Social media policy in ambiente scolastico #gasw2014

Le mie slide su “Social media policy in ambiente scolastico” per la Giornata aperta sul web #gasw2014

Non possiamo non tener conto della normativa che, in sintesi, vieta l’uso dei telefonini a scuola (Direttiva Fioroni 104/2007 ecc.) Siamo, ovviamente, tenuti a rispettare e far rispettare.
Dobbiamo, secondo me, affrontare il cambiamento e gestirlo.
Cambiamento che vede uno smartphone in mano alla quasi totalità degli studenti, la presenza sui social dei nostri ragazzi/figli a partire dalla quinta classe della scuola primarie (nonostante l’età minima, ad esempio per Facebook, sia 13 anni compiuti), la sempre più massiccia (e ingombrante?) presenza sui social di docenti e genitori ecc.

Come gestire il cambiamento in atto, anche tenendo conto delle tecnologie a disposizione nelle scuole, delle sperimentazioni che vedono i tablet per ogni studente, classi 2.0, dei progetti di scuola digitale ecc?

Come affrontare il fatto, ad esempio, che, nonostante tutti i divieti e le normative esistenti, gli studenti durante un esame (le prove INVALSI o, a breve, gli esami di stato) praticamente in tempo reale sono tutti sui social a scambiarsi quesiti e soluzioni, a fare ironia, a sfogarsi, a comunicare?

Immagine 1

Chiudendo gli occhi? Facendo finta che tutto ciò non accade?
Io son tre anni che ne parlo…per dire.

Con una Social Media Policy di Istituto, sempre più necessaria.
Una sorta di regolamento interno, condiviso con tutte le componenti. Una elaborazione partecipata che tenga conto di diversi fattori e questioni.

Un documento che contenga sia le Linee Guida per la gestione della presenza e della comunicazione degli spazi in rete dell’Istituto che le Linee Guida per la gestione della presenza responsabile in rete e sui social network di personale e studenti.

Social Media Policy d’Istituto come momento educante di tutta la comunità scolastica.

Nel mio intervento alla Giornata Aperta sul Web ho provato a delineare quello che secondo me dovrebbe essere il contenuto:

Gestione degli spazi in rete dell’istituto
– sito web scolastico: ruoli, comunicazione istituzionale, gestione materiali, accessi con password, gestione credenziali, ecc.
– canali social della scuola: quali aprire, che materiali, quale comunicazione, target utenti, chi gestisce ecc.

Gestione di spazi di condivisione materiali per la didattica e organizzativi
– Singolo docente o disciplina
– Singola classe
– Gruppi di lavoro
– Scelta strumenti web: dropbox, google drive, email, skype ecc.
– LIM, TABLET, Applicazioni, ebook: guide tecniche e metodologiche
– Registro elettronico ecc.

Pianificazione della presenza social collegata al sito istituzionale (come scrivevamo nel vademecum Pubblica Amministrazione e social media)

Gestione di tutte le questioni educative collegate all’uso di media sociali

I Temi da mettere sul piatto delle riflessioni da fare per una Social Media Policy d’Istituto sono tanti:
– Diffusione conoscenza: cultura digitale
– Comunicazione
– Trasparenza
– Diffusione informazioni
– Dialogo Scuola/Famiglie
– Dialogo Docenti/Studenti
– Dialogo diverse componenti comunità scolastica
– Uso della rete e della comunicazione online: competenze digitali

La scuola non può sottrarsi dall’educare all’uso corretto dei social media, alla consapevolezza e alla gestione della privacy, alla gestione della Web Reputation, ai pro e contro della geolocalizzazione, alla gestione delle informazioni riguardanti dati personali, privacy, informazioni riservate…

La scuola deve prevenire comportamenti in rete che implicano insulti, volgarità, offese, minacce, atteggiamenti violenti, bullismo, stalking ecc.

E’ oramai opportuno esplicitare come regolamentare uso di Fotografie, Filmati, Registrazioni ecc. (chiarendo gli usi consentiti, ad esempio per alunni H, DSA, BES).

Tocca alla scuola occuparsi anche di Diritto d’Autore, materiale privato o protetto, licenze Creative Commons, come citare le fonti.

Insomma ho messo molta carne al fuoco e condivido per continuare a discuterne insieme.

Cittadini attivi e responsabili nei social network all’USR Lombardia

Ieri ho tenuto la prima delle 3 lezioni del percorso di Formazione rivolto ai docenti dell’USR Lombardia, a Milano nell’ambito del piano regionale “Scuole, spazi di democrazia per promuovere la legalità”. Si tratta del percorso Cittadini attivi e responsabili nei social network

Nel percorso A che mi è stato affidato da Alberto Ardizzone (che ringrazio) mi occupo della formazione docenti sulla navigazione consapevole e responsabile nel web ovviamente con il consueto taglio sulle potenzialità offerte dai social network, rivisitati in chiave didattica e comunicativa.

L’incontro di ieri era su “I giovani e i social network: comportamenti e abitudini secondo le ultime rilevazioni italiane ed europee”

Queste le slide che ho utilizzato.

Seguiranno altre due lezioni:
– Abitare il social network: istruzioni per un uso responsabile e consapevole della rete
– Facebook e Twitter, a casa, a scuola e con gli amici

Formazione, Social Web, strumenti, competenze…

La presentazione del mio intervento “Social Network nella Formazione: strumenti e competenze” alla 10a Giornata Nazionale della Formazione “Social Network Training” di AIF del 10 giugno a Bologna.

Un resoconto della giornata e degli altri interventi, in dettaglio su Bricks.

Durante la giornata c’è stata la diretta su Twitter, nata spontaneamente dalla sala, con hashtag #aifbo

Web 2.0 e didattica a Rimini

Queste le mie slide della lezione che ho tenuto a Rimini ieri presso il Liceo Classico Giulio Cesare – Manara Valgimigli. Grazie ancora per l’invito ad @ilariapic ed al Prof. Marini.

Per la prima volta una mia lezione ha avuto anche il livetweeting (racconto in tempo reale, attraverso Twitter, di quello che accadeva) l’hashtag ufficiale (parola chiave preceduta dal # che indica tutti i Tweet su quell’argomento) su Twitter che è stato #NDrimini oltre che un evento su Facebook. Onorata!
Considerazione a margine: un hashtag per essere seguito ha bisogno di essere raccontato da account Twitter non protetti. Peccato, infatti, che il livetweet di @ilariapic possa essere letto solo da chi la segue.

Per un relatore, sapere cosa è stato realmente recepito dal pubblico che lo ascolta, è importante.
Per un’insegnante è deformazione professionale chiedere “Vediamo se hai capito, ripeti a parole tue”.

Non riassumo, allora, a parole mie la lezione su Web 2., social network e didattica di ieri, ma provo a farlo attraverso le parole del livetweet di Ilaria (a cui chiedo autorizzazione per far uscire dal suo account privato quanto segue).

Ieri, a Rimini, i colleghi docenti e gli studenti presenti hanno ascoltato da me e dovrebbero aver capito quanto segue:

comincia la lezione speciale di @catepol ai Nativi Digitali di Rimini #NDrimini attenti e prendete appunti!!!

@catepol inizia il suo discorso ai Nativi Digitali #NDrimini restate in ascolto :)

uso immediato in classe e nella vita del web 2.0_non possiamo non tener conto dell’evoluzione dei mezzi che abbiamo a disposizione #NDrimini

Ci portiamo dietro tutto un mondo attraverso un oggetto banale come tablet e telefonino #NDrimini

utilizzo di internet da parte delle generazioni dei Nativi Digitali “Chi ha facebook?” #NDrimini

con l’avvento di internet si è acceso l’interruttore della multimedialità e del multitasking #NDrimini

Cosa intendete voi per social network?Sono delle piazze virtuali che gestiamo noi in cui condividiamo azioni,pensieri, files, etc. #NDrimini

#web2.0 significa “metterci la faccia” e anche nell’inserimento di informazioni anonime si può essere identificati #NDrimini

su 25mln di italiani che hanno internet, 18mln hanno facebook, 4mln accedono da un dispositivo mobile #NDrimini

Purtroppo c’è chi si iscrive a fb anche sotto i 13 anni. L’adulto dov’è? Perché non c’è controllo? #NDrimini

siamo qui oggi grazie ai social, ci siamo conosciute dal vivo solo oggi ma ci conoscevamo o meglio ci “seguivamo” da tempo sui sn #NDrimini

gli strumenti di oggi permettono di compartecipare in diversi ambiti, anche sui giochi online che richiedono partecipanti multipli #NDrimini

Bisogna capire le potenzialità di questi strumenti: nella didattica ad esempio. Come utilizziamo questi strumenti nella didattica? #NDrimini

quelli del web2.0 sono strumenti da utilizzare consapevolmente per gli scopi didattici e che si possono“piegare”per i nostri scopi #NDrimini

Secondo voi avere moltissimi contatti su un sn è segno di…? Riflessioni e dibattito con @catepol e i Nativi Digitali #NDrimini

la “regola della nonna” vale per ogni contesto sul web, vale per tutti, anche per gli adulti #NDrimini

una studentessa utilizza a volte facebook per prendere dei piccoli appunti, lucchettando lo status => uso intelligente del social #NDrimini

“manca solo il 740 su facebook e poi avremo messo tutte le informazioni” @catepol on #NDrimini

integriamo gli strumenti per la didattica: condividere il sapere e la conoscenza ma anche il materiale didattico #NDrimini

multimedialità come alternativa alla lezione classica: sono anni che se ne parla, ogni docente ha usato un metodo simile in classe #NDrimini

ecco una docente consapevole del web, che consiglia ai suoi studenti i siti con le traduzioni di latino “fatte bene” #NDrimini

dalla matita alla penna col pennino, fino alla LIM: percorriamo le evoluzioni degli strumenti per l’insegnamento. #NDrimini

cosa possiamo fare: utilizzare i social pensati per la didattica o integrare quelli che utilizziamo normalmente #NDrimini

lo strumento del gruppo chiuso è una buona idea per usare il social network nella didattica #NDrimini

alcuni social invece sono stati creati a puro scopo didattico #NDrimini

pro e contro dell’utilizzo degli strumenti nati appositamente per la didattica #NDrimini

l’interazione è continua utilizzando gli strumenti web2.0 per la didattica sia da parte dei docenti che da parte degli studenti #NDrimini

yahoo answers ha un potenziale conoscitivo enorme, adesso le domande si fanno anche su fb quindi tutto passerà da lì #NDrimini

i ritmi sono molto diversi e intensi ma vanno gestiti nel modo giusto in un ambiente didattico che utilizza i sn #NDrimini

passiamo alle “proposte pratiche” per fare didattica: il #blog ad esempio #NDrimini

un altro strumento per la didattica può essere il #wiki per la costruzione di un documento controllato e moderato nei passaggi. #NDrimini

altri strumenti utili per la didattica 2.0 ad esempio #slideshare #youtube #skype #aNobii #twitter #facebook #NDrimini

parliamo più approfonditamente di #blog: cosa ci possiamo fare? ad es. può essere un contenitore ben strutturato per la didattica #NDrimini

consiglio di @catepol se dovete aprire un blog usate blogger o wordpress #NDrimini

la paziente @catepol spiega ai colleghi come aprire un blog in due minuti.. li convincerà ad usarlo?io penso di sì :) #NDrimini

ora parliamo di wiki come (utilissimo) strumento di scrittura collaborativa e Diego chiede: non è come google docs? #NDrimini

importante: “Si impara solo facendo” quindi vi invito a mettere in pratica questi utilissimi suggerimenti di @catepol in classe! #NDrimini

parliamo di #skype in classe per la didattica a distanza e di skype education per condividere esperienze didattiche tra docenti #NDrimini

#slideshare per docenti e studenti per condividere presentazioni, creare un account per la classe per creare un archivio di classe #NDrimini

#aNobii è il social network per chi ha la passione per la lettura, si può usare anche per la didattica #NDrimini

i docenti sono molto interessati ad aNobii #NDrimini

gli strumenti interagiscono tra di loro, quasi tutti confluiscono e permettono di condividere su facebook e twitter #NDrimini

#youtube può essere utilizzato per assegnare agli studenti dei compiti multimediali, e loro lo sanno fare già molto bene #NDrimini

usare twitter per la didattica: i 140 caratteri sono un esercizio ad essere brevi e immediati nella comunicazione #NDrimini

e concludiamo con #facebook nella didattica come strumento/luogo privilegiato di comunicazione anche fuori dall’aula #NDrimini

il rischio dietro l’utilizzo di più strumenti è l’overload comunicativo #NDrimini

Una volta scelto lo strumento più adatto bisogna gestirlo al meglio. La didattica con i social network non si improvvisa. Grazie @catepol

@catepol è stata una lezione *davvero speciale* GRAZIE! #NDrimini

La storia dei social network dal 1930 al 2011

Molto carina questa presentazione animata di People Browsr con la storia dei social network dal 1930 al 2011.

Pagina 1 di 512345
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: