Tablet in classe: alcune questioni da ricordare

Tablet in classe: alcune questioni da ricordare

However, there are reservations, too. Pupils will forget to bring their devices to school. They will lose them. They will break them. They will try to share inappropriate material. They will pick the wrong one up at the end of a class. Batteries will run out in the middle of lessons.

“Educational” apps will be exposed as mere gimmicks. The technology will be another potential source of distraction. And however many filters, passwords and restrictions are imposed centrally, just how secure will the system be?

Un articolo del Telegraph con alcune riflessioni sui pro e i contro dell’uso dei tablet a scuola con i bambini. Da leggere.

Plico telematico 2014

Plico telematico anno 3. Da sperimentazione diventa (o dovrebbe essere diventata) procedura acquisita, metabolizzata, interiorizzata.

Dovrebbe.

Sono stata referente del plico telematico per i primi due anni nel mio istituto, ho seguito direttamente tutte le procedure, la sperimentazione, le simulazioni. Quest’anno invece non lo sono ma ovviamente, lo sapete, continuo a seguire i temi che riguardano la scuola correlata agli aspetti del digitale e il plico telematico è parte integrante delle procedure di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

Non ci sono particolari novità quest’anno se non che non si è effettuata la simulazione del download del plico telematico (operazione comunque utile, nei due anni precedenti, per provare la procedura e verificare il funzionamento del tutto) e che le operazioni preliminari allo svolgimento delle prove scritte degli esami di Stato prevedono, dalla mattinata del 10 e fino al 16 Giugno, che ciascun Referente di sede d’esame proceda direttamente (a ridosso dell’insediamento della Commissione)
- al download del plico,
- all’installazione dell’applicazione sulla postazione nella sede d’esame,
- a conservare le credenziali(utente e password) rilasciate dal sistema,
- a effettuare tutte le verifiche indicate nell’allegato,
- a eseguire il test
- a comunicarne obbligatoriamente l’esito a sistema SIDI.

In un mondo perfetto, con percentuali di riuscita dell’operazione su tutto il territorio nazionale, nel 2012/13 e 2011/12, altissime, tutto dovrebbe procedere in tranquillità agli esami di stato 2014.

Si tratta solo di scaricare l’applicazione e fare i test con le credenziali, abilitarla alla ricezione dei temi nelle giornate della prima e seconda prova scritta.

Solo che, ad oggi 12 giugno, il portale di accesso al sidi/plico telematico si presenta così ai referenti di sede (e a tutti noi):

Immagine 1 20-07-54

Sito in manutenzione tecnica.

Sarà ripristinato il prima possibile.

Ci scusiamo per il disagio

Quindi, invece di essere già nella fase successiva, cioè l’attesa della e-mail con le modalità di diffusione delle chiavi di decriptazione per le prove scritte, la procedura deve ancora iniziare.

Cosa succede? Cosa è stato sottodimensionato, sottovalutato stavolta al MIUR? Si sa che in questi giorni istruzione.it viene utilizzato per una marea di motivi da una marea di utenti (TFA, Graduatorie, Segreterie ecc.)

Anche la sezione “Istanze online” in questi giorni è “affaticata” e non tutte le funzioni “funzionano”.

Tornando al Plico Telematico per gli esami di stato 2014. I referenti di sede ricevono una mail il 10 giugno nella quale viene comunicato che, per problemi tecnici al momento non è possibile effettuare il download del plico telematico attraverso la funzione SIDI Esami di Stato – Plico Telematico -Download e che saranno informati non appena la funzione sarà disponibile.

Successivamente i referenti di sede ricevono una comunicazione (11 giugno) nella quale è spiegata la procedura straordinaria di download del plico “per ovviare alle problematiche riscontrate sul SIDI ed effettuare la procedura di download del Plico Telematico” con un link attraverso cui accedere.

Al link del download straordinario bisogna inserire le credenziali che verranno comunicate ai referenti di sede con successiva mail e così si potrà effettuare il download del Plico Telematico, quello ufficiale per la sessione Ordinaria 2014.

Immagine 6

Finalmente, i referenti di Sede ricevono anche le credenziali di accesso alla procedura di download straordinaria.

E questo rimbalzare di credenziali diverse, comunque è utile per la sicurezza delle operazioni.

Come funziona adesso?
I referenti di Sede possono, adesso, effettuare il download dell’applicazione del plico telematico su postazioni di lavoro protette da password e collocate all’interno di locali sicuri e affidabili i cui accessi siano muniti di serrature e chiavi perfettamente funzionanti (nota prot. 3172 del 24.05.12).

Dovrebbero avere già anche verificato le impostazioni della stampante: formato A4, zoom al 100%, orientamento verticale (portrait). Qualunque altra impostazione potrebbe generare stampe incomplete e quindi non corrette. Così potranno fare la prova di stampa del TEST.

Con il download verranno fornite le ulteriori credenziali necessarie
all’apertura del Plico. Credenziali che, ovviamente, vanno conservate e non rese disponibili ad altri soggetti.

I Referenti di sede devono, a questo punto, effettuare tutte le verifiche comunicate loro precedentemente e procedere al TEST. Non appena il SIDI sarà reso nuovamente disponibile, sarà necessario comunicare l’esito del test con l’apposita funzione. Cari Referenti di sede, ricordatevi di prendere nota del codice segnalato dall’applicazione in caso di esito positivo o delle eventuali criticità riscontrate.

E poi, allo stato attuale, i Referenti di sede, dovranno aspettare altre comunicazioni, nei prossimi giorni.

Il MIUR ringrazia per la collaborazione.

Devo dire che anche il @miursocial, ieri ha subito risposto su Twitter al mio quesito:

Immagine 4 20-07-48

Insomma ci stanno lavorando.

Spiace vedere che una procedura digitale funzionante e rodata, dopo due anni, sia in “ritardo” in questo terzo anno per problemi tecnici (che potevano anche essere previsti per tempo).

Il Plico Telematico non è più la novità con cui il MIUR per la prima volta nella storia, consegna i temi della Maturità via Internet e non attraverso l’ambaradan dello spiegamento di forze dell’ordine e delle copie cartacee sigillate, consegnate la mattina stessa.

Avevo scritto qui sul blog i miei complimenti al Ministro Profumo, per questo. Una delle pratiche di dematerializzazione telematica della PA non solo funzionante ma riuscitissima (pochissime le scuole che hanno avuto problemi nei primi 2 anni, procedura iperguidata, simulazioni effettuate positivamente da tutti gli istituti ecc.) insieme a quella delle Iscrizioni online.

Io, questo lo dico per sorriderne insieme, detenevo pure il mio record personale: lo scorso anno ho consegnato al Presidente della Commissione la stampa dei temi di italiano alle 8.32, per dire…

Speriamo che i problemi tecnici si risolvano e che tutto proceda come deve procedere, altrimenti sarà un passo in dietro per la digitalizzazione delle scuole e di tutto il Paese.

E poi rimando a questo post (qui parlo agli studenti, ai maturandi): no, il plico telematico non può essere hackerato, studiate tranquilli!

E buona #maturita2014 a tutti, colleghi Presidenti e Commissari, studenti maturandi, referenti del plico telematico ecc.!!

Social media policy a scuola e varie questioni educative

Social media policy degli istituti scolastici. Dopo aver condiviso le slide del mio intervento, condivido anche il video.

SM-Policy-101-Cara

Per ascoltare quello che ho raccontato a Milano alla Giornata aperta sul web dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia dovete solo avere la pazienza di seguire il mio ragionamento per una ventina di minuti.

Se volete, invece, qualcosa di più sintetico, ecco un altro video.
Si tratta di una intervista di circa tre minuti, sempre a valle del mio intervento alla Giornata aperta sul Web 2014.

Buona visione

Social media policy in ambiente scolastico #gasw2014

Le mie slide su “Social media policy in ambiente scolastico” per la Giornata aperta sul web #gasw2014

Non possiamo non tener conto della normativa che, in sintesi, vieta l’uso dei telefonini a scuola (Direttiva Fioroni 104/2007 ecc.) Siamo, ovviamente, tenuti a rispettare e far rispettare.
Dobbiamo, secondo me, affrontare il cambiamento e gestirlo.
Cambiamento che vede uno smartphone in mano alla quasi totalità degli studenti, la presenza sui social dei nostri ragazzi/figli a partire dalla quinta classe della scuola primarie (nonostante l’età minima, ad esempio per Facebook, sia 13 anni compiuti), la sempre più massiccia (e ingombrante?) presenza sui social di docenti e genitori ecc.

Come gestire il cambiamento in atto, anche tenendo conto delle tecnologie a disposizione nelle scuole, delle sperimentazioni che vedono i tablet per ogni studente, classi 2.0, dei progetti di scuola digitale ecc?

Come affrontare il fatto, ad esempio, che, nonostante tutti i divieti e le normative esistenti, gli studenti durante un esame (le prove INVALSI o, a breve, gli esami di stato) praticamente in tempo reale sono tutti sui social a scambiarsi quesiti e soluzioni, a fare ironia, a sfogarsi, a comunicare?

Immagine 1

Chiudendo gli occhi? Facendo finta che tutto ciò non accade?
Io son tre anni che ne parlo…per dire.

Con una Social Media Policy di Istituto, sempre più necessaria.
Una sorta di regolamento interno, condiviso con tutte le componenti. Una elaborazione partecipata che tenga conto di diversi fattori e questioni.

Un documento che contenga sia le Linee Guida per la gestione della presenza e della comunicazione degli spazi in rete dell’Istituto che le Linee Guida per la gestione della presenza responsabile in rete e sui social network di personale e studenti.

Social Media Policy d’Istituto come momento educante di tutta la comunità scolastica.

Nel mio intervento alla Giornata Aperta sul Web ho provato a delineare quello che secondo me dovrebbe essere il contenuto:

Gestione degli spazi in rete dell’istituto
- sito web scolastico: ruoli, comunicazione istituzionale, gestione materiali, accessi con password, gestione credenziali, ecc.
- canali social della scuola: quali aprire, che materiali, quale comunicazione, target utenti, chi gestisce ecc.

Gestione di spazi di condivisione materiali per la didattica e organizzativi
- Singolo docente o disciplina
- Singola classe
- Gruppi di lavoro
- Scelta strumenti web: dropbox, google drive, email, skype ecc.
- LIM, TABLET, Applicazioni, ebook: guide tecniche e metodologiche
- Registro elettronico ecc.

Pianificazione della presenza social collegata al sito istituzionale (come scrivevamo nel vademecum Pubblica Amministrazione e social media)

Gestione di tutte le questioni educative collegate all’uso di media sociali

I Temi da mettere sul piatto delle riflessioni da fare per una Social Media Policy d’Istituto sono tanti:
- Diffusione conoscenza: cultura digitale
- Comunicazione
- Trasparenza
- Diffusione informazioni
- Dialogo Scuola/Famiglie
- Dialogo Docenti/Studenti
- Dialogo diverse componenti comunità scolastica
- Uso della rete e della comunicazione online: competenze digitali

La scuola non può sottrarsi dall’educare all’uso corretto dei social media, alla consapevolezza e alla gestione della privacy, alla gestione della Web Reputation, ai pro e contro della geolocalizzazione, alla gestione delle informazioni riguardanti dati personali, privacy, informazioni riservate…

La scuola deve prevenire comportamenti in rete che implicano insulti, volgarità, offese, minacce, atteggiamenti violenti, bullismo, stalking ecc.

E’ oramai opportuno esplicitare come regolamentare uso di Fotografie, Filmati, Registrazioni ecc. (chiarendo gli usi consentiti, ad esempio per alunni H, DSA, BES).

Tocca alla scuola occuparsi anche di Diritto d’Autore, materiale privato o protetto, licenze Creative Commons, come citare le fonti.

Insomma ho messo molta carne al fuoco e condivido per continuare a discuterne insieme.

Giornata aperta sul web 2014: Social media policy in ambiente scolastico e Social Network behaviour

Sarò di nuovo tra i relatori alla Giornata aperta sul web, lunedì 26 maggio, a Milano.
Ringrazio il caro Alberto Ardizzone e l’Ufficio Scolastico per la Lombardia per l’invito all’Edizione 2014 della Giornata aperta sul web, appuntamento annuale sulla comunicazione web a scuola.

Durante la mattinata farò un intervento sulla social media policy d’istituto.
Nel pomeriggio sarò, come la prima volta alla Giornata aperta sul web, di nuovo in workshop insieme all’amica e collega Federica Scarrione. Ci occuperemo dei comportamenti dei ragazzi e delle ragazze sui social e proveremo a condividere qualche idea “social” per rendere più partecipativi i siti scolastici e le attività didattiche.

Ci vediamo Lunedì 26 maggio presso l’Istituto Gentileschi di via Natta 11 a Milano.
Come mia abitudine, condividerò le slide che utilizzerò nei due interventi qui sul blog.

milano

Qualche informazione sulla giornata.
Si parlerà di innovazioni normative in termini di trasparenza e accessibilità che si innestano nel processo di digitalizzazione già in atto in diverse realtà scolastiche e che sollecitano nuove forme di collaborazione tra dirigenza, personale di segreteria e docenti.

La sessione mattutina, in plenaria, particolarmente rivolta a dirigenti scolastici, Dsga e webmaster scolastici, si svolgerà dalle 10.00 alle 13.30 esarà suddivisa in due parti:
Siti scolastici oggi su novità normative, soluzioni tecniche proposte da Porte aperte sul web, servizi e ambienti per la partecipazione – Domande&Risposte.
Gli esperti presenti risponderanno a domande, dubbi, richieste di chiarimenti raccolti dalle scuole.

La sessione pomeridiana, dalle 14.45 alle 16.45, si svilupperà attraverso quattro workshop. Due di questi sono legati al supporto offerto alle scuole dalla comunità Porte aperte sul web alla costruzione di siti scolastici a norma attraverso i CMS (Content Management System) open source Drupal e WordPress.
Il terzo workshop verterà sui comportamenti degli studenti nel social e sull’uso di ambienti di apprendimento e strumenti social per condividere risorse web nel sito scolastico.
Il quarto laboratorio presenterà strumenti per la didattica e l’organizzazione delle aule con hardware e software liberi.

La partecipazione alla giornata è libera e aperta alla partecipazione di personale scolastico di altre regioni, ma gli interessati dovranno segnalare la propria adesione compilando on line il modulo di iscrizione all’indirizzo http://www.istruzione.lombardia.gov.it/iscrizioni/gasw-2014/.
(fonte: http://www.istruzione.lombardia.gov.it/protlo8448_14/)

Programma mattino (ore 9.30 – 13.30)
Ore 9.15: Accoglienza
Ore 9.30: Registrazione
Ore 10.00 – Saluti e presentazione della giornata
Agostino Miele, dirigente scolastico Istituto Gentileschi
Luciana Volta, dirigente ufficio I – USR Lombardia
Ore 10.10 – Siti web a scuola e nella pubblica amministrazione
Accessibilità e trasparenza nei siti della P.A.: cosa sta cambiando, Roberto Scano, presidente IWA-Italy
Il punto sul processo di materializzazione a scuola, Mario Varini, Dsga IC Castellucchio (MN)
Siti scolastici oggi, Alberto Ardizzone, USR Lombardia
Social media policy in ambiente scolastico, Caterina Policaro, docente e blogger
Ore 11.50 – Domande e risposte

Gli esperti presenti risponderanno a domande, dubbi, richieste di chiarimenti raccolti dalle scuole sui temi della tavola rotonda. Durante le sessione è previsto un intervento registrato dell’avvocato Ernesto Belisario su aspetti legali emersi dalle domande espresse in fase di iscrizione.

Programma pomeriggio (ore 14.45 – 16.45)
Nel pomeriggio workshop tematici sulla gestione della comunicazione web scolastica con l’ausilio di CMS open source, su comportamenti social degli studenti e sull’uso e gestione di risorse libere nella didattica.

- Drupal per la scuola, con gli utilizzatori Drupal di Porte aperte sul web
- WordPress per la scuola, con gli utilizzatori WordPress di Porte aperte sul web
- Linux, la tua scelta libera, con Antonello Facchetti, Paolo Mauri e Lillo Sciascia
- Social network behaviour con Caterina Policaro e Federica Scarrione

Elezioni 2014 – Memorandum per il personale della scuola

Elezioni 2014 – Memorandum su permessi e gestione del personale a cura dell’Ufficio Legislativo della Cisl Scuola. L’ho appena ricevuto e pubblico le informazioni che possono essere utili a molti docenti e dirigenti

Domenica 25 maggio si svolgeranno sia le elezioni europee per eleggere i membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia che le elezioni comunali in 4095 comuni interessati al voto.

Il memorandum della Cisl Scuola sintetizza le norme che regolano gli istituti dei permessi per il personale che si candida, per il personale chiamato ad adempiere funzioni presso gli uffici elettorali, per il personale che debba recarsi a votare in comune diverso da quello di servizio e le situazioni conseguenti all’utilizzo dei locali scolastici come sedi elettorali.

elezioni

Personale che si candida – Permessi

La Circolare Ministeriale n. 180 del 9 maggio 1996 precisa in merito che:
- il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato che, in occasione di una
consultazione generale, partecipi come candidato alla relativa campagna elettorale può
fruire dei tre giorni di permesso retribuito e (per i docenti) dei sei giorni di ferie previsti dal CCNL (artt. 15, comma 2, e 13, comma 9, del CCNL del 29 novembre 2007);

- il personale con rapporto di lavoro a tempo determinato fino al termine dell’anno
scolastico o fino al termine delle attività educative può utilizzare i sei giorni di permesso non retribuiti previsti dal CCNL (articolo 19, comma 7, del CCNL del 29 novembre 2007);

- lo stesso personale può comunque fruire di un periodo di aspettativa per motivi personali (ai sensi dell’art. 18 del CCNL del 29 novembre 2007).

Personale chiamato ad adempiere funzioni presso gli uffici elettorali

La Circolare Ministeriale n. 132 del 29.4.1992 riporta i testi integrali di alcune note del Ministero del Tesoro dalle quali si evince che i dipendenti civili dello stato, impegnati in operazioni elettorali, hanno diritto al riposo compensativo:

- per la domenica, in caso di articolazione dell’orario di servizio settimanale su 6 giorni;

- per il sabato e la domenica, in caso di articolazione dell’orario di servizio settimanale su 5 giorni.

E’ esclusa qualsiasi possibilità di opzione per il pagamento di specifiche quote retributive.

Personale che debba recarsi a votare in comune diverso da quello di servizio

E’ data possibilità di fruire, nei giorni delle elezioni, degli istituti contrattuali disciplinati dal CCNL (permessi retribuiti, ferie).

Utilizzo dei locali e sospensione dell’attività didattica

La chiusura delle scuole sede di seggio e la conseguente sospensione delle attività didattica avviene su richiesta delle Amministrazioni comunali agli UUSSRR.

Personale in servizio in scuola non sede di seggio

Il personale docente e ATA in servizio presso una scuola il cui edificio non è sede di seggio è obbligato a svolgere la normale attività didattica e lavorativa.

Personale in servizio in scuola sede di seggio

Il personale docente, analogamente alle altre situazioni di sospensione dell’attività
didattica (ad es. per causa di forza maggiore, maltempo, disinfestazioni ecc,) non è
tenuto a prestare attività di insegnamento in altri plessi o sezioni staccate
dell’istituzione scolastica. E’ fatta salva l’eventuale programmazione di attività
funzionali all’insegnamento deliberate nell’ambito del POF.

Per il personale ATA, svolge un ruolo fondamentale la contrattazione di istituto (art. 6
lettere h) e) m) CCNL 2007) che, nel rispetto delle competenze e responsabilità degli
Organi Collegiali, del Dirigente scolastico e del DSGA, individua modalità e criteri per
un’equa utilizzazione del personale e un’ eventuale diversa articolazione della
prestazione lavorativa in relazione alle esigenze di funzionamento della scuola.

Con apposita disposizione motivata da esigenze lavorative concrete e con congruo
anticipo, il personale ATA può essere assegnato a svolgere temporaneamente il proprio
servizio nelle altre sedi scolastiche che non sono seggio elettorale.

Quando gli alunni vanno in rete (le mie slide di #eleadership)

Le slide del mio intervento di lunedi scorso a Bologna al seminario per Dirigenti Scolastici dell’USR Emilia Romagna “E-Leadership: Le competenze “digitali” del Dirigente nella scuola ad alta densità tecnologica”

Cosa sono i social network, a cosa servono, come si usano (le mie slide)

Cosa sono i social network, a cosa servono, come si usano.
Le mie slide del seminario di Tropea

Poi un articolo della Gazzetta del Sud che vi racconta come è andata:

Convegno Rotary Tropea

L’uso corretto dei social network e la difesa dalle insidie della rete

Domani mattina sarò a Tropea. Gioco in casa natia, stavolta.

Il Rotary Club - Distretto 2100 - Club di Tropea e l’IIS di Tropea mi hanno invitato come relatrice al seminario su “L’uso corretto dei social network e la difesa dalle insidie della rete”

Io introduco e spiego cosa sono i social, a cosa servono e come si usano. A seguire interventi della Polizia Postale, di una criminologa e di un avvocato. Seminario rivolto a studenti delle scuole e docenti. Che ci faranno un po’ di domande.

Si preannuncia una mattinata interessante.

locandina social network tropea

Iscrizioni online 2014 – Guida alla registrazione

Secondo anno per le iscrizioni a scuola che si svolgono online. Come lo scorso anno voglio dedicare qualche post di pubblica utilità alla procedura di Iscrizione online.

La legge 7 agosto 2012, n. 135 stabilisce che le iscrizioni al primo anno delle scuole statali di ogni ordine e grado avvengono esclusivamente in modalità on line. Il MIUR ha impostato una pagina web per accedere al servizio e per accompagnare le famiglie nel percorso per l’iscrizione: dalla registrazione alla compilazione ed inoltro del modulo di iscrizione, dalla scelta del percorso di studio alla ricerca della scuola desiderata. Qui la circolare con la normativa sulle iscrizioni.

Immagine 2

Sarà possibile effettuare la registrazione a partire dal 27 gennaio.
L’avvio delle iscrizioni on line è fissato per il 3/02/2014. Il termine ultimo per le iscrizioni è il 28/02/2014. Il sistema funzionerà 24 ore su 24, compresi il sabato e la domenica.

Vi rimando al post dello scorso anno, con tutta la procedura in dettaglio, in attesa di poter postare anche la nuova, dopo il 3 febbraio, quando si potrà accedere al sistema.
Verificherò e aggiornerò sulle eventuali novità, che comunque credo non saranno molte.

Intanto vi posto una Guida alle iscrizioni online riguardo a come effettuare passo passo la fase di registrazione da parte delle famiglie.

Cosa serve per la registrazione (e poi per l’iscrizione online)?

Una casella di posta elettronica (e-mail) valida, il documento di identità del genitore.

Ecco i passaggi in forma di presentazione:

Potete tranquillamente condividere la presentazione (ad esempio su siti di scuole ecc.)
Vi chiedo solo di mettere i credits. Grazie.

Segue seconda parte sulla procedura di iscrizione.

La lettera di un’insegnante ai suoi studenti

Riporto un post, dalla pagina Facebook di Marcello Pittella (neo eletto presidente della Regione Basilicata). Io so perchè.

La lettera di un’insegnante ai suoi studenti. La riporto perchè ritengo importante intervenire sul disinteresse dei ragazzi nei confronti della vita politica ed amministrativa.
E’ un argomento che li riguarda, perchè le scelte che faremo nei prossimi anni influenzeranno inevitabilmente il loro futuro.

“Cari studenti delle scuole superiori,
state assistendo sicuramente anche voi alla campagna elettorale per le Elezioni Regionali del 17 e 18 Novembre. Chi attivamente, perchè magari la famiglia è più o meno coinvolta con questo o quell’altro partito o perchè, magari, in una Regione comunque piccola come la nostra, è molto facile avere un parente, un amico, un conoscente, candidato.
Chi passivamente, notando sui manifesti il moltiplicarsi di faccioni dei candidati, o ricevendo inviti di massa su Facebook a partecipare a un evento elettorale, o semplicemente vedendo passare “santini digitali” sulle bacheche altrui o santini cartacei che passano di mano in mano tra gli adulti.
Tra qualche anno anche voi sarete chiamati alle urne, vi osservo a scuola ogni mattina e con dispiacere, vedo voi, nuove generazioni, futuro della nostra Regione, sempre più disinteressati rispetto alla cosa pubblica, al dibattito, alla cittadinanza democratica grazie alla quale ritengo, invece, che ognuno di voi dovrebbe avere il giusto spazio per manifestare bisogni e desideri.
Fin da ora. Magari, per ora, dando fiducia agli adulti che ci governeranno per i prossimi 5 anni, perché ne avete compreso, discutendone insieme, il progetto.
Mi auguro che il prossimo Consiglio Regionale possa dare voce e risposte anche alle vostre istanze, ascoltandole innanzitutto e offrendovi spazi, luoghi e tempi in cui esprimerle come solo voi giovani sapete fare, con la vostra creatività, con l’aiuto delle tecnologie e dei social a cui state praticamente attaccati tutto il giorno, che sono anche le nuove piazze aperte alla discussione e alla partecipazione.
Spero davvero che vi sia consentita un’equa rappresentatività che parte dalle scuole, dalle assemblee, dai vostri luoghi di aggregazione, dalle associazioni di cui fate parte, dai forum giovanili, dalla consulta ecc. e che arrivi nei vari partiti e, magari, poi anche nelle istituzioni.
Cari ragazzi e ragazze, forse il vostro disinteresse per la politica nasce dall’osservare attorno a noi grande litigiosità sia nel centrodestra come nel centrosinistra. Democrazia vuol dire comunque dare a tutti possibilità di dissentire, o argomentare diversamente.

votare_rappresentanti

In classe io proverò a confrontarmi con voi sui programmi delle forze politiche in gara per queste elezioni del prossimo Consiglio Regionale lucano, sui temi che danno voce e rappresentanza, in prospettiva, anche a voi che presto, diventati maggiorenni, chiederanno anche a voi gesti di responsabilità. Perché il voto è una responsabilità, oltre che un diritto, dovere.
E la responsabilità deve essere condivisa e partecipata. Ne va del vostro futuro, altrimenti.
Avete bisogno di un governo regionale forte, moderno, capace di fare le riforme necessarie per lo sviluppo di questa Basilicata, che vi permetta di andare a studiare e specializzarvi fuori, ma anche di tornare a lavorare un giorno nella vostra terra, mettendo a disposizione proprio qui la professionalità e le competenze che avrete conquistato.
Una Basilicata che vi offra possibilità di creare impresa, di legare le competenze e le qualifiche tecnico-professionali con le richieste del mercato del lavoro nei settori in cui si può produrre ricchezza della nostra Regione.
Una Basilicata connessa, digitale, che affronti le inquietudini proprie della vostra generazione, che già comincia a pensare come uscire dalla precarietà occupazionale, economica.
Una Basilicata che metta al centro le questioni del lavoro, dell’uscita dalla crisi, che individui le direttrici su cui muovere le politiche per lo sviluppo e l’innovazione tecnologica.
Una Basilicata veramente vostra.”

Etwinning: mobilità virtuale e innovazione sostenibile a scuola

Mobilità virtuale e innovazione sostenibile a scuola, in Sicilia due giorni di
networking con 200 insegnanti da tutta Europa.

Per la prima volta riuniti a Catania i rappresentanti della rete europea degli Ambasciatori eTwinning, attivi nella diffusione dei gemellaggi elettronici tra scuole della Unione Europea.
Dal 17 al 19 ottobre oltre 200 docenti europei si riuniranno a Catania (Hotel Sheraton) in nome della formazione e della condivisione di buone pratiche, per un’ innovazione didattica sostenibile attraverso la mobilità virtuale.

Questo in sintesi il significato della prima Conferenza europea ambasciatori eTwinning, l’azione sui gemellaggi elettronici tra scuole coordinata dalla Commissione Europea.

bannerllp

Attesi in Sicilia gli insegnanti di scuole pubbliche del continente che costituiscono la rete europea di esperti nazionali all’interno dei sistemi scolastici dei Paesi aderenti, per informare, orientare e diffondere i benefici della didattica attraverso gemellaggi elettronici tra scuole, supportando l’azione delle Unità nazionali
eTwinning.

Il programma sarà alternato da sessioni in plenaria, keynote speech di esperti e workshop di formazione su diversi aspetti relativi l’innovazione scolastica e la mobilità virtuale in Europa. In conclusione del settennato di Lifelong Learning Programme, l’evento costituirà anche l’occasione per tirare le somme dei risultati e le sfide di eTwinning nel prossimo Programma Erasmus+, oltre a favorire lo scambio di esperienze e risultati.

L’evento è organizzato dall’Agenzia LLP Indire, Unità nazionale eTwinning con il patrocinio del Comune di Catania. Insieme agli Ambasciatori eTwinning selezionati in ciascun Paese (per l’Italia ci saranno circa 40 docenti selezionati dalla rete nazionale ambasciatori), saranno presenti rappresentanti di Commissione Europea, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, istituzioni locali, oltre ai coordinatori dell’Agenzia nazionale per il Lifelong Learning Programme di INDIRE.

Per attività ludiche e sociali sono state coinvolte anche alcune scuole locali.

Hashtag ufficiale: #etwamb13
Live streaming sul sito di eTwinning Italia: www.etwinning.it

I ragazzi non imparano da chi a loro non piace…

L’anno scolastico è appena terminato. Cioè, non ancora, al netto della burocrazia finale. Non è in realtà ancora terminato.

Per me un anno lungo, pieno, mentale, ragionato, vissuto in certi momenti visceralmente, condiviso con chi prova a metterci anche l’anima per l’educazione dei ragazzi (a volte anche sbagliando), compromesso anzi no, meglio, fortificato da alcune incomprensioni, visioni diverse, posizioni di puntiglio.

Un altro anno da docente, con due frasi che son tornate spesso in mente durante il cammino. La prima “L’educazione è cosa di cuore” (don Bosco) e chi mi conosce veramente bene sa anche perché. Ed è fatta di relazioni tra persone.

La seconda frase non so chi l’ha detta ma è “Nulla accade per caso”.

Come questo video che avevo già visto e che poco fa mi è tornato sotto gli occhi.

education

Ora ha anche i sottotitoli italiani, non posso non postarlo.Perdete anche voi qualche minuto. Posto anche il testo.

Riflessioni su educazione, mestiere dell’insegnante e importanza delle relazioni. Qualcuno, più dotto, direbbe “Mettere sempre la persona al centro”.

Rita Pierson, insegnante da 40 anni, un giorno si sentì dire da una collega: “Non mi pagano per farmi piacere i ragazzi.” La sua risposta: “I ragazzi non imparano da chi a loro non piace.”

Il video è un ardente appello ai docenti affinché credano nei propri alunni e creino con loro un legame reale, umano, personale.

Ho trascorso tutta la mia vita o a scuola, o sulla strada per la scuola, o a parlare di cosa succede a scuola. I miei genitori erano entrambi docenti, lo erano anche i miei nonni materni, e durante gli ultimi 40 anni lo sono stata anch’io. È inutile dire quindi che per tutti questi anni ho avuto la possibilità di osservare la riforma scolastica da prospettive diverse. Alcune delle riforme sono state buone. Altre un po’ meno. Sappiamo perché i ragazzi abbandonano gli studi. Sappiamo perché non imparano. Può essere per la povertà, l’assenteismo o l’influenza negativa dei compagni. Sappiamo il perché. Ma una delle cose di cui non parliamo mai, o di cui si parla ben poco, è il valore e l’importanza dei rapporti umani, delle relazioni.

James Comer sostiene che non ci può essere apprendimento significativo senza una relazione significativa. George Washington Carver dice che l’apprendimento consiste nella comprensione delle relazioni. Tutti quanti qui avete subito l’influenza di un professore o di un adulto. Per anni ho visto gente insegnare. Ho guardato i migliori e anche qualcuno dei peggiori.

Una collega mi disse un giorno: “Non mi pagano per farmi piacere i ragazzi. Mi pagano per impartire una lezione. I ragazzi dovrebbero impararla. Io dovrei impartirla. Loro dovrebbero impararla. Caso chiuso.”

Beh, le dissi: “Sai, i ragazzi non imparano da gente che a loro non piace.”

Allora mi disse: “Queste sono un sacco di stupidaggini.”

E io le dissi: “Beh, il tuo anno sarà lungo e difficile, tesoro.”

È inutile dire che fu cosi. Certe persone pensano che la capacità di costruire una relazione o ce l’hai o non ce l’hai. Ma io penso che Stephen Covey aveva ragione quando diceva che dobbiamo mettere in atto alcune piccole cose, come cercare prima di capire e poi voler essere capiti, cose semplici come chiedere scusa. Ci avevate mai pensato? Dite a un ragazzino che vi dispiace e rimarrà scioccato.

Ho avuto classi con preparazione così scarsa, così carenti dal punto di vista scolastico, che mi veniva da piangere. Mi chiedevo come sarei riuscita a portare quel gruppo in soli 9 mesi dal livello in cui si trovava a quello in cui doveva essere. Ed era difficile. Era terribilmente duro. Come aumentare contemporaneamente l’autostima di un ragazzo e i suoi risultati scolastici?

Un anno mi è venuta un’idea brillante. Ho detto a tutti i miei alunni: “Siete stati scelti per assistere alla mia classe, perché io sono la migliore insegnante e voi siete i migliori studenti. Ci hanno messi tutti inisieme per dimostrare agli altri come si deve fare.”

Uno di loro ha chiesto:

Gli ho risposto: “Davvero. Dobbiamo far vedere alle altre classi come si fa. Quindi quando passeremo per il corridoio, la gente ci osserverà, e non potete fare rumore. Solo dovete camminare a testa alta.” E ho dato loro delle frasi da ripetere: “Io sono qualcuno. Ero qualcuno quando sono arrivato. Sarò una persona migliore quando me ne andrò. Sono forte e potente. Mi merito l’educazione che sto ricevendo qui. Ho cose da fare, gente da impressionare e posti da visitare.”

E mi hanno detto: “Sì!”

Se lo dite molte volte, incomincia a diventare parte di voi.

Per anni ho visto mia madre correggere compiti nell’intervallo, fare visite a domicilio al pomeriggio, comprare pettini, spazzole, burro di arachidi e cracker, e metterli nel cassetto della cattedra per i ragazzini che avevano fame, e un asciugamano e del sapone per quelli che non avevano un buon odore. Sapete, è difficile insegnare a degli alunni che puzzano. E poi i ragazzi possono essere crudeli. E quindi teneva quelle cose nel cassetto, e anni dopo, quando era già andata in pensione, ho sentito dire da alcuni di questi stessi ragazzi: “Sa, signora Walker, Lei ha cambiato la mia vita. Mi ha aiutato a farcela. Mi ha fatto sentire come se fossi qualcuno, quando in fondo sapevo che non era vero. E voglio solo farle vedere cosa sono diventato.”

E quando mia mamma è morta 2 anni fa, all’età di 92 anni, c’èrano così tanti ex-alunni al suo funerale, che mi è venuto da piangere, non perché se n’era andata, ma perché aveva lasciato in eredità delle relazioni che non sarebbero mai svanite.

Possiamo sopportare un maggior numero di relazioni? Assolutamente. Vi piaceranno tutti i vostri alunni? Certo che no. E sapete che quelli più difficili non sono mai assenti. Mai. Non vi piaceranno tutti, e quelli difficili sono là per un motivo. È il legame. Sono le relazioni. E anche se non vi piacciono tutti, la cosa importante è che non devono mai e poi mai saperlo. Quindi gli insegnanti diventano grandi attori e attrici: veniamo a lavorare quando non ce la sentiamo, e ascoltiamo regolamenti che non hanno nessun senso, e insegnamo comunque.

Insegnamo comunque, perché questa è la nostra professione.

Insegnare e imparare dovrebbero essere un piacere. Quanto sarebbe potente il nostro mondo se i nostri ragazzi non avessero paura di rischiare, non avessero paura di pensare, se avessero un paladino? Ogni ragazzo merita di avere un paladino, un adulto che non lo abbandonerà mai, che comprende la forza del legame e insiste che diventi la miglior persona possibile.

È duro questo lavoro? Ci potete scommettere. Oh, Dio, ci potete scommettere. Ma non è impossibile. Possiamo farcela. Siamo docenti. Siamo nati per fare la differenza.

Grazie mille.

(Applausi)

Scuola: le linee programmatiche del nuovo Ministro

Vi allego il file con le Linee Programmatiche del Ministro CARROZZA 060613.

E’ l’AUDIZIONE dell’ ON. SIG. MINISTRO CARROZZA davanti alle Commissioni riunite del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati sulle linee programmatiche

Sono da leggere, per capire come agirà il nuovo Ministro su istruzione, scuola, Università, ricerca ecc.

Molti i punti toccati dal Ministro Carrozza, ecco quello che riguarda il mondo della scuola e dell’istruzione:

- Formazione, Sviluppo Economico, Capitale Umano

…Le politiche per l’istruzione, l’università e la ricerca sono di rilevanza strategica per il Governo. In particolare, come è noto, il livello di formazione (e quindi di istruzione) ha un legame diretto con il tasso di sviluppo economico di una certa popolazione e di un certo Paese in un dato momento storico…

Tutti a scuola - Quirinale: Cerimonia inaugurazione anno scolastico 2010/2011 - Delegazione Scuole Basilicata

- Credibilità, Trasparenza e Coesione

I sistemi dell’istruzione, dell’università e della ricerca non possono vivere nell’incertezza perenne tra tagli e rimodulazioni in corso d’anno. Quello che serve è un orizzonte temporale pluriennale in cui il budget su cui sviluppare il sistema sia coerente con le politiche, le strategie e le priorità che il Paese si impegna a
perseguire, tenendo conto, peraltro, della necessità di rispettare gli obiettivi assunti a livello internazionale.

- Semplificazione burocratica

Trasparenza delle politiche e della gestione vuol dire anche un sistema normativo più semplice, meno frammentario e tortuoso, in cui le regole da applicare siano facilmente conoscibili e il più possibile semplici da applicare. La situazione attuale, purtroppo è questa: un groviglio di fonti normative in tutti i settori che afferiscono al Ministero tale da generare confusione, ampi margini di discrezionalità, minori garanzie per gli interessati, eccessivo contenzioso (solo nel settore scuola sono migliaia i ricorsi. Non c’è atto dell’amministrazione che non sia sommerso da
ricorsi).

- Obiettivo principale dell’Istruzione

…garantire ai nostri ragazzi luoghi di apprendimento sicuri e un percorso scolastico che possa incidere positivamente nella realizzazione del loro progetto di vita e sul loro futuro, permettendo a tutti i meritevoli, ancorché privi di mezzi, di raggiungere i più alti gradi dello studio secondo il dettato della nostra Costituzione.

- Due gli assi fondamentali che il sistema scolastico italiano deve sviluppare: l’inclusività del sistema formativo e la qualità degli apprendimenti

- Riconoscimento del lavoro dei docenti

Se vogliamo garantire la qualità degli apprendimenti, dobbiamo anche dare un segnale di valorizzazione e di riconoscimento al prezioso lavoro del docente. Ormai da molti anni e in molti modi – a volte anche drammatici – alla scuola e ai nostri docenti viene chiesto di assolvere a funzioni educative generali: l’accompagnamento alla “fatica di crescere” delle nuove generazioni, la funzione di guida verso modelli di comportamento costruttivi, l’orientamento fondato sull’autovalutazione di forze, inclinazioni e debolezze, il presidio dei limiti e la gestione e la riparazione, insieme ai ragazzi, di comportamenti distruttivi e auto-distruttivi purtroppo diffusi, il sostegno alle molte fragilità, la costruzione di opportunità per ciascuno.

- Tecnologie digitali

La scuola oggi deve anche confrontarsi con la
pervasività delle tecnologie digitali e con il loro utilizzo corretto, e deve attrezzarsi per rispondere alle esigenze formative di generazioni di nativi digitali e di bambini che a causa delle loro condizioni di partenza possono essere marginalizzati alimentando il digital divide.

- Azioni da perseguire

a) interventi di sistema (dove le priorità sono sicuramente costituite dall’edilizia scolastica e dallo sviluppo e sostegno all’autonomia delle scuole);
b) interventi per il personale della scuola (con la valorizzazione delle professioni e con segnali di attenzione immediati per il precariato);
c) interventi per gli studenti, garantendo apprendimenti di qualità per tutti e ognuno.

- Organico

…la costituzione dell’organico dell’autonomia e dell’organico di rete, così come già previsto dalla legge (art. 50 del D.L. n. 5/2012), che ha come conseguenze immediate una maggiore stabilità dell’organico effettivo delle istituzioni scolastiche e un consistente assorbimento di una quota sensibile di precariato.
Chiaramente il vero e proprio organico funzionale (strumento di flessibilità del quale il sistema scolastico non può più fare a meno per garantire un servizio efficiente) deve essere l’obiettivo cui tendere nel medio periodo.

- Sostegno finanziario all’autonomia scolastica

tramite il fondo per il funzionamento ordinario delle scuole e il ripristino del fondo per le attività aggiuntive del personale scolastico.

- Valorizzazione della professione docente e del personale scolastico tutto.

- Sistema di valutazione

che non deve essere visto come una volontà di “dare la pagella” ai professori o ai dirigenti scolastici, ma come necessità
da parte della scuola stessa di verificare gli esiti rispetto ad obiettivi definiti congiuntamente, al fine di creare un circolo virtuoso che consenta di intervenire sul Piano dell’offerta formativa (POF) per migliorare gli elementi di criticità che si siano
manifestati. Ma deve essere anche lo strumento per Regioni ed Enti locali per capire come investire a supporto e a rafforzamento dell’offerta formativa delle scuole, come già accaduto in alcune buone pratiche in Italia.
Nel sistema valutativo non c’è alcuna volontà sanzionatoria o di
penalizzazione: si tratta piuttosto di trovare soluzioni condivise, in grado di sviluppare processi di auto-miglioramento della qualità dell’apprendimento, della didattica, dei comportamenti professionali degli insegnanti.

- Riconoscimento economico e professionale

Successivamente, in fase di predisposizione dell’atto di indirizzo per la prossima stipula del contratto nazionale di lavoro si potrà prevedere, tra l’altro:
a – un incremento della retribuzione base del personale scolastico, nell’ambito delle compatibilità finanziarie che il Governo indicherà, che valorizzi la capacità innovativa dei singoli e di lavorare in team;
b – un chiaro riconoscimento economico delle posizioni organizzative
particolari della scuola, tanto nei riguardi del personale docente ed
educativo che di quello amministrativo, tecnico e ausiliario;
c – un altrettanto chiaro e palese riconoscimento tanto delle posizioni organizzative che di tutte le figure di supporto alla attività didattica (che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento ed alla radicalizzazione dell’istruzione sul territorio) in sede di progressione di carriera.

- Una riflessione per il nuovo reclutamento dei dirigenti scolastici e dei docenti

- Formazione docenti all’uso delle tecnologie

…occorre avviare in collaborazione con la DG Connect (Directorate
General for Communications Networks, Content and Technology) della
Commissione europea e secondo le indicazioni del Consiglio europeo dell’istruzione un piano straordinario per la formazione dei docenti all’uso delle tecnologie. Occorre favorire, pur nel rispetto delle regole di concorrenza ed evidenza pubblica, la specializzazione di imprese italiane ed europee affinché la digitalizzazione delle
scuole sia una occasione di sviluppo e crescita.

- Precariato e piano assunzioni

- Interventi per gli studenti

…l’obiettivo è quello di apprendimenti di qualita’ per tutti e ciascuno, da realizzarsi anche mediante una politica di lungo respiro per contrastare la dispersione scolastica e a favore di politiche per l’inclusione di tutti i bambini e ragazzi.

- Dispersione scolastica

- Bisogni educativi speciali, disabilità, inclusione, sostegno

- Ampliamento del tempo scuola

- Apprendimento permanente per la crescita e del potenziamento dei sistemi integrati di istruzione, formazione e lavoro

- Potenziare l’istruzione tecnico-professionale, raccordare i sistemi di istruzione, formazione e lavoro

Insomma, c’è un bel da fare nel mondo della scuola. Fa piacere leggere delle linee programmatiche che entrano molto nello specifico nelle quali non si ragiona più nell’ottica solo dei tagli.

Vedremo, però, cosa succederà veramente da adesso in poi.

BES cosa fare?

Bes? Di cosa parliamo?
Dei Bisogni Educativi Speciali, della Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 sui Bisogni Educativi Speciali (BES) e la successiva Circolare 8/2013, del nuovo modello inclusivo proposto dal MIUR (da Profumo, prima di cedere il posto alla nuova Ministra).

scuola_bambini

Vi rimando a post dettagliati di Maria Grazia Fiore in merito, per approfondire.

Da una parte un discorso molto ampio sull’inclusione scolastica che va oltre il sostegno (L. 104/92) e la dislessia e i DSA (L. 170/2010), che tenta di includere nei BES altre categorie di studenti svantaggiati per vari motivi, dall’altra una nuova tipologia di studente, lo studente BES.

Che non rimanga solo una sigla, che non si approfitti per mettere sotto la sigla BES anche chi BES non è.

Mi sono presa la briga di sintetizzare quello che le scuole devono fare nel mese di giugno. Gli adempimenti previsti per i BES. Quali i passaggi?

Come si arriva al Piano Annuale per l’Inclusività?
Chi lo elabora, chi lo approva? Cosa fanno i Consigli di Classe, cosa fa il Collegio Docenti?

Eccovi la sintesi di ciò che la normativa prevede.

Potete scaricare il file se lo trovate utile per i vostri istituti, alle prese come tutti, con i BES, i Bisogni Educativi Speciali.

N. B. Al momento ho trovato in rete solo un modello di Piano Annuale dell’Inclusione elaborato e messo a disposizione da USR Marche, può essere utile anche questo.

Work in progress, ulteriori approfondimenti a seguire.

Pagina 1 di 912345...Ultima »