Esami di stato 2014: #quasimaturi – #maturita2014 – #plicotelematico – #commissioneweb

Quasi cinquecentomila studenti italiani coinvolti, a partire da domani, 18 giugno 2014, negli Esami di Stato conclusivi del II ciclo di istruzione. Una lunga nota del Ministero dell’Istruzione con numeri, dati, curiosità. Vi aggiungo qualcosa anche io sul lato Plico Telematico e Commissione Web.

maturità

Cominciamo (al solito) con la prova scritta di italiano, uguale per tutti gli istituti di II grado, il 18 giugno.
Poi, giovedì 19 giugno, la seconda prova, diversa a seconda dell’indirizzo di studio, sempre preparata dal Ministero.
Lunedì 23 giugno la terza prova scritta, predisposta invece dalle commissioni.

Plico Telematico

L’invio delle tracce, anno 3, avverrà con il plico telematico.

La password/chiave ministeriale di accesso viene resa nota solo la mattina della prova attraverso questi canali di comunicazione (digitali e analogici, ancora una volta, a prevenire ogni tipo di problema correlato alle tecnologie:
* HomePage del sito internet del MIUR (www.istruzione.it).
* Service-Desk al Numero Verde 800 903 080.
* Portale SIDI (HomePage).
* APP per smartphone Android disponibile su Play store (MIUR Plico Telematico 2.0) Per effettuare il Download dell’applicazione su smartphone, seguire le istruzioni descritte nella “Guida Utente – Installazione App – Plico Telematico” disponibile all’interno dell’Area dedicata “Esami di Stato – Plico Telematico” del Portale SIDI. Peccato non ci sia anche app per IOS, ma non si può avere tutto dalla vita no?
* due Link dedicati, uno anche per accesso da mobile.
* Posta elettronica: sarà inviata una e-mail contenente la Chiave Ministero a tutti i Referenti.

Il MIUR fornisce ai referenti del Plico Telematico, in mail, anche dei “consigli pratici”.

Il lato social della maturità

Una bella notizia, lato social: il Miur ha aperto un canale di comunicazione con i maturandi su Twitter raccogliendo le loro emozioni pre-esame attraverso l’hashtag #quasimaturi e #maturita2014.
Sarà un piacere (o un delirio) seguire gli esami di stato su Twitter!
Ah, sono già Trending Topic su Twitter!

Invece, da prof e da esperta di social media, rinnovo l’invito a colleghi presidenti e commissari #maturità2014: mettete mano a impostazioni privacy dei vostri profili social in questi giorni.
Se serve aiuto, chiedete pure.

Come discutevamo su Facebook: non ci succede nulla che già non succedeva, sui nostri profili social.
Dobbiamo però essere consapevoli che la maturità scatena la curiosità morbosa di maturandi, genitori, colleghi ecc. ecc. Quindi due cose: o sui nostri profili siamo consapevoli di quello che c’è (sarebbe la regola sempre) oppure, almeno in questa occasione, prima di finire “messi in circolo in rete” per quello che postiamo, mettiamo mano alle impostazioni di privacy se non lo abbiamo mai fatto, se non ci abbiamo mai pensato. Pensiamo a come ci possano vedere dall’esterno, non solo i contatti amici: è quello che poi viene messo in “circolo” da chi curiosa tra le nostre cose in rete, in questo periodo.

Tutto è screenshottabile: basta un solo contatto che veda o legga i nostri profili dove, comunque, siamo pubblici (e purtroppo agli esami siamo pubblici ufficiali, anche).
La prima consapevolezza della nostra identità digitale è la nostra. Tutto può essere preso e decontestualizzato dai nostri profili social (ovviamente la cosa vale per tutti, anche per gli alunni, mica solo per i prof). La nostra privacy siamo noi.

Numeri e tracce

491.224 studenti partecipano all’Esame di maturità. Di questi 469.374 candidati interni, 21.850 esterni. Candidati delle scuole statali 445.912, 45.312 nelle paritarie.
Le commissioni sono 12.105.
Tracce: sono scelte dal Ministro dell’Istruzione fra le proposte elaborate da gruppo di esperti appartenenti al mondo della scuola. L’ultima parola nella scelta è del Ministro.

Mercoledì 18 giugno: prova di italiano

4 le tipologie d’esame: analisi del testo, redazione di un articolo di giornale/saggio breve, tema di argomento storico, tema di ordine generale. 6 ore per lo svolgimento.

Giovedì 19 giugno: seconda prova scritta

E’ specifica per ciascun percorso di studi. Materie individuate a gennaio con decreto ministeriale per tutti gli 892 indirizzi di studio e i corsi sperimentali attivi. Per gli Istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratica-laboratoriale. Forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica. Potranno, anche essere utilizzati i laboratori del proprio istituto scolastico.

Materie principali indirizzi tecnici e professionali:

Istituto tecnico commerciale (ragionieri): Economia aziendale;
Istituto tecnico per geometri: Estimo;
Istituto tecnico per il turismo: Tecnica turistica;
Istituto tecnico industriale (elettronica e telecomunicazioni): Elettronica;
Istituto tecnico industriale (elettrotecnica ed automazione): Elettrotecnica;
Istituto tecnico industriale (informatica): Informatica generale e applicazioni tecnico-scientifiche;
Istituto professionale per agrotecnico: Economia agraria;
Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione: Alimenti e alimentazione;
Istituto professionale per i servizi sociali: Psicologia generale e applicata;
Per il settore artistico (Licei e Istituti d’arte) la seconda prova avrà un carattere progettuale e laboratoriale (ad esempio architettura, ceramica, marmo, mosaico, oreficeria, ecc.) e si svolgerà in tre giorni.

Terza prova scritta

Trattazione sintetica di non più di 5 argomenti, o quesiti a risposta singola (da 10 a 15) o multipla (da 30 a 40), o problemi a soluzione rapida (non più di due), fino allo sviluppo di un progetto o all’analisi di casi pratici e professionali (non più di due).
La terza prova scritta è predisposta da ciascuna commissione sulle materie previste dal programma dell’ultimo anno e tenendo in considerazione delle indicazioni del Consiglio di classe.

L’esame orale

Su tutte le materie previste dal programma di studi dell’ultimo anno. L’esame può partire dalla discussione di un percorso interdisciplinare scelto dallo studente (che può sintetizzarlo in una tesina scritta o attraverso lavoro multimediale) e prosegue sempre con un carattere interdisciplinare.

Progetto Esabac e scuole italiane all’estero

123 istituti scolastici coinvolti nel progetto Esabac (Esame di Stato-Baccalauréat) che consente di ottenere un doppio diploma italiano e francese.
558 gli studenti della maturità in 23 istituzioni scolastiche italiane all’estero, fra statali e paritarie.

Controlli

I commissari devono assicurare la massima vigilanza.
Non è consentito l’accesso alle scuole da parte di estranei.
Prima dell’inizio delle prove agli studenti sarà richiesto di consegnare i cellulari e ogni altro apparecchio digitale in loro possesso.
I banchi, dove possibile, saranno disposti l’uno dietro l’altro, in fila indiana.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni, in collaborazione con il Miur, già da settimane ha intrapreso iniziative di controllo preventivo soprattutto per evitare la diffusione attraverso la Rete di bufale e tracce false che possano trarre in inganno i ragazzi.

L’uomo delle tracce

“Siate sereni e, soprattutto, non copiate”

I consigli del Ministro Giannini

Coraggio, competenza, concentrazione, le tre ‘c’ per passare la #maturita2014 secondo il Ministro!

Siti da attenzionare durante gli esami di maturità

In generale…per diversi motivi:
http://www.studenti.it/
http://skuola.net/
http://www.studentville.it/

Tutti i miei post su “Esami” perché più volte ho scritto di tutta una serie di questioni educative legate alle tecnologie. Oggi più che mai da attenzionare.

I modelli dei verbali da scaricare
E’ possibile scaricare i modelli di verbali e documenti utili per la Commissione esami di stato, nel caso di malfunzionamenti del SIDI e di Commissione web.

Lo studio della Fondazione Agnelli sulle Tracce

Insomma: buona maturità a tutti!

Via Tuttoscuola e MIUR

[Miur] Plico telematico – Esami di Stato 2012

Come avrete sicuramente sentito, da quest’anno scolastico, la maturità diventa telematica.

A partire dalla prossima sessione ordinaria degli Esami di Stato, l’invio delle tracce delle prove scritte avverrà per via telematica e non attraverso i fascicoli cartacei sigillati che venivano consegnati dalle forze dell’ordine la mattina della prima prova.

L’iniziativa “Plico telematico” rientra nel progetto di semplificazione e modernizzazione della Scuola promosso dal Ministro Profumo, progetto che ha visto anche la digitalizzazione della rassegna stampa che viene inviata a tutti i presidi, la partecipazione del Miur alla cabina di regia sull’Agenda digitale, il lancio della consultazione pubblica sul valore legale del titolo di studio, l’iscrizione online a scuola per gli studenti e, infine, il primo progetto di open data del Miur con i dati de “La scuola in chiaro”.

I testi delle prove degli Esami di Stato rimarranno segreti – e adeguatamente protetti da ogni tentativo di accesso con un sistema crittato che comprende almeno tre chiavi Ministero/Regione/Commissione – fino all’inizio delle prime due prove scritte del 20 e 21 giugno 2012.

Nel tardo pomeriggio del 12 aprile si è svolto presso il Miur un incontro informativo sul plico telematico nel quale il Direttore Generale per i sistemi informatici ha illustrato le nuove modalità di invio delle tracce delle prove scritte degli esami di stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di II grado. La procedura si avvarrà del sistema informatico SIDI, in dotazione a tutti gli uffici scolastici italiani.

Tutte le indicazioni si trovano nella circolare Esami di Stato 2011/2012 – “plico telematico” (Nota prot.n. 1749 del 12 aprile 2012)

La modalità telematica sarà l’unica modalità di trasmissione delle tracce delle prove di esame, sia per le scuole statali che per le paritarie. Unica eccezione all’invio telematico sono le prove per le scuole carcerarie ed ospedaliere e le prove di esame per alunni ipovedenti, non vedenti e per alcune tipologie di handicap.

Il MIUR precisa che non si tratta di una sperimentazione ma di un nuovo strumento che va già a regime a partire da giugno 2012 e per gli anni scolastici a seguire. L’invio generalizzato sull’intero territorio nazionale consentirà una semplificazione nell’acquisizione dei plichi di esame.

Una simulazione (che sarà a vera e propria sperimentazione del processo) è prevista per tutte le scuole superiori nel mese di maggio.

Prima della simulazione, ciascuna istituzione scolastica, sede di commissione d’esame, dovrà individuare e comunicare chi è il referente preposto a seguire la procedura del plico telematico (con le relative responsabilità, che saranno poi condivise con il Presidente della Commissione).

I dirigenti scolastici delle scuole sede di commissione dovranno individuare il referente o i referenti di sede tra il personale docente e/o non docente con contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata annuale.

Il referente non può essere nominato membro di commissione di esame, sarà accreditato al sistema Sidi, diventerà formalmente il responsabile della procedura e, dopo le opportune verifiche gli Uffici Scolastici Territoriali, sarà abilitato all’utilizzo delle funzioni sul sistema.

Il referente deve (ovviamente, almeno) possedere competenze informatiche quali accedere a Internet, scaricare file, saper aprire, leggere e archiviare file, collegare la stampante e effettuare la stampa documenti.

Ci possono essere tanti referenti di sede quante sono le sedi scolastiche,
facenti capo all’istituzione scolastica, in cui si svolgono fisicamente gli esami (sede centrale, succursali, sede/i coordinatale ecc.).

Tutte le istituzioni scolastiche, statali, paritarie e legalmente riconosciute avranno a disposizione una funzione per scaricare il “plico telematico” contenente i temi d’esame e una seconda funzione che consente la stampa delle “chiavi commissione”.

I plichi telematici potranno essere stampati solo la mattina dell’esame quando sarà resa nota una “chiave ministeriale”.

L’Amministrazione ha previsto una “unità di crisi” per supportare le istituzioni scolastiche e sopperire ad eventuali problemi.

Vediamo in dettaglio come funziona il progetto “Plico Telematico”.

Il “plico telematico”, che contiene i testi della prima e della seconda prova scritta (nonché, ove prevista, della quarta prova scritta), è destinato ad ogni singola commissione operante nelle istituzioni scolastiche, statali e paritarie (nonché alle residue istituzioni legalmente riconosciute sede d’esame).

Le scuole devono assicurare la presenza di almeno una postazione di lavoro consistente in
– Personal computer (laptop o desktop) – requisiti minimi: sistema operativo Windows XP, o Windows Vista, o Windows 7; Acrobat Reader 9 installato –
– stampante laser collegata al PC, per la stampa dei testi delle prove, in grado di stampare almeno 8 ppm in formato A4 con una risoluzione in bianco e nero di almeno 300 DPI.

FUNZIONAMENTO DEL PLICO TELEMATICO

I referente di sede, attraverso l’area riservata del SIDI, accedono, nell’arco temporale stabilito dal Ministero, ad una prima funzione che consente di scaricare il “plico telematico” contenente i “temi d’esame” criptati.
La funzione guida l’utente nell’esecuzione delle verifiche finalizzate ad accertare la corretta esecuzione del processo. Al termine delle verifiche il sistema fornisce un codice che consente di avviare e concludere le operazioni collegate ad una seconda funzione.

Il sistema di crittografia del plico prevede l’utilizzo di una doppia chiave di cifratura. Per decifrare il contenuto del plico è necessario disporre contemporaneamente di entrambe le chiavi:
– una chiave commissione, specifica per ciascuna istituzione scolastica / commissione e
ciascun giorno di prova (prima prova, seconda prova, quarta prova);
– una chiave ministero, distinta tra prima, seconda e quarta prova, che sarà resa nota solo la mattina in cui si svolgerà la relativa prova scritta.

La seconda funzione consente di stampare le chiavi commissione. L’accesso a questa funzione è consentito solo a chi abbia completato con successo le operazioni collegate alla prima funzione.

L’applicazione invia alla stampa i fogli che riportano le chiavi:
– un foglio per la prima prova di ciascuna commissione,
– uno per la seconda prova di ciascuna commissione,
– uno per l’eventuale quarta prova di ciascuna commissione.

Nei fogli sono contenute informazioni che riguardano l’istituto, la commissione, la prova (prima, seconda o quarta) e la data di utilizzazione della prova. Ogni foglio va piegato secondo le linee di piegatura in modo che rimangano visibili solo le informazioni identificative della commissione destinataria. Le chiavi in esso riportate, invece, rimangono interne alla piegatura e il foglio così piegato va spillato sui lati e conservato a cura e responsabilità del dirigente.

L’eventuale utilizzo anticipato delle chiavi commissione non consentirà di decifrare i testi contenuti nel “plico telematico”. Fino alla data di effettivo svolgimento delle prove scritte d’esame, non sarà disponibile la chiave ministero, necessaria per la decrittazione.

Al personal computer dove sono installati i “plichi telematici” possono accedere solo il referente o i referenti di sede. E’ vietata l’installazione dei “plichi telematici” su apparecchiature informatiche diverse dai personal computers da utilizzare
per la stampa dei testi delle prove.

COME FUNZIONA IL PLICO TELEMATICO IL GIORNO DELL’ESAME

La mattina dell’esame, prima dell’ora fissata per l’inizio della prova (ore 8.30), il presidente si reca nel luogo nel quale sono state allestite la o le postazioni di lavoro contenenti i “plichi telematici”.
Il referente di sede attiva l’applicazione (contenuta in ogni “plico telematico”) che consente di decriptare i testi delle tracce e consegna a ogni
presidente la busta contenente la chiave commissione che ha preventivamente ritirato dal dirigente scolastico.
Il referente di sede e il presidente di commissione accedono quindi alla chiave
ministeriale, pubblicata attraverso i canali che saranno scelti e indicati al momento opportuno dal Ministero.
Ogni presidente di commissione, con l’assistenza del referente, accede all’applicazione utile per decriptare il testo e inserisce sia la chiave ministero, sia la chiave commissione contenuta nella busta a lui consegnata.

Per la prima prova scritta l’applicazione prospetta una sola possibilità (POOO – ITALIANO). È sufficiente impostare il numero di copie desiderate e inviare il testo alla stampante.

Per la seconda prova scritta, nel caso di commissioni con classi che seguono differenti indirizzi di studio, il sistema prospetta le diverse seconde prove assegnate a ciascun indirizzo di studi. È sufficiente selezionare le prove occorrenti ed inviarle alla stampante.

Per la seconda prova scritta, così come per l’eventuale quarta, sia la chiave
ministero sia la chiave commissione sono diverse da quelle relative alla prima prova.

Tutto deve svolgersi sotto la vigilanza del Presidente di Commissione.
Alle operazioni assistono i rappresentanti dei candidati (almeno due per ciascuna classe commissione).

Aggiornamento del 19 aprile 2012:

La nota del 18 aprile 2012, prot. 1834 prevede che dal 19 al 30 aprile 2012 i Dirigenti Scolastici e i Referenti della Sicurezza degli Uffici Territoriali, nei rispettivi ambiti di competenza, abilitino i Referenti di Sede del Plico telematico per gli Esami di Stato, come previsto dalla nota n. 1749 del 12 aprile 2012. Per farlo devono accedere al portale SIDI e selezionare la funzione Gestione Utenze – Referenti Plico telematico.

Maturità al sicuro (comunicazione online fallimentare)

Continua la mia indagine sulla campagna della Polizia di Stato sugli esami di maturità e sulla diffusione in rete di questa comunicazione.

Che poi si chiamano Esami di Stato e non esami di maturità. Piccolo dettaglio.
Una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione che non mi sembra per niente efficace. Come si spera di raggiungere i maturandi 2011?

Con un video?
Bè se è virale…

E’ stato pubblicato su Youtube da skuola.net un video in cui la Polizia Postale e delle Comunicazioni (Marco Valerio Cervellini) smentisce tutte le leggende metropolitane sulla possibilità di scovare in anticipo le tracce delle prove su Internet. Dovrebbe far parte della campagna “Maturità al Sicuro”.
Dico dovrebbe, perchè non se ne fa menzione.

Il video è del 19 giugno e al momento ha SOLO, neanche, 600 visite.
Una campagna così importante?
Virale al massimo eh? Arriverà ai giovani maturandi? E come?

Sul sito di skuola.net neanche c’è linkato.
Sulla pagina Facebook di skuola.net (http://www.facebook.com/skuola.net) nemmeno.
Complimenti. Geni della comunicazione virale. Come arriva il video agli studenti?
Aspettate che lo condividano loro?
E perchè dovrebbero?
Hanno tutto l’interesse alla fuga di notizie, non a combatterla.

Su Facebook, in altri gruppi e pagine dedicati alla maturità, non si trova accenno nè alla campagna “Maturità al sicuro” nè al video della Polizia Postale.

Sul sito della Polizia è sempre e solo disponibile il comunicato stampa. Il video non c’è.

Nel video si dice che la Polizia Postale è a disposizione dei ragazzi per qualunque informazione relativa agli esami di stato. la Polizia Postale chiede agli studenti di segnalare loro chi millanta di conoscere le tracce delle prove d’esame.
Sono raggiungibili su http://www.commissariatodips.it/ e su http://poliziadistato.it/

Certo poi all’interno dei due siti cercate di capire da soli come inviare una comunicazione…usabilità sotto zero.

Su google, ovviamente, sempre e solo il comunicato stampa. Situazione variata di poco rispetto al mio post precedente.

Maturità al sicuro (si ma il link?)

Mi passa davanti agli occhi una notizia poco fa.
Quello che segue è il racconto della mia verifica online della notizia.

Al via la campagna antibufale della Polizia Postale o delle Comunicazioni riguardo le leggende metropolitane che girano prima dell’avvio degli esami di stato.

Interessante. Voglio approfondire. La campagna in questione si chiama “Maturità al sicuro”. Inserisco su Google come farebbe chiunque volesse sapere l’informazione essenziale: il link esatto. In modo da scriverci un post che possa essere utile a colleghi e studenti che mi leggono.

Bene, fate la prova. I risultati di ricerca restituiscono pagine e pagine dove è presente il comunicato dell’avvio della campagna, a volte modificato, riscritto ma di base con questo testo:

Al via la campagna di sensibilizzazione della Polizia Postale, rivolta ai maturandi, contro ”bufale e leggende metropolitane” sulle anticipazioni delle tracce d’esame di Maturità.

Ogni anno in occasione della Maturità si rincorrono, infatti, puntualmente voci incontrollate sulle anticipazioni delle tracce ministeriali provenienti da Internet.

Ed ogni anno si diffondono le consuete leggende metropolitane secondo cui sarebbe possibile venire a conoscenza dei compiti d’esame prima della fatidica apertura delle buste provenienti dal Ministero dell’Istruzione. Leggende, spiega la Polizia Postale, che ”assumono il carattere di certezza per molti ragazzi che perdono ore intere in Rete alla ricerca di anticipazioni sulle tracce”.

Per il terzo anno consecutivo la Polizia delle Comunicazioni si appresta dunque a lanciare la campagna di sensibilizzazione ”Maturità al sicuro”, con l’obiettivo di debellare il fenomeno ed evitare che gli studenti, oltre a perdere del tempo prezioso, possano anche rimetterci del denaro alla ricerca della soffiata giusta.

L’iniziativa ”antibufale” si serve delle forme di comunicazione e degli strumenti preferiti dai giovani per veicolare i messaggi di sensibilizzazione, ed è finalizzata ad aiutare i ragazzi ad affrontare l’esame con maggiore serenità, confidando nei propri mezzi e nella preparazione che hanno ricevuto durante gli anni passati a scuola, senza cercare scorciatoie truffaldine che comporterebbero solo l’esclusione dalla prova d’esame.

Si pensi che la notte che precede l’esame, aggiunge la Polizia Postale, tantissimi ragazzi coinvolti negli esami di maturità perdono il proprio tempo sulla rete nella speranza di conoscere le tracce con qualche ora di anticipo, ed e’ proprio per questo che gli operatori del Commissariato di P.S. online, l’ufficio virtuale della Polizia delle Comunicazioni, sono ”a disposizione dei maturandi per rispondere a tutti i loro quesiti e dubbi sulle informazioni che circolano in rete nelle ore immediatamente precedenti la prima prova d’esame”.

Dov’è il link di questa iniziativa? Dove?

Io, docente o studente o genitore, che volessi verificare cosa propone la Polizia Postale, dove trovo l’ufficio virtuale della Polizia delle Comunicazioni?

Quali forme di comunicazione e strumenti preferiti dai giovani utilizza?
Facebook? Youtube? Twitter?
Il link. Dove è il link almeno ad un account oppure al sito ufficiale?
Dove?

Eppure so cercare in rete.
Al primo giro di ricerca, quello che fa la gente normalmente, NON SI TROVA il link utile ad approfondire.
Dopo un po’ di giri arrivo a capire che è una iniziativa di skuola.net.

Pare che sia una campagna che si concluderà il 21 giugno alle 21 quando un rappresentante della Polizia postale sarà ospite di “Notte prima degli esami”, la tradizionale trasmissione in web-tv realizzata da Skuola.net per rispondere a tutti i quesiti dei maturandi in relazione alle informazioni che circolano sulla rete nelle ore immediatamente precedenti la prima prova d’esame.
Le informazioni che reperisco sono queste: http://skuola.tiscali.it/news/scuola/notte-prima-esami-2011x.html

In cosa consiste esattamente la campagna?
Molto risalto viene dato a come si copia agli esami su skuola.net piuttosto che a questa importante campagna che parte oggi e che viene rilanciata ovunque con lo stesso comunicato.

Il video della campagna non si trova sul canale Youtube di skuola.net (o almeno io non lo vedo, magari sono io stupida). Si trova il video della campagna 2010, non la campagna 2011. Lo avevo già visto, infatti. Ricordavo la campagna 2010.

Questo il sito della Polizia postale e delle comunicazioni, sul sito della Polizia di Stato http://www.poliziadistato.it/articolo/982-Polizia_postale_e_delle_comunicazioni/ e non vi è traccia della campagna.

Ho ovviamente provato a cercare eventuali pagine della Polizia Postale o della Polizia delle Comunicazioni su Facebook, luogo dove dovrebbe vivere in maniera virale questa campagna antibufala sulla maturità. Ovviamente è difficile distinguere pagine ufficiali da pagine non ufficiali. In ogni caso della campagna “Maturità al sicuro” non se ne parla nemmeno in queste pagine.
Nè si trova nulla su “Maturità al sicuro”.

Seguono aggiornamenti.
Questa storia non mi piace. Indago ulteriormente.

Intanto alcune informazioni utili come antibufala della maturità ve le ri-scrivo io:

No, le tracce della maturità non si trovano su internet e la fuga di notizie dal Ministero è praticamente impossibile.
No, le tracce dei temi non le danno uguali nelle scuole italiane in Australia, 10 ore prima.
No, nessuno può vendervi le vere tracce degli esami di stato prima.

I plichi con le tracce ministeriali sono stati consegnati dagli USR, tra ieri ed oggi, ai Dirigenti Scolastici che, contestualmente, li consegnano in custodia alle Forze dell’Ordine. Saranno le Forze dell’Ordine a portarle nei singoli Istituti Scolastici alle 7.30 del 22 giugno 2011. Fino al momento dell’apertura dei plichi, che avviene davanti a Commissione e studenti, nessuno mette mano ai temi ministeriali.

La fuga di notizie ci sarà comunque, come sempre, come tutti gli anni, subito dopo l’apertura dei plichi, il 22 mattina. Con le tecnologie disponibili (iphone, smartphone ecc.) e le applicazioni, è un attimo immetterle in rete quella mattina.

Il consiglio agli studenti è ancora una volta questo: non perdete tempo a cercare le tracce online prima degli esami di stato. Non solo non le troverete, ma perdete solo tempo utile tolto allo studio.

Non ruberesti mai le tracce alla maturità…

Una iniziativa di skuola.net e della Polizia di Stato per prevenire e combattere le varie bufale che circolano in internet in occasione degli esami di stato.

No, le tracce della maturità non si trovano su internet e la fuga di notizie dal Ministero è praticamente impossibile.

No, le tracce dei temi non le danno uguali nelle scuole italiane in Australia, 10 ore prima.

No, nessuno può vendervi le vere tracce degli esami di stato prima.

Il video smentisce con ironia le principali leggende metropolitane che ruotano attorno all’esame di maturità e invita, attraverso l’appello della Polizia di Stato, a diffidare da chi dichiara di conoscere in anticipo le tracce d’esame.

La polizia postale e delle comunicazioni, oltre ad effettuare una capillare attività di monitoraggio della rete prima e durante gli esami di stato, ha messo a disposizione anche l’email polizia.comunicazioni@interno.it per eventuali segnalazioni.

La fuga di notizie ci sarà comunque, come sempre, subito dopo l’apertura dei plichi, il 22 mattina, secondo me. Quest’anno più che mai immediatamente viste le tecnologie disponibili.

Il consiglio è questo: non perdete tempo cari studenti a cercare le tracce online prima delle prove. Non solo non le troverete, ma perdete solo tempo utile tolto allo studio.

Australian Track: le tracce della maturità dall’Australia

Foto mia, sentiero sacro alle pendici del Kata Juta, montagna sacra Australiana (2005)

Un Australian track vero, insomma!

Si lo so sei arrivato qui questa sera cercando le famigerate tracce dei temi per l’esame di maturità che un amico di un tuo amico gli ha detto che suo cuggggino che ha già fatto l’esame di maturità lo sa per certo, te l’ha anche giurato che siccome nelle scuole italiane in Australia la maturità scatta 12 ore prima grazie al fuso orario allora in Internet si trovano le tracce dei temi in anteprima.

Te lo dico con fermezza e chiarezza, già lo scrissi in “Ci risiamo con i temi della maturità in anteprima dall’Australia“, te lo riscrivo come prof e in quanto persona informata dei fatti. E’ una LEGGENDA METROPOLITANA; una storia inventata, pura fantasia la possibilità che, conoscendo qualcuno che in Australia frequenta le scuole italiane, si possano avere in anteprima le tracce delle prove della maturità.

Non c’è niente di più falso e ogni anno la storia si ripete, e orde di studenti a cercare su internet queste famigerate anticipazioni dei temi degli esami di maturità, la notte prima degli esami, quando dall’Australia dovrebbero essere già pubblicate e magari anche risolte.

Che anche se fosse, non avreste neanche il tempo di fare il tema giusto e domattina vi alzate con gli occhi così. Sentite a me: andate a riposare, stanotte.

Sappiate che il Ministero della Pubblica Istruzione provvede ogni anno alla predisposizione delle tracce delle due prove scritte degli esami di Stato anche nelle scuole italiane all’estero, mentre le date di svolgimento sono fissate dal Ministero degli Affari Esteri.

Dal momento che c’è una grande diversità dei fusi orari vengono stabilite tre date diverse per gli esami di maturità in giro per il mondo: una per le scuole degli Stati Uniti e dell’America Latina, una per per le scuole dell’Europa e dell’Africa, e poi per i Licei di Lima e Buonos Aires dove gli esami si svolgono, secondo il calendario australe, nel mese di dicembre.

Le tracce delle prove, preparate dal Ministero della Pubblica Istruzione per queste tre tornate d’esame, oltre ad essere diverse tra loro, sono sempre diverse da quelle disposte per le scuole in Italia. Qualunque tentativo di ravanare in internet stanotte per conoscere in anticipo delle tracce dei temi della maturità australiana è, pertanto, uno sforzo inutile. Mettetevelo nella zucca, cari studenti. Fatevi una bella dormita.

E in bocca al lupo per domani.

Maturità 2008: le tracce (qui si fa servizio pubblico oramai)

Tipologia A (analisi del testo letterario)

E. Montale, da «Ossi di Seppia», Ripenso il tuo sorriso.

Ripenso il tuo sorriso, ed è per me un’acqua limpida
scorta per avventura tra le pietraie d’un greto,
esiguo specchio in cui guardi un’ellera e i suoi corimbi;
e su tutto l’abbraccio di un bianco cielo quieto.

Codesto è il mio ricordo; non saprei dire, o lontano,
se dal tuo volto si esprime libera un’anima ingenua,
vero tu sei dei raminghi che il male del mondo estenua
e recano il loro soffrire con sé come un talismano.

Ma questo posso dirti, che la tua pensata effigie
sommerge i crucci estrosi in un’ondata di calma,
e che il tuo aspetto s’insinua nella memoria grigia
schietto come la cima di una giovane palma…


Tipologia B (saggio breve o articolo di giornale)

Lo straniero e l’arte
Il lavoro e la sicurezza
La Costituzione, articolo 24 (l’inviolabilità del diritto nel procedimento, con specifico riferimento alla fase predibattimentale).


Tipologia C (tema di argomento storico)

Cittadinanza femminile e condizione della donna nel divenire del 900. Illustrare i più significativi mutamenti intervenuti nella condizione femminile sotto i diversi profili (giuridico, sociale, culturale).

Tipologia D (tema generale)

Comunicare le emozioni: un tempo per farlo si scriveva una lettera, oggi un sms o un’e-mail. Così idee e sentimenti viaggiano attraverso abbreviazioni e acronimi in maniera veloce e funzionale.

(appena recupero proprio i documenti delle tracce li allego)

Maturità 2008: non potevano non esserci in rete le tracce bufala

Quest’anno, oltre alla solita leggenda metropolitana delle tracce dei temi in diretta dall’Australia, arriva il presunto figlio di qualcuno che lavora al ministero che per ripicca contro il genitore ha deciso di mettere online le tracce. Il blog del presunto figlio si chiama Peskamatura e grazie agli studenti impanicati avrà fatto milioni di visite. Ecco qui il documento per i più curiosi, ma basta leggerlo per accorgersi della bufala, come già hanno fatto alcuni lettori del blog di Peskamatura. A parte il linguaggio (è difficile che in un documento come quello delle tracce di maturità ci sia un’espressione come “evitando di usare riflessioni trite o stereotipate”), non esiste una poesia di D’Annunzio chiamata “Il Tiglio Nostrale”, è stato inserito il foglietto illustrativo di un medicinale per il saggio breve, senza contare le citazioni di autori inesistenti e libri sconosciuti, gli errori ortografici, e soprattutto la storia sull’indipendenza delle isole Vanuatu.

Leggo dal blog milano.blogosfere.it dove trovo quello che cercavo. Dopo la bufala dello scorso anno, non poteva essere che nessuno ci aveva pensato anche quest’anno.

Ecco una copia delle tracce bufala del tema di Italiano degli esami di maturità 2008 che avranno fatto andare nel panico e nel pallone i maturandi che continuano a ravanare in internet.

Click qui per il file PDF: http://www.mediafire.com/?jmdxvgf5tdu

Sono una bufala. Lo dico a voi che siete arrivati qui cercando le tracce dell’australia in anteprima.

Esami di maturità su Internet: da come copiare ai temi possibili



Cheat Professionally – video powered by Metacafe

Mi son divertita ancora una volta a girare per Internet allo scopo di scrivere un post sugli esami di maturità visti con l’occhio degli studenti. E vi assicuro la cosa è interessantissima e prende anche parecchio.

Della serie “non si finisce mai di imparare” ecco un video che spiega un’ottima tecnica per copiare qualcosa all’esame di maturità o in qualunque tipo di test.

Le fotocopie rimpicciolite dei testi scolastici e non, i bigliettini (magari fatti con la carta copiativa in modo che scrivendone uno socializzi il biglietto in copia con altri e produci più biglietti contemporaneamente), da nascondere in qualunque parte del corpo o dell’abbigliamento immaginabile e non totalmente immaginabile e/o colpita dal sole, sicuramente esistono ancora e sono l’unica arma che resta se, come dovrebbe essere tutto l’ambaradan tecnologico per copiare agli esami (smarthphone, telefonini di ultima generazione, iPod, Ieee ecc.) vengono sequestrati.

Per la prova d’italiano indovinare la traccia esatta del tema già è un cercare forsennato su Internet (e dove altrimenti?) magari con la speranza di beccare i temi dati in Australia, anche se secondo me i “temari” (libricini dal formato ultra-tascabile con un’ampia rosa di temi già svolti) continuano a vendere alla stragrande.

Andiamo a vedere cosa e come cercano informazioni gli studenti su Yahoo Answers: la sostanza è che agli esami s’è sempre copiato. Si tratta solo di conoscere le tecniche giuste. La moda di questa maturità 2008 è la maglietta, lo sappiamo già.

Skuola.net promette che risolverà le tracce della prima prova e della seconda prova di maturità in tempo reale. Non appenna verranno aperte le buste, indagherenno sulle eventuali fughe di notizie alla scoperta delle tracce d’esame della maturità 2008.

E se c’è fuga di notizia c’è uso di cellulari non v’è dubbio. Quindi è mediante cellulare connesso a Internet che rientreranno le soluzioni.

La PRIMA PROVA è a scelta tra sette possibilità di tracce d’esame:
– Analisi di un testo letterario;
– Saggio breve/articolo di giornale (a scelta tra i diversi ambiti di riferimento: storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico);
– Tema di argomento storico;
– Tema di ordine generale

Ecco che il toto esame 2008 vede e prevede sempre secondo skuola.net:

La combinazione vincente degli ultimi sette anni è stata : Dante(2007) – Ungaretti – Dante – Montale – Pirandello – Quasimodo – Pavese – Saba (2000). Prosa e poesia sono quasi equamente distribuite, con la prevalenza di quest’ultima negli ultimi anni. Probabile quindi che esca un testo in prosa per una legge non scritta dell’alternanza. Possiamo ipotizzare finalmente i gettonatissimi Moravia e Svevo. Sono anni (almeno cinque) che si parla di loro e questa dovrebbe essere la volta buona. Tranne lo strano caso di Dante (scelto sia dalla Moratti che da Fioroni), negli ultimi anni sono stati proposti solo autori del ‘900 e non vi è alcun motivo per cui si debba cambiare: impossibile che Dante esca per due anni consecutivi.
Guardando quindi al panorama dei grandi autori del ‘900, restano ancora fuori dalla lista proprio i due presunti favoriti.

Statistica pura e scientifica da paura, insomma.

Papabili gli anniversari tipo quelli più importanti che ricadono nel 2008:
– 1948 Assassinio di Gandhi
– 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
– 1948 Entrata in vigore della Costituzione
– 1968 Assassinio Martin Luther King
– 1968 Il sessantotto
– 1978 Assassinio di Aldo Moro
– 1978 Elezione di Giovanni Paolo II

Insomma di tutto di più, manca solo il compleanno di zia Genoveffa.

Sull’attualità invece sempre quelli di Skuola.net si spingono ad azzardare che siccome le tracce dei temi le scrivono entro febbraio (ma dai, chi ve lo ha detto?):

Analizzando quanto accaduto nell’anno in corso, riteniamo possibili tracce sul bullismo, sulle morti bianche (il caso Tyssen Krupp di Torino su tutti) e sui problemi ambientali (l’emergenza rifiuti). Infatti tutti questi eventi hanno avuto una grande risonanza nel periodo di Dicembre – Febbraio, quando cioè vengono decisi i temi d’esame.
Da escludere invece un tema sul Tibet, che pur essendo molto di moda ha cominciato a far parlare di sé solo da un paio di mesi.

Ah bè!

Ecco che cercando in internet e sperando nella creatività degli utenti della rete trovo un altro video con i trucchi possibili per copiare alla maturità senza essere beccati. Il video è fatto bene, con le schede tecniche di valutazione per ogni trucco.

Su studiamo.it ancora altre proposte di temi per la prova di italiano ben schematizzati:

Argomento

Traccia ipotetica di riferimento

Commento

Israele

Il candidato, dopo una disamina della situazione mediorientale, indichi le possibili strade per giungere ad una pace duratura all’interno di questo travagliato territorio.

Nel 1948 nasceva, prima dell’ufficializzazione ONU, lo Stato di Israele e subito dopo era già guerra (il primo conflitto arabo-israeliano)

Il 1968 e la contestazione studentesca

Cosa è rimasto dello spirito del ’68?

oppure,

La contestazione del ’68 ha portato benefici al sistema formativo italiano?

40 anni fa scoppiò la contestazione (il c.d. maggio francese)

Papa Giovanni Paolo II

Quanto è cambiato il mondo in conseguenza dell’energica opera di Papa Wojtyla?

Viene eletto, nel 1978, il Papa polacco

Gli assassinii politici

La violenza verso uomini-simbolo come un vigliacco tentativo di cambiare la storia.

Ricorrono in un sol colpo gli attentati omicidi a Togliatti (1948), Mahatma Gandhi (1948), Aldo Moro (1978), Martin Luther King (1968) e Bob Kennedy (1968): se al Ministero dell’Istruzione non avessero fantasia, questa potrebbe essere una traccia molto “quotata”

La distruzione dell’ecosistema e la crisi energetica

Sono passati più di 30 anni dalla crisi energetica degli anni ’70, ma da allora poco o nulla si è fatto per modificare la quasi totale dipendenza dal petrolio. Il candidato illustri i motivi che impediscono l’abbandono di questa fonte e le conseguenze che il suo uso incontrollato provoca sull’ecosistema.

Si tratta, purtroppo, di un argomento sempre di grande attualità, soprattutto a causa dell’ennesima impennata del prezzo del greggio nei mercati internazionali

La legge elettorale del Parlamento italiano

L’attuale legge elettorale italiana per la formazione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica impone, di fatto, il bipolarismo, ovvero l’aggregazione dei partiti politici in due grandi schieramenti, così come avviene in molti altri Paesi democratici. Il candidato descriva gli aspetti positivi e negativi di questa soluzione, alla luce della storia italiana recente.

Un tema verosimile, in considerazione della riforma della legge elettorale che il nuovo Esecutivo dovrebbe varare entro la fine del suo mandato.

Le cellule staminali

Nel campo delle cellule staminali è in corso una sorta di gara tra i ricercatori di tutto il mondo per raggiungere risultati sempre più eclatanti. La società tuttavia si domanda se sull’altare del progresso si debba sacrificare di tutto o se è preferibile fissare una linea di confine oltre la quale è meglio non andare. Si descriva quest’affermazione.

Anche questa è una traccia sempre d’attualità

Il mondo dei fumetti e dei cartoni animati

Qual è il contributo educativo che le letture di fumetti e la visione di cartoni animati, al cinema ed in TV, forniscono ai bambini?

Correva l’anno 1938 quando il mitico Walt Disney creava “Mickey Mouse”, in italiano “Topolino”

La guerra ed il terrorismo

Che la guerra sia uno strumento d’offesa da evitare con ogni mezzo è ormai un principio definitivamente acquisito nella cultura della comunità internazionale. Nonostante ciò, il mondo è sempre più un campo di battaglia. E’ solo colpa del terrorismo?

Un altro argomento purtroppo sempre d’attualità e comunque rinsaldato dalla ricorrenza con la fine (e la vittoria) della I guerra mondiale (1918)

L’Unione Europea (U.E.) e le Organizzazioni internazionali (o sovranazionali)

La guerra al terrorismo ha evidenziato le difficoltà di organismi internazionali come l’ONU e l’Unione Europea, che non sono sempre riusciti ad operare efficacemente ed a rappresentare una voce comune per tutti i Paesi partecipanti. Il candidato descriva quale futuro potranno avere queste Istituzioni e se esiste ancora un margine di sviluppo delle loro funzioni.

L’Unione Europea è sempre molto gettonata ed in ogni caso ricorre il 60° anniversario della “Dichiarazione Universale dei Diritti Umani” dell’ONU

La Costituzione italiana

La Costituzione della Repubblica italiana del 1948 è ancora valida oppure, in qualche sua parte, va modificata?

Ricorre il 60° anniversario sia delle elezioni politiche del 1948, sia dell’entrata in vigore della Carta costituzionale italiana

L’immigrazione

Il fenomeno dell’immigrazione in Italia di popoli provenienti da Paesi meno ricchi: aspetti positivi e negativi.

Anche questa è una materia di grande attualità

E per finire una bella traccia di letteratura:

Giacomo Puccini

La vita e le opere di Puccini

150° anniversario della nascita di Giacomo Puccini

Qui poi, sulla community dei teenagers, si trova di tutto un po’ e anche qui si azzarda sulle possibili tracce letterarie:

Tra i papabili per il tema di letteratura, uno dei più attesi ma anche quello che preoccupa più gli studenti, sicuramente Alberto Moravia, il grande favorito dello scorso anno, quando invece la scelta cadde su Dante Alighieri. Il Neorealismo in pole position, così come sono in forte ascesa le quotazioni di Svevo, atteso da anni, e Verga . Dopo due anni di testi in versi questa volta sembra scontata la scelta della prosa: da non sottovalutare anche Calvino e Pirandello. L’outsider potrebbe essere Cesare Pavese, di cui quest’anno si celebra il centenario dalla nascita.

Su Panorama si parla di tracce false che potrebbero girare e trarre in inganno gli sprovveduti navigatori che pensano di poter realmente trovare tutto su internet e soprattutto che quello che trovano su internet è oro colato. Ricordando cosa successe lo scorso anno:

E allora giù a frequentare tutti i siti internet che annunciano anticipazioni, come Giornalettismo.ilcanocchiale.it diretto dall’esimio luminare Gregorj Vakulinciuck (digitare per credere). Il 18 giugno dell’anno scorso, il sito mettevano in linea i titoli della maturità giusto la notte prima degli esami, tanto per rifarsi al titolo dei film di Fausto Brizzi con Giorgio Faletti prof carogna. E a colpo d’occhio risultavano pienamente plausibili.

Bè, nel rammentare a tutti coloro che arriveranno a questo post con chiavi di ricerca sugli esami di maturità 2008 che l’importante è aver studiato e che nessuno regala niente, chiudo questo post (dal momento che mi sto perdendo nei vari forum di adolescenti e rischio di non uscirne davvero più). Ma forse nei prossimi giorni ci ritorno sull’argomento esami di maturità, perchè di materiale ne sto leggendo e vedendo veramente abbastanza da farci un libro. Alla prossima.

Wapedia: cercare su Wikipedia dal telefonino

  1. E’ il caso di rivelare questa possibilita letta or ora qui? Pensavo ad un servizio di pubblica utilità da offrire agli studenti che stanno per affrontare gli esami di maturità e gli esami di terza media.

Quelli che le tesine le fanno con Wikipedia, per capirci.

Dato che molti arrivano qui a cercare i temi per la maturità o per la terza media, e dato che io alla fine mica sono una prof cattiva. Anzi. Predico da sempre che bisogna utilizzare il loro stesso linguaggio e gli strumenti e le tecnologie che conoscono bene. Per cui, il post lo scrivo. Il trucco lo segnalo. Tanto, cari colleghi, lo avrebbero sgamato uguale.

Se, nonostante i controlli e i sequestri di telefonini, nonostante le magliette per copiare, nonostante tutto e tutti, riusciranno a trattenere ed utilizzare in sede d’esame un cellulare (no, non è istigazione ma è consapevolezza che a far queste cose gli studenti di oggi riescono benissimo). Ecco se riusciranno a mantenere un cellulare nelle proprie mani le ricerche su Wikipedia possono essere fatte dal telefonino, facilmente. Ovviamente questa notizia serve a tutti.

Grazie a Wapedia dal cellulare/palmare/smarthphone è possibile consultare oltre 427 mila voci da 20 mila articoli dell’enciclopedia Wikipedia. E’ possibile anche ricercare immagini. Testi e grafica verranno ottimizzati automaticamente per poter essere letti e visualizzati sullo schermo ridotto del telefonino.

Con un telefonino WAP basta digitare nel browser http://it.wapedia.org, se hai connessione dati a Internet l’indirizzo è http://pda.it.wapedia.org.

Si accede a Wapedia in lingua Italiana ma anche a oltre 900 mila altre voci in Inglese, Tedesco, Francese, Russo, Polacco e Turco.

Ecco, ragazzi che vi apprestate a sostenere gli esami a giugno, ora avete in mano un altro strumento per accedere alla conoscenza. Attenzione: bisogna anche saper copiare con intelligenza. E per farlo bene occorre leggere, capire e sintetizzare. Prender solo ciò che serve dall’enciclopedia. E metterci del vostro. Altrimenti copiato o non copiato, se non c’è nulla in zucca, anche col telefonino più tecnologico del mondo che scarica da internet quello che volete, non è detto che l’esame vi vada bene. E ricordate che Napoleone a Waterloo perse.

Ci risiamo con le i temi della maturità in anteprima dall’Australia

Studiare no? Ricordatevi che è la cosa più semplice e che dall’Australia non è mai arrivato nulla.

Articolo di Repubblica del 19 maggio 2008

ORMAI è un classico. Il “toto-temi” impazza con l’avvicinarsi della data degli esami di maturità e gli studenti dedicano più tempo a pensare a quale traccia uscirà, piuttosto che a studiare. Pettegolezzi, ipotesi, fantomatici scoop. Con l’immancabile “soffiata”, data per certa fino al giorno prima, e quasi sempre smentita dalle tracce della prova scritta.

Occhio agli anniversari. Internet diventa un calderone di consigli, risate e fifa malcelata. Il sito Studenti.it detiene lo scettro di stella polare più “cliccata” dai maturandi. Secondo i suoi amministratori, gli autori più papabili per il testo di prosa sarebbero Svevo, Pirandello, Moravia e Calvino, che non escono da anni. Per il tema di italiano si vocifera di possibili tracce sul sequestro Moro e sul Sessantotto, confidando nei rispettivi anniversari che ricorrono quest’anno. Senza dimenticare quelli della Costituzione italiana e dello Stato di Israele.

Tucidide, Gore e crisi dei mutui. Per la versione di greco gli autori in pole position sarebbero Tucidide e Demostene e tra gli argomenti di attualità le Olimpiadi, la questione tibetana, il premio Nobel Al Gore e l’inquinamento. Qualcuno suggerisce tracce su crisi petrolifera, crisi dei mutui, morti bianche sul lavoro, bullismo, legge 194 e sicurezza informatica.

I consigli degli “esperti”. Un’occhiata ai nickname che popolano i forum contente di cogliere spunti preziosi. E, volendo, di scaricare temi belli e pronti. Moribond, ad esempio, suggerisce di stare in guardia con Ue, situazione dei rifiuti e pena di morte (“Occhio ragazzi, ci sono novità! L’Italia propone di abolirla in tutto il mondo e gli Usa ci ridono in faccia… e hanno ragione!”). Caramellina90 ribadisce l’importanza dell’anniversario dei sessant’anni della Costituzione mentre Romantique mette a tutti una diabolica pulce nell’orecchio: e se uscisse un tema sull’immagine politica ed economica del nostro Paese all’estero? Conquistatorea è invece lapidario: “Secondo me esce qualcosa su Napoli e sulla caduta del Governo”.

I riferimenti più accreditati. Il sito Maturando.net, che l’anno scorso azzeccò con mesi di anticipo l’autore della traccia di latino è, insieme a Studentville.it, un altro dei fari illuminanti del web. Sulla pagina di apertura campeggia un banner che recita: “Basta studiare / è ora di copiare / da oggi puoi copiare / senza farti sgamare”. Seguono le consuete diatribe sul toto-autori. Pirandello e Verga, Foscolo e Svevo per la prova sull’analisi del testo, Costituzione, Ue, razzismo e salvaguardia dell’ambiente per le tracce di attualità.

Dubbi e risposte. Il meglio di sé i teenagers lo danno su Yahoo Answer, moderna fucina di creatività e altruismo, agorà virtuale dove gli utenti si rimboccano le maniche e passano interi pomeriggi a chiarire dubbi. Alla domanda di Rosalia, “quali saranno le tracce?”, Iostosopralenuvole risponde prontamente “Pirandello, Svevo e Manzoni”, mentre Demoniaco si mostra meno disponibile (“Fammi indovino e ti renderò ricca…”). Secondo Sally46, “di sicuro no Dante”, e Aristo66020 avverte: “Attenzione anche ai cosiddetti articoli di fondo dei quotidiani, che in questi ultimi tempi solleticano assai le varie Commissioni”.

Il supermarket dei temi. Sul sito Atuttoscuola.it si possono trovare ben 221 temi svolti, suddivisi per argomento e ordinati in ordine alfabetico, dalla A di aborto alla V di violenza. Mentre su 2008-maturita.blogspot.com c’è un elenco dettagliato dei possibili gadget utili per sostenere l’esame. Il primo è la Penna Magica: 15 euro per scrivere con inchiostro trasparente e luce illuminatrice e leggere parole invisibili. Poi, un cd di preziose informazioni. Infine, la Penna Bigliettino, dotata di soluzioni “incorporate”.

Oltreoceano la salvezza? Su Atuttonet.it qualcuno ricorda che è possibile ottenere le tracce gratis dall’Australia, dove nelle città a maggiore densità di popolazione italiana i titoli dal ministero italiano dell’Istruzione arrivano un paio di ore prima rispetto all’Italia, per via del fuso orario. Monster però ricorda che “è assolutamente illegale, meglio rimanere nella legalità”.

E i prof spifferano. La lotteria dei pronostici coinvolge comunque anche i professori che, nonostante la diffidenza degli alunni, sono i primi ad avere a cuore le sorti degli studenti quasi giunti al traguardo. Secondo Giovanna Palazzolo, docente di Italiano presso l’Istituto tecnico per geometri “E. Santoni” di Pisa, “è molto probabile che esca un tema su Svevo, sono anni che lo aspettiamo e forse questa sarà la volta buona. Quanto all’attualità, è possibile un tema sui rifiuti e sulle questioni ambientali, tenendo conto della situazione di Napoli. Ma sono supposizioni, fare previsioni attendibili è impossibile”. Marina Sambiagio, che insegna Storia e Filosofia al Liceo Classico “Giulio Cesare” di Roma, è scettica sull’ipotesi sequestro Moro: “A scuola abbiamo ricordato il trentennale invitando il regista Marco Tullio Giordana e il giornalista Sergio Zavoli. Sarebbe bello se uscisse un tema del genere, ma finché non sarà stata scoperta la verità dubito che Moro sarà oggetto d’esame”.

Come ti copio all’esame di maturità 2008

(via e via)

Fine maggio, arriva giugno e con giugno nel mondo della scuola arrivano gli esami. Che ti vanno a pensare a scuolazoo.com? Che ti vanno ad inventare (come se nella scuola italiana non ci fossero già abbastanza asinelli in giro che avrebbero usato la fantasia e la creatività per inventarsi nuovi modi per copiare agli esami)?

Una volta andavano le cartuccere con temi, prove, fogliettini, tutti rigorosamente organizzati e le tasche piene, così come ogni buco possibile. Orde di gente che si presentava alla maturità con i camicioni larghi, ma così larghi da potercene far stare anche 3 di cartuccere diverse, sotto.

Oppure i fogliettini di carta copiativa (salvo poi come capitò a me, che la genia in matematica, messa appositamente a centro classe, colei che doveva scrivere i bigliettini copiativi per tutti, appallottolarli e tirarli ad ognuno di noi, fece tutte le operazioni, ma i bigliettini copiativi nell’appallottolaggio si cancellavano e perciò ci arrivarono bianchi, e a quel punto un’altra donzella di buona volontà (io chi altri?) si dovette mettere a far l’integrale e passarlo nella sua zona che non c’era più tempo…). Ah lo ricordo ancora come ieri, quello fu l’unico integrale (forse) che mi uscì realmente esatto.

Poi vennero i telefonini e le tecnologie e si diffusero le tecniche di copia più moderne

Ora invece, per la maturità 2008, l’ultima trovata è quella di scuolazoo.com ed è geniale ed imprenditoriale al tempo stesso (nel senso che ci faranno anche bei soldi). scuolazoo.com produce e vende agli studenti che affronteranno gli esami di maturità quest’anno una maglietta con le formule matematiche (e non solo quelle, esistono diverse versioni della maglietta stessa). La maglietta è da indossare ed utilizzare agli esami di maturità, ovvio. Per copiare dalle spalle di quello che siede avanti. Cosa possono volere di più i nostri maturandi?

Durante la seconda prova cquelli di scuolazoo consigliano di utilizzare la maglietta (la cosa riesce se tutta la classe la indossa insieme). Finiti gli esami, suggeriscono, spazio a dediche e firme per ricordare forever come ti ho copiato all’esame.

Scuolazoo.com ha pensato di fare un regalo a tutti i suoi iscritti che stanno per fare la maturità. 10.000 magliette-bigliettino in distribuzione per la maturità 2008. Regalo? 2 euro a maglietta le prime 10000, 5 euro a maglietta dalla 10001 in poi. Questo è vendere, non regalare. ma non sta a me spiegar la differenza ai maturandi già alle prese con altri concetti da apprendere molto più interessanti no?

Le hanno pensate e prodotte davvero per tutti i gusti, ma soprattutto per ogni possibile necessità dei maturandi 2008. Le materie previste per le magliette di scuolazoo
riguardano la seconda prova dell’esame di stato e quindi sono su Matematica, Greco, Ragioneria, Geometri, Lingue e Pedagogia che NON saranno più un PROBLEMA per i maturandi.

Ci sono quindi 6 modelli diversi di maglietta, ognuna con stampato tutto quello che serve sapere, nei vari indirizzi d’esame, per superare le prove scritte senza preoccupazioni.

“Quello che non è impresso nella testa è stampato sulla maglietta!” all’insegna di questo motto comunicano anche ai maturandi ed aspiranti copiatori professionisti che la maglietta è GRATIS et amore dei, o meglio che si pagano solo le spese di spedizione: 2 euro a maglietta!

Dalle FAQ si legge:

Ma la maglietta come si usa?
Semplice indossandola puoi usufruire dei suggerimenti stampati sul fronte, mentre grazie alla maglietta di quello seduto davanti a te potrai copiare la parte sul retro.

E se sono in prima fila?
Beh qualche tuo compagno certamente si alzerà per andare alla cattedra a chiedere qualcosa, così anche tu potrai copiare i suggerimenti stampati sulla schiena della maglietta.

E se la prof mi fa togliere la maglietta?
Cosa fai l’esame a petto nudo o in reggiseno??? In ogni caso tranquilli da qui alla maturità metteremo un file da scaricare in cui a norma di legge nessuno vi deve impedire di fare l’esame con la vostra maglietta maturità 2008.


Ecco, andiamo a capire come è possibile che le Commissioni non possano far levare la maglietta ai maturandi e possano permettere l’operazione copia. Rispondono con la normativa, dicono che nessuna legge può impedire di indossare la maglietta agli esami. Dicono che forniranno ai maturandi il kit (la fotocopia insomma, anche se sarà un pdf) con la LEGGE che li tutelerà da commissari e presidenti troppo zelanti che oseranno far togliere queste magliette o pretendere che le coprano con un giubottino magari.

L’ideona secondo me è solo un gran bel business: basta fogliettini arrotolati nascosti in tasca, le cartuccere saranno da anni oramai roba del pleistocene, basta con telefonini e smarthphone di ultima generazione capaci di collegarsi anche a internet a portata di mano, basta con la penna magica ad inchiostro simpatico..

Alla Maturità 2008 debutta una nuova era: quella del ti copio alla luce del sole. Si cerca aiuto sulla schiena di chi è seduto davanti e, dicono a scuolazoo che sia anche tutto legale. Sarà… Attendiamo questo fantomatico PDF in cui metteranno a disposizione la normativa (ho cercato in lungo e in largo nei loro siti e non si trova la fantomatica normativa a prova di maglietta per copiare alla maturità 2008.

Intanto oh giovani maturandi, consiglio di aspettare anche le tracce del tema di italiano (che si sa in Australia arrivano 12 ore prima e le trovate su internet ovvio no?)

Giovani, siate seri e studiate invece. Lo scorso anno infatti internet si è fatto beffe di voi e voi come allocchi ci siete cascati, le tracce finte ve le siete portate davvero dietro e vi siete anche incazzati perchè non sono poi davvero uscite. Senza aver letto, senza aver studiato. Come al solito aspettate che vi arrivi tutto dal cielo (ecco quest’anno aspettate che vi arrivi tutto dalla schiena del compagno/a seduto avanti)…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: