page Evaluator è interattivo, presenta una sezione “Fan-tasize” section attraverso la quale è possibile manipolare alcuni dati, tipo il numero di post al giorno, il livello di partecipazione e il contatore del numero dei Fan, per vedere anche come cambia la valutazione della Fan Page.

E’ inoltre possibile effettuare una comparazione della Facebook Page con quella di altri marchi (massimo 3 per volta) e visionare la storia del valore della Fan page. E’ presente anche un elenco di best practices per ottenere il meglio da una FAN PAGE di Facebook.

(via mashable)

Bene, ho fatto ovviamente un po’ di prove, avendo a disposizione la FAN PAGE del mio blog: http://www.facebook.com/catepol.caterina.policaro

(A proposito: tu che mi leggi, sei mio FAN, vero? No??)

Risultato: “Bad Facebook Page URL or Page Is Restricted. Please try again.”

Non posso sapere quanto valgono i miei 949 fan, me tapina!

UPDATE: ho chiesto se ci fosse un bug, rispondono che effettiavamente il bug c’è.

Vitrue: @Caterina – Page URLs with additional periods are not able to be evaluated at the moment, we are currently working to resolve this issue. Please let us know if you have any other questions or concerns.

Però l’altra pagina, quella aperta per gioco, con solo 29 fan: http://www.facebook.com/pages/Catepol/102186816539 pare funzionare:

C’è un minimo di elaborazione dei miei fans, come vedete.

(chi sa perchè non funziona la pagina ufficiale? Immagino sia un problema della URL, dato che quella è personalizzata e la seconda no? Chi sa come eventualmente farlo funzionare, parli, son curiosa di sapere quanto valete)

Ho provato una comparazione tra la mia pagina a 29 fans e quella di Gigi Cogo:

Ho provato anche la simulazione con Fan-tasize, mettendo i numeri della pagina che non funziona, per cui con 949 fan la situazione possibile potrebbe essere questa:

Insomma! Voi valete davvero!

Che ne dite di questo strumento?

Facebook: strumenti utili e nuove funzioni

Facebook in questi giorni ha, nell’ordine, rivisitato un’altra volta le questioni relative alla privacy degli utenti (ovviamente in peggio), lanciato il bottone LIKE (mi piace) da mettere ovunque nel web, rilasciato social plugin e Facebook’s Open Graph API…e chi più ne ha più ne metta. Tutto da approfondire appena posso.

Riguardo alle novità sulla privacy, in sintesi, l’idea di Facebook è quella di inviare dati e informazioni personali relative al vostro account ed alla sua rete sociale e preferenze ai siti visitati quando siamo loggati su Facebook. Per evitare che ciò accada sta a noi regolare le impostazioni relative ai vari siti che agiscono in partnership con Facebook. Alcune spiegazioni in questo post o su Mashable dove c’è la procedura per disabilitare queste “Instant personalization” di Facebook.

Cominciamo con la storia dei tuoi inviti su Facebook. (via Labnol)

Vuoi sapere chi si è iscritto a Facebook grazie a te? Vai qua http://www.facebook.com/invite_history.php?mv=3

Vuoi sapere chi hai invitato su Facebook ma non ha ancora accettato l’invito? Vai qua http://www.facebook.com/invite_history.php?mv=2

Vuoi sapere chi, nella cerchia dei tuoi amici, ha portato il numero maggiore di persone su Facebook? Vai qua (una pagina che in inglese è Impact mentre in italiano è resa come Incidenza…) http://www.facebook.com/impact

E puoi anche rimandare la mail di invito a chi se l’è persa :)

Alle nuove funzionalità di Facebook si aggiungono alcuni strumenti che vi segnalo. (via ReadWriteWeb)

Zesty.ca/facebook: Vuoi vedere cosa Facebook sa di te? Inserisci su Zesty.ca/facebook la tua ID Facebook o il tuo username per vedere tutte le informazioni che dal tuo account sono diffuse in pubblico.

ItsTrending: mostra cosa viene condiviso maggiormente su Facebook cercando ovviamente tra tutto ciò che è pubblicamente condiviso dagli utenti e dividendo quello che trova in categorie: video, news, immagini, sports, tech, giochi ecc..Ottimo sito per scoprire i video più virali diffusi su Facebook e tutti i contenuti più popolari che vi passano sopra, condivisi dagli utenti.

LikeButton.me: Un altro sito che permette di scoprire i contenuti più condivisi su Facebook partendo però da quanto viene condiviso dai tuoi contatti e amici di Facebook. In pratica è la raccolta organizzata di quanto i tuoi amici ritengono più interessante.

Su LikeButton.me è possibile anche personalizzare la pagina aggiungendo una categoria di link o parole chiave da monitorare per sapere chi tra gli amici condivide quel tipo di contenuti.

Open Facebook Search: permette di cercare qualcosa nel contenuto pubblico di Facebook anche se non si è iscritti o loggati . Chiunque può utilizzare Open Facebook Search. E’ un motore di ricerca della timeline di Facebook: basta scrivere  quello che si cerca e cliccare su “search” per vedere sull’argomento le conversazioni di Facebook, i link, le foto e i video, in tempo reale.

Non è che funzioni benissimo, però.

OneRiot: Ricerca in real-time search che già indicizzavaTwitter, MySpace, Delicious e Digg e che ora aggiunge alla ricerca i vari “like” pubblici su Facebook per cercare e trovare nel web sociale.

Il Facebook Like Button, un bookmarklet che ci permette di fare like su qualunque cosa in Internet – anche quando il bottone LIKE non è presente sulla pagina. Con il Facebook Like Button tutti possono mettere il pulsantino Like che punta ad un link scelto dall’utente (occhio a chi ne approfitta, come segnala Matteo). Per usare il bookmarklet, basta trascinare il link seguente sulla barra dei bookmark (segnalibri) del Web browser: Like-o-matic. E poi lo si clicca ogni volta che su una pagina del web vogliamo segnalare “Mi piace”.

Io ho inserito il plugin WordPress per avere il bottone LIKE sotto ogni mio post.

Facebook.me, un servizio che trasforma il tuo contenuto di Facebook in un simil blog attraverso una Facebook app. Una volta autorizzata l’applicazione ad accedere ai tuoi post, commenti, foto, video ecc. essi vengono pubblicati su un sito esterno, dove è possibile personalizzare un minimo con un paio di temi disponibili.

Formspring.me: fammi le domande, ti rispondo

Ieri sera ho scoperto e provato un semplice servizio: http://www.formspring.me/. Di che si tratta?

Di un posto, una bacheca, dove semplicemente si postano domande (anche in maniera anonima, quindi non c’è bisogno di registrarsi) e chi possiede il formspring.me può rispondere e le risposte vengono pubblicate.

Più facile a farlo che a spiegarlo. Vai su http://www.formspring.me/

Immagine 6

Ti registri con le solite cose: username, password, mail e hai bella e pronta a tua bacheca.

La mia è http://www.formspring.me/catepol ovviamente.

Immagine 7

Come vedete dall’immagine, chi arriva sulla mia formspring.me trova un piccolo box, un’interfaccia semplicissima, nella quale scrivere una domanda, decidere se postarla in modo ANONIMO oppure identificarsi e cliccare send/invia.

Come funziona?

Cosa succede a questo punto?

Semplice: nella mia DASHBOARD arrivano le domande (anche in mail all’indirizzo che abbiamo registrato.

Immagine 8

Anonimo come potete vedere. Non vedo altro che la domanda (eventualmente l’autore se ha deciso di inserire le sue info identificative, altrimenti puramente anonimo. Anche in mail, anonima totalmente.

Immagine 10

A questo punto chi ha postato la domanda non vede nulla, verrà pubblicata solo se riceve risposta dal destinatario a cui è rivolta.

Infatti per ogni domanda, nella dashboard, sono disponibili due semplici opzioni: Cancella e Rispondi:

Immagine 9Cliccando Rispondi si apre un box sotto la domanda e si risponde:

Immagine 13

A questo punto, con l’invio della risposta, apparirà in bacheca sia la domanda che la risposta. E le varie domande e risposte si susseguono nella propria Formspring.me. Non postate più volte la domanda se non la vedete apparire, viene pubblicata solo quando c’è la risposta, quindi è il proprietario della bacheca a decidere cosa pubblicare e cosa no, cosa merita risposta e cosa no. Può essere quindi utilizzato per interagire velocemente con i propri lettori, per creare delle FAQ con le domande stesse degli utenti, per un supporto, per costruire insieme linee guida, ecc.

Immagine 14

Il sistema semplicissimo si interfaccia già con Twitter, Tumblr, Blogger e Facebook (anche se Facebook non sembra funzionare), questo permette di postare la risposta e inviare un messaggio sui servizi, ai propri follower.

Immagine 15

E’ inoltre possibile personalizzare lo sfondo della propria pagina ed è disponibile un widget personalizzabile  da pubblicare sul blog:

Che aspetti? Posta una domanda (anche anonima) nel mio widget qui nel post (oppure vieni su formspring.me ) e io ti risponderò!

Cos’è Twitter e come si usa: un’altra bella presentazione

Un’ottima presentazione di Jane Hart su Twitter al Informatology Conference in London dove ha tenuto un Twitter Workshop.

Twittami: i link più twittati della blogosfera

Queto blog sta provando Twittami (in beta chiusa per ora, ufficialmente lo potrete usare tutti a settembre).

immagine-22

Twittami è un progetto e una idea di Nicola Greco – http://nicolagreco.com.

In pratica è un badge da installare sul blog (lo trovi su ogni mio post in alto a destra, quello azzurro col numeretto!)

Il badge di Twittami può essere molto utile per aumentare le visite al blog e rendere i contenuti virali su Twitter, ma soprattutto ad avere idea di quante volte un link al tuo post viene diffuso su Twitter.

Il badge è disponibile solo per chi ha l’invito a testare la versione beta.
Sei un blogger e vuoi richiedere un invito ? Contatta Twittami inviando un messaggio diretto su twitter @retwittami (per farlo devi seguirlo su twitter).

Come funziona Twittami?

immagine-41

immagine-51

Twitter è un potenziale strumento virale, bisogna quindi sfruttarlo.
Pubblicare un link su Twitter significa che in media più di 100 persone, i tuoi followers (coloro che seguono i tuoi aggiornamenti di stato) vedranno il tuo link pubblicato.
Aggiungendo sul tuo sito/blog il badge di Twittami, aumenti la possibilità che il tuo link venga pubblicato da qualche tuo lettore su Twitter, così i suoi 100 followers vedranno il suo link, visiteranno il link e se anche a loro piace, re-pubblicheranno il tuo link e per ognuno di loro altre 100 persone visiteranno il tuo link, rendendo il tuo contenuto virale.

E’ interessante vedere poi quante volte un tuo post viene RiTwittato attraverso Twittami (e soprattutto anche chi dei contatti Twitter ha RiTwittato:

immagine-6

E soprattutto vedere la “classifica” dei post più Twittati del giorno:

immagine-7

Sono attualmente in vantaggio! Scherzi a parte, auguri a Nicola per il lancio e il test di questo servizio che sarà molto utile a tutti per capire cosa piace, cosa viene letto e linkato su Twitter nella blogosfera italiana!

Mind mapping: mappe mentali per apprendere e organizzare informazioni

Io sto utilizzando le mappe mentali e concettuali nel mio piccolo, nella mia didattica “speciale” a scuola, quest’anno più di prima. Con le penne multicolore. Si proprio quelle che non vedevo dalle elementari. Ed ero io bambina, ad averle nell’astuccio!

C’è tanto da imparare per utilizzarle al meglio.

Mind Mapping is a method of storing, organizing, prioritizing, learning, reviewing and memorizing information. It effectively presents an overview and summary of a body of knowledge that fuses words and pictures; helping simulate logic and creativity for proficient and effective thinking practices involving the 5 senses.

Le mappe mentali sono un ottimo metodo per organizzare, apprendere, memorizzare, mostrare informazioni. Ce ne sono in itnernet di meravigliose. Stimolano il Visual Thinking, aiutano a creare correlazioni.

Vi segnalo un post veramente completo sul Mind Mapping, cos’è, come si fa, tool e tecniche:

http://blog.iqmatrix.com/mind-map/how-to-mind-map-a-beginners-guide

e questi 2 video con le regolette basilari per mappe veramente efficaci.

Twtrfrnd: scopri contatti comuni su Twitter

Twtrfrnd è una semplice app che permette di comparare gli amici e i contatti di due account Twitter per scoprire quanti se ne hanno in comune. (via)

immagine-24Basta inserire i nickname dei due account che vogliamo comparare. Non funziona con gli account protetti.

Ho provato a comparare me e @clarita82

Twtrfrnd ci fornisce 2 elenchi:

1. I Common Friends: io e clarita abbiamo ben 489 contatti che seguiamo entrambe. E i miei 100 contatti più di vecchia data seguono anche Clarita!

immagine-33

2. Gli Indicators: Che mostra come ben 512 persone che io seguo seguono anche Clarita.

immagine-42Vi può essere utile? Io vi segnalo Twtrfrnd, fatene buon uso.

Un 2008 di web 2.0 precursore di un 2009 che chi sa come sarà?

(via) Cosa è stato il web nel 2008 e come ci ha cambiato. Servizi, tool, strumenti che hanno modificato il nostro modo di abitare il web 2.0 e le relazioni. Cosa ci aspetterà nel 2009? Quali social network, quali strumenti? Dove si sposteranno le conversazioni dopo esser passate dai blog a Twitter, Friendfeed, Facebook? a noi l’ardua sentenza.

Auguri e buon 2009 a tutti!

Religione 2.0 e didattica con le nuove tecnologie

(via) Luca presenta all’IRCamp, il primo Barcamp per insegnanti di religione queste 130 applicazioni e tool che possono essere utilizzate in classe per lavorare in classe  con i nuovi strumenti che le tecnologie e internet offrono, spesso e volentieri a costo zero. Un valido punto di partenza per iniziare a lavorare in classe con le nuove tecnologie, per fare didattica della religione e non solo utilizzando le nuove tecnologie e la rete.

Top 100 Tools for Learning 2008: i 100 migliori tool per l’e-learning

Jane Hart ha messo su e condiviso online la “Top 100 Tools for Learning 2008″, i 100 migliori strumenti 2.0 e non utilizzabili per fare e-learning o comunque da utilizzare per favorire i processi di insegnamento/apprendimento. La lista di tool è stata elaborata con il contributo di 223 learning professionals di tutto il mondo.

La lista degli strumenti è disponibile online su www.c4lpt.co.uk/recommended/top100.html, come slideshow e come PDF per il download.

I vari tools sono suddivisi in categorie. L’elenco completo disponibile su Toolset for Learning 2009

Top 100 Tools for Learning 2008

View SlideShare presentation or Upload your own. (tags: tools learning)

E-LEARNING: tool per facilitare, migliorare e promuovere la formazione online

(via)

Babbel – Imparare le lingue online con un personal trainer.
Classtools – Creare & pubblicare educational Flash games, activities & diagrams.
Clear – Creare, embed & condividere RIA tools per migliorare il language learning (apprendimento delle lingue)
Edu20** – Teach a/o learn, dovunque ti trovi
Eslvideo – Creare quiz educativi partendo da video online
Italki – Scambi linguistici e learning community.
Kantalk – Praticare le lingue con altre persone, registrare e condividere le tue lezioni
Keybr – Testare le  typing skills, la propria capacità di digitare testi
Learnitlists – Imparare una lingua step by step
Lectureshare – Esplorare & condividere lecture notes, video e registrazioni audio
Lernu –  Imparare l’Esperanto.
Mango – Online language learning system.
Myhappyplanet – Teach & learn attraverso live chat, messaging, videos & lessons.
Neulio – Esplorare, creare & condividere  how to-videos.
Ocwfinder – Open courseware database & search.
Rouxbe – Video cooking lessons & forum.
Showmehowtoplay – Lezioni con la community dei musicisti
Tutorom – Creare, distribuire & condividere lezioni
Utipu – Registrare & condividere screen demo.
Vocab – Mobile e-learning solutions.
Yacapaca – Esplorare & creare quiz, surveys, tests, eportfolios per le tue classi.
Yudomagic – Community per la produzione di magic video performances e tutorials.

B4class – Group & video chat, scheduling, photo sharing & tutoring.
Cafescribe – Search texts, upload & share notes, subscribe to best notes & save trees.
Chalksite – Porta la tua classe online.
Classcaster – Interazione con gli studenti attraverso podcasts & blogs.
Classmarker – Creare, publicare & condividere test e quiz.
Edublogs – Blog hosting fper docenti (WordPress).
Elgg – Open source e-learning software.
Engrade – Aiuta docenti, studenti e genitori ad essere connessi
Examprofessor – Create, publish & share exams.
Gradefixorganizzazione del lavoro
Grockitpreparazione di esami online
Haikuls – E-learning publishing & management
Livemocha* – Language learning & practice community.
Mindpicnic* – Share & learn from online knowledge.
Moodle – Course management system per learning communities.
Notemesh – Collaborazione per la creazione di set di note unificati.
Nuvvo – Build, publish & learn da vari corsi disponibili.
Palabea* – Learn languages & share your culture.
Plateau* – Enterprise e-learning, performance & career management solution.
Scitalks – Explore, publish & share scientific video presentations & lectures.
Scriptovia – Comunità per studenti; collaborazione & feedback.
Solutionwatch – Recensioni & strumenti per lo studio.
Soziety – Language-learning social network basato su Skype.
Starplay – Per praticare virtualmente la musica.
Tutorialicious – Digg IT tutorials.
Tutorvista* – Online education su qualunque argomento, con 24/7 live tutors.
Udutu – Online course authoring.
Visual-literacy – E-learning tutorial sulla virtualizzazione.
Wiziq – mette in collaborazione docenti e corsisti in distance learning.

Web 2.0 Tools for Teaching & Learning

Un’altra presentazione sui tool Web 2.0 da utilizzare per teaching & learning, quindi sempre in situazioni di didattica, insegnamento e apprendimento. Stavolta il focus è sui training & education providers, cioè su chi eroga la formazione.

25 tool 2.0 gratuiti per insegnanti

25 tool che chiunque si occupi di insegnamento, apprendimento, didattica e e-learning dovrebbe sempre tenere nella propria cassetta degli attrezzi. Slides di Jane Hart.

25 Tools

View SlideShare presentation or Upload your own. (tags: learning tools)

Strumenti online per didattica e apprendimento

101 Free Learning Tools

View SlideShare presentation or Upload your own. (tags: teaching thinking)

Una serie di strumenti web 2.0, social networking, virtual life e non che non sono nati con fini esattamente didattici ma che possono essere utilizzati per fare didattica e favorire processi di insegnamento/apprendimento. Insomma 100 e più servizi con cui fare e-learning o apprendere online. (via)

Pagina 1 di 3123
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: