eTwinning: premiati 4 progetti italiani

Ricevo e volentieri pubblico e diffondo.

Importante riconoscimento europeo per l’istruzione italiana nel campo dell’innovazione didattica.
Sono quattro i progetti di gemellaggio elettronico attivati da scuole del Bel Paese che saranno premiati alla Conferenza europea eTwinning, in programma a Berlino dal 29 al 31 marzo 2012, al cospetto dei rappresentanti istituzionali della Commissione Europea (Direzione Istruzione e Cultura).

L’evento rappresenta il principale appuntamento annuale per quanto riguarda le attività di eTwinning, azione comunitaria cha ha dato vita al più attivo portale europeo per gemellaggi elettronici tra istituti scolastici, con seminari e workshop di formazione e la premiazione dei migliori progetti di partnership online attivati lo scorso anno. Attesi più di 500 insegnanti provenienti da tutta Europa .

I riconoscimenti all’Italia sono relativi alle fasce di età
– alunni da 4 a 11 anni: 3° Circolo didattico di Chieti – progetto “The new adventures of Twinnies around the world” attivato dalla docente Marina Screpanti,
– dai 12 ai 25 anni: con il Liceo Classico “E. Duni” di Matera per “A Taste of Maths” di Maria Teresa Asprella.

Premiati nella categoria speciale dei gemellaggi in lingua
– il Liceo Statale “Niccolò Machiavelli” di Roma, con il progetto in spagnolo “Carpe Nuntium: voilà nuestra FrItalianza” attivato dalle docenti Laura Carbonelli e Laurarosa de Luca,
– l’Istituto “Ten. Col. G. Familiari” di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria), con il progetto in lingua francese “Journalists en herbe” dei docenti Domenico Marino e Martine Gaillard.

I risultati sono stati diffusi sul portale europeo www.etwinning.net dopo un esame dei 300 migliori progetti del 2011.

Alle classi premiate per categorie di età sarà offerta la partecipazione a un campo di quattro giorni ad Antalya, Turchia, dove studenti e insegnanti delle classi attive nei progetti vincitori avranno la possibilità di incontrare di persona i loro partner, approfondire le loro conoscenze sui progetti di collaborazione online e trascorrere del tempo con altri studenti europei.

Inoltre, da quest’anno, è stato istituito un nuovo premio, quello per il “Miglior progetto eTwinning 2011”, che darà la possibilità ai vincitori di visitare le istituzioni europee a Bruxelles.

Cos’è eTwinning
Giunto al suo sesto anno di attività, eTwinning conta oggi oltre 160.000 insegnanti registrati, 90.000 scuole e circa 35.000 progetti di gemellaggio in tutta Europa (l’Italia è uno dei paesi più attivi con circa 11.500 docenti iscritti, 6.000 istituti registrati e altrettanti progetti avviati).

eTwinning offre un servizio gratuito a tutti i docenti iscritti l’opportunità di lavorare insieme a progetti di gemellaggio elettronico che, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie e a partnership attivate a livello europeo, costituisce un’importante fonte di sperimentazione e innovazione delle pratiche di insegnamento tradizionali.

Il gemellaggio può essere stabilito tra almeno due insegnanti di scuole pubbliche o parificate, facenti parte di due o più paesi tra quelli dell’Unione Europea, oltre a Croazia (membro dal 2013), Turchia, Islanda, Norvegia e Svizzera.

L’organizzazione di eTwinning si articola in una rete di Unità Nazionali coordinate da Bruxelles, dal consorzio europeo di Ministeri della Pubblica Istruzione European Schoolnet, su incarico della Commissione Europea, con l’obiettivo di favorire un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione per contribuire a creare e fortificare un sentimento di cittadinanza europea condiviso nelle nuove generazioni.

In Italia l’Unità Nazionale eTwinning ha sede a Firenze presso l’ANSAS – ex Indire, insieme all’Agenzia Nazionale per il Programma di Apprendimento Permanente il cui obiettivo è contribuire allo sviluppo dell’Europa quale società avanzata basata sulla conoscenza, riunendo al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione e della formazione dal 2007 al 2013, periodo di durata dell’azione.

Maggiori informazioni sul sito nazionale www.programmallp.it/etwinning o su quello europeo www.etwinning.netwww.etwinning.net.

Summer School RENA “Buon Governo e Cittadinanza responsabile”

L’obiettivo della prima Summer School organizzata da RENA su “Buon Governo e Cittadinanza Responsabile” che si terrà dal 27 agosto al 4 settembre 2011 a Matera è quello di creare ed ampliare le opportunità per i cittadini di partecipare attivamente alla gestione della cosa pubblica. Iniziativa realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo e il patrocinio della Provincia di Matera, del Comune di Matera, della Provincia di Potenza, della Regione Basilicata e dell’Università degli Studi della Basilicata.

Matera

30 i partecipanti selezionati per i loro meriti tra le oltre 120 domande pervenute, con borsa di studio che coprirà tutte le spese provenienti da tutta Italia, brillanti neolaureati nelle più prestigiose università e giovani lavoratori che hanno già accumulato anni di esperienza, in Italia e all’estero, soprattutto nei settori legale, economico, istituzionale e delle relazioni internazionali.

Il programma della Summer School coniuga apprendimento teorico, momenti di dibattito ed esercitazioni pratiche. Tra queste vi sarà lo studio della realizzazione di una Piattaforma del Buon Governo e della Cittadinanza Responsabile: si tratta di uno strumento multimediale progettato per essere un efficace canale di “cittadinanza attiva” in grado di raccogliere diversi mezzi di partecipazione dal basso come proposte, petizioni, condivisione di informazioni e campagne di fundraising.

Il corpo docente sarà costituito da giovani di RENA con esperienze nel mondo del giornalismo, della politica e dell’insegnamento di alto livello, come Pierpaolo Settembri e Francesca Galli, responsabili del progetto,  così come da personalità affermate quali Bill Emmott, Massimo Cacciari, Alberto Cottica, Andrea Tuveri,  Antonello Caporale, Ernesto Belisario, Giuseppe Meli, Gregorio Arena ecc.

La scelta della sede della Summer School non è stata casuale: «Stiamo andando a Matera con la speranza di gettare un seme e di lasciare una testimonianza importante – spiega Alessandro Fusacchia, presidente di RENA – molti pensano che il Sud sia la “terra di nessuno”. Così noi di RENA che facciamo? Organizziamo proprio lì una grande Summer School sul buon governo e la cittadinanza responsabile per ricordare che invece è la “terra di tutti” e merita le stesse opportunità del Centro e del Nord».

Ci sarò anche io, blogger lucana, a facilitare e interagire con il pubblico durante la Presentazione piattaforma, sabato 3 settembre alle 10:15.

Farò capolino anche lunedì 29 durante la lezione dell’amico Ernesto Belisario e Morena Ragone e spero anche in altri momenti, se ce la faccio. Ci vediamo là.

Edmodo: microblogging per la didattica 2.0

 

Mi arriva una mail. Mi invitano a testare Edmodo.

Che cos’è Edmodo?

Edmodo è una piattaforma per il microbloggingche rimane privata ad uso di docenti e studenti. In pratica si può fare microblogging a scopo didattico ed educativo ed utilizzare Edmodo per l’insegnamento e l’apprendimento.

Si può utilizzare Edmodo per inviare note, links, file, alert, assignments/compiti da svolgere, e condividere eventi. Ci si registra o come teachers o come students.

I Teachers hanno anche la possibilità di segnare ogni post delle loro classi come pubblici o privati. Se pubblici, i post sono condivisi col mondo intero, quindi chiunque su web li può leggere. Se privati rimangono solo relativi alle classi del docente, quindi al gruppo chiuso.

Si possono creare gruppi privati nei quali eventualmente aggiungere colleghi per collaborare insieme sulle classi.  Oltre che essere gratuito Edmodo è anche semplicissimo da utilizzare, come potete vedere dalla grafica essenziale della mia pagina. Buon microblogging didattico a tutti!

 

Haiku: un LMS per l’e-learning 2.0

Ho appena creato il mio test account su Haiku Learning Management System.

Si un LMS, quindi un walled garden, un classico sistema chiuso dove organizzare classi e corsi online. Cosa che può apparire strana in era di web 2.0 dove su internet puoi fare le stesse cose gratuitamente con una marea di servizi di “condivisione” della conoscenza in senso lato, che la gran parte degli utenti già utilizza e quindi creare situazioni di insegnamento/apprendimento online molto facilmente a prescindere dal fatot che si utilizzi una piattaforma e-learning o un LMS o un LCMS.

Il fututo delle piattaforme e-learning è infatit il web. E Haiku è veramente piacevole e affascina subito in quanto piattaforma e-learning LMS che fa del web il suo ambiente peculiare. E’ semplicissima da utilizzare, come lo è un qualunque strumento 2.0, dal blog, al wiki, al ning…insomma tutti gli strumenti che potremmo tranquillamente utilizzare per organizzare percorsi di apprendimento collaborativo online, e-learning e trasmissione di conoscenze che richiedono anche e soprattutto la partecipazione attiva degli utenti alla costruzione del loro stesso apprendimento.

Haiku ad una prima esplorazione sembra far tutto ciò che un LMS dovrebbe fare: permette la creazione di classi, il drop, l’aggiunta di allegati, scegliere il template preferito e molto altro.

Ora viene il bello di Haiku: la possibilità di inserire mediante EMBED del codice copia/incolla (il web 2.0 insomma!!!) di più di 80 tool web 2.0 semplicemente mediante drag and drop o l’inserimento del codice embed.

Praticamente ci metti dentro tutto ciò che desideri e organizzi il materiale didattico tenendo conto anche della condivisione di oggetti multimediali di ogni tipo (dalle foto di Flickr ai video di Youtube a molto altro) e soprattutto delle conversazioni utili che possono essere nate altrove nel web. Ci metti dentro al tuo corso tutto cioò che vuoi e preso direttamente dal web 2.0 che tutti utilizzano, e non è poco per l’e-learning 2.0.

Non riesco a farne una recensione più approfondita adesso ma ci ritorno.

 

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 (parte terza)

(APPUNTI PERSONALI E GUIDA ALL’USO DELL’AMBIENTE PUNTOEDU INDIRE -FORMAZIONE NEOASSUNTI 2008 A CURA DI CATERINA POLICARO)

Prima parte

Seconda parte

Terza parte

Anitel (a cura di Valeria Zangari e Valerio Pedrelli) pubblica una utilissima e completa guida ai corsi di formazione – incontri in presenza e online per i Corsi Neoassunti PuntoEdu 2008 (LEGGI qui in formato Flash oppure SCARICA direttamente la presentazione.

Ho caricato le slides su slideshare in modo da poterle visionare anche qui direttamente.

 

 

La formazione in servizio per i docenti neoassunti nell’anno scolastico 2007/08 con contratto a tempo indeterminato, valido per l’anno di prova si basa su un Modello di formazione blended che prevede: attività on line e attività in presenza coordinate da un e-tutor.
Il percorso formativo è basato sulla ricerca-azione con continui rinvii all’attività di servizio, al fine di consentire al docente in formazione di  acquisire strumenti e metodi per autovalutarsi, aggiornarsi e misurarsi con i bisogni degli alunni e del territorio, in uno stile di insegnamento progressivamente incentrato sulla personalizzazione dei percorsi formativi.

L’offerta formativa presentata si articola in 10 aree tematiche:

AUTONOMIA SCOLASTICA
Panoramica normativa aggiornata sull’autonomia scolastica e disamina degli strumenti di supporto, quali la progettazione formativa, la flessibilità organizzativa, la didattica laboratoriale.
INDICAZIONI PER IL CURRICOLO
Una panoramica sulla normativa vigente e sul dibattito nazionale in corso
VALUTAZIONE
Strumenti e metodi per valutare il percorso formativo degli studenti, indirizzarli ed orientarli al mondo del lavoro ed essere in grado di formulare un’autovalutazione del proprio approccio didattico.

CONTESTI DI VITA E RELAZIONI
Analisi della condizione giovanile nella scuola e nella società e delle modalità di collaborazione tra famiglia e territorio al fine di creare e valorizzare nuovi percorsi di apprendimento. Si individueranno, inoltre, gli strumenti di mediazione dei conflitti tra i vari attori dell’istituzione scolastica: dirigenti, docenti e studenti.
TECNOLOGIA E DIDATTICA
Descrizione delle potenzialità delle TIC applicate alla didattica, analisi degli strumenti e delle strategie di collaborazione e sperimentazione del valore aggiunto offerto dall’approccio ludico. Strumenti pratici e nozionistici per ampliare la diffusione dell’utilizzo dei Learning Objects.

EUROPA E INTERCULTURA
Introduzione allo statuto della cittadinanza europea e al concetto di identità e appartenenza, sullo sfondo del dialogo interculturale mondiale, della promozione dei diritti umani e dell’educazione alla pace, al fine di sensibilizzare lo studente alle relazioni con persone di altre e diverse culture. Analisi e riflessione sulle buone pratiche rintracciabili nel panorama scolastico internazionale.
DISABILITÀ’ E DISAGIO SCOLASTICO
Fornire gli elementi di base e le competenze necessarie per distinguere tra disturbi dell’apprendimento specifici, aspecifici e comportamentali, e individuare le varie manifestazioni del disagio, al fine di effettuare un’efficace personalizzazione della didattica.

LINGUA STRANIERA
Strumenti per l’acquisizione di competenze metodologico-didattiche e progettuali inerenti all’insegnamento e all’apprendimento della LS.
METODO MONTESSORI
Materiali, attività ed opportunità di scambio di idee sul metodo Montessori. Un’area aperta a tutti ma particolarmente rivolta a insegnati che operano nelle scuole montessori .
APPROFONDIMENTI DISCIPLINARI
Un panorama di attività che offrono per i vari ordini di scuola spunti didattici innovativi e metodologie formative efficaci all’interno delle diverse aree disciplinari.
La fruizione dei contenuti didattici proposti è totalmente libera, il corsista può scegliere nell’ambito dell’offerta formativa assecondando le proprie inclinazioni, curiosità e tenendo conto delle conoscenze pregresse.

Ciascuna area tematica è articolata in obiettivi e sotto-obiettivi i quali, a loro volta, rimandano alle risorse digitali che ne costituiscono l’impianto didattico:

  • Attività operative (studi di caso, web quest, simulazioni…)
  • Materiali di studio teorici
  • Risorse di rete o schede dal mondo della scuola

L’offerta formativa così articolata deve tenere conto dei numerosi profili dei docenti neoassunti  iscritti all’a.s. 2007/08 e provenienti da ogni ordine di scuola e disciplina. Data l’ampiezza del target non si pretende di fornire un quadro didattico esaustivo e completo, ma un panorama poliedrico ricco di spunti e suggestioni di natura pratica e metodologica.

Per ogni area tematica sono previsti:

  • I materiali di studio per approfondire gli aspetti teorici o gli studi di caso tratti da progetti di sperimentazione
  • Le attività per fare e sperimentare
  • I forum d’area, moderati da un esperto, per comunicare e confrontarsi con tutti i corsisti su specifiche tematiche.

I materiali di studio sono rivolti ai docenti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado e 2° grado. Ogni attività può essere salvata mediante segno di spunta nel proprio percorso, dal corsista.

Cliccando sui materiali di studio si aprirà una schermata come la seguente dalla quale è possibile cliccare sul titolo dei materiali per potervi accedere mediante navigazione col browser oppure scaricare la versione dei materiali in PDF:

 

Nel caso in cui il corsista decida di navigare i materiali, si aprirà una mappa cliccabile su ognuno dei nodi di cui è composta,dei contenuti come nell’essempio seguente:

 Le attività proposte:  dopo aver cliccato sulla attività prescelta si aprirà una schermata come la seguente dalla quale per avviare l’attività occorre cliccare sul titolo( link) dell’attività stessa.

 Dopo aver eseguito quanto previsto da ogni attività, occorre cliccare su "Invia l’elaborato", in basso sulla destra per poter accedere all’area in cui è possibile allegare l’elaborato da inviare all’e-tutor per la validazione dello stesso.

Come inviare un elaborato:

Cliccare "Sfoglia" per allegare il file dell’elaborato che si può trovare sul computer, sul floppy o sulla pendrive del corsista. Inserire un titolo (eventualmente il cognome del corsista nel titolo potrebbe essere d’ausilio all’e-tutor che riceve i file) e quindi cliccare su "Invia" in basso.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: