Ti spiego i social media in maniera visuale

Benvenuti nel mondo delle conversazioni digitali dove puoi postare, parlare, linkare, condividere copiare, incollare, votare, mettere like, commentare, ri-postare, tumblare, twittare, includere, embeddare, vedere sul telefonino e chi più ne ha più ne metta. I social media e il loro funzionamento spiegati a tutti in maniera visuale, in maniera grafica e semplice. Immediato. Enjoy.

Social media explained visually. Un video di Say It Visually

Digital Lifestyle


Video: Your Digital Lifestyle

Un video carino di Microsoft in cui viene mostrato quello che è digital lifestyle, lo stile di vita digitale che comprende le tecnologie che utilizziamo e che ci portiamo dietro (telefonini, palmari, smartphone, navigatori,iPod/Zune ecc.). Anche se il video mostra e pubblicizza prodotti Microsoft, quello che vediamo è praticamente una realtà diffusissima: non solo è tutto possibile oggi, accessibile, facile e diffuso, è possibile avere una digital lifestyle tramite servizi di Microsoft, ma anche tramite Google in primis, Yahoo e molti moltissimi altri. Tutto ciò solo poco tempo fa non era neanche immaginabile ed oggi è praticamente una realtà diffusa. Tutti abbiamo almeno un cellulare che invia foto, tutti abbiamo oramai un navigatore, tutti abbiamo oramai un media center più o meno performante per musica, tv e video.

C’è da riflettere no? (via)

Facciamo un film coi telefonini in classe, prof!

Oggi son stata in una terza media a tappabucare. In un momento di pausa prima dello studio mi chiedono il permesso di fare "High School Musical". Ovviamente chiedo loro cosa intendono per fare "High School Musical" e mi cominciano a spiegare cos’è. Un film, un musical che racconta la storia di due ragazzi, bla bla bla, che fanno i provini per il musical della scuola, bla bla bla. Ok ok, ma cosa intendete con fare "High School Musical" adesso, in questo momento, per cui mi  chiedete il permesso?

Allora mi spiegano che vogliono girare anche loro un film. Come? Coi telefonini no?Effettivamentemi stupisco di averlo chiesto e di non esserci arrivata da sola al film girato in classe coi telefonini, ma dove vivo?  Allora dico fatemi vedere cosa fate in "High School Musical" e cosa vorreste fare ora.

Si mettono prima senza telefonini, a volte riprendendo con un N70, a provare una scena. Una ragazza, credo la Gabriella di "High School Musical", interpretata a turno dalle ragazze e un ragazzo, Troy a questo punto provato a turno dai maschietti. La scena è questa: lei vicino ad un armadietto, lui le si avvicina e le chiede come va, lei dice che ha fatot i provini ma preferiscono quelle del collage, lui le infila al collo un ciondolo e le dice che così staranno insieme, di non preoccuparsi e le fa una promessa, il ciondolo rappresenta una "T" come Troy (battuta ripetuta all’infinito in queste prove tecniche) e poi arriva un bambino e si porta via lui. La scena chiude con la battuta "Tempismo perfetto".

Li ho lasciati fare. La scena in realtà non faceva nè ridere nè pensare. A guardarla con occhi esterni di chi non sa praticamente di che cosa stanno parlando e che cosa stanno recitando. L’hanno provata e riprovata i vari attori e si sono filmati un paio di volte nelle interpretazioni migliori. Mi hanno spiegato che se riescono girano anche altre scene anche quelle in cui si canta e fanno il loro film di "High School Musical".

(Morale per me: vedi di capire cos’è "High School Musical" e magari lo si vede insieme a loro a scuola e magari si imparano bene i testi delle canzoni che sono in Inglese e magari li aiuti a girare il film)

(Morale per tutti i docenti: ma ci rendiamo conto che non sappiamo nulla di questi nativi digitali? E ve lo dice una che pensava di essere uscita dall’adolescenza solo ieri e che pensava di conoscere i "gggiovani d’oggi")

In un altro momento di pausa due ragazzi cominciano a rincorrersi e darsele, un po’ per finta un po’ per gioco. No, non era una zuffa di quelle vere e violente. No, e non c’è neanche più il regista che li filma. Una zuffa di quelle che capitano in tutte le classi del mondo a quell’età. La cosa dura qualche minuto poi uno di loro mi fa "Professoressa lo vedete, fa atti di bullismo". Nonostante i rimproveri continuavano col loro gioco di mani e spintoni.

"Bullismo? Ottimo!" faccio io. E tiro fuori il mio Nokia 6680. E li comincio a filmare. "Bullismo, perfetto! Vi sto filmando e lo faccio vedere al preside come vi state picchiando, continuate. Su forza datevele bene che nel video non si capisce chi fa il bullismo vero, di voi due"

Corrono subito a vedere. Pensavano che scherzassi e invece faccio riproduci video e mostro loro stessi che si picchiano come due imbecilli e la mia voce in sottofondo che dice "Picchiatevi per bene su!"

Si son fatti due risate. Poi mi hanno supplicato di cancellare il video, di non andare dal preside e bla bla bla. No dal preside no. Quello pensa davvero che è bullismo!!

E io ero già pronta a passarveli su questi schermi e sugli schermi di YouTube da brava post adolescente moderna e prof 2.0.

Invece l’ho cancellato. Perchè in "High School Musical" non ci sono scene di violenza e di bullismo, e soprattutto perchè una prof che gira i video col cellulare e capisce di YouTube non esiste mica, no? (foto di Steve Roe)

;-)

Twitter: ve lo spiego in Plain English

Ancora una volta Leelefever. Ancora una volta Commoncraft. Che si sappia su YouTube quando l’ho visto, l’avevano visto solo in 10.

UPDATE: Antonio ci aggiunge praticamente in tempo reale i sottotitoli in italiano. Grande! Potenza di Twitter e del passaggio di informazioni no?

Video e user generated content a scuola: Studenti.it VS Dschola TV

Leggo qui che sul sito http://www.studenti.it  presentati dallo slogan "Appunti video, lo studio come non l’avete mai visto" cominciano ad essere pubblicate delle video-lezioni di cinque minuti circa ciascuna su alcuni argomenti tratti dai programmi delle scuole superiori. I video sono distribuiti gratuitamente. Nei mesi scorsi sempre http://www.studenti.it   aveva proposto contenuti scolastici distribuibili in rete sotto forma di mp3, quindi in formato podcast.

I mini-video potrebbero rappresentare una metodologia didattica diversa e sicuramente possono essere visti come strumenti visivi/visuali/multimediali che possono favorire, stimolare, consolidare l’apprendimento di determinati argomenti di studio perchè meglio rispondono agli stili di apprendimento degli studenti stessi (più o meno nativi digitali).
Gli argomenti delle video-lezioni in una prima fase verteranno su storia, arte, letteratura e filosofia. Per visionare i materiali video gli utenti devono solo cliccare l’icona del video prescelto ed vedere/ascoltare le lezioni: dalla Rivoluzione industriale alla Divina Commedia, passando per il Dolce stil novo, la Costituzione italiana e la Colonizzazione. Ogni argomento è introdotto da una sintetica descrizione testuale.
Ogni video è seguito dal testo completo della registrazione, correlato di link e rimandi ad altre video-leazioni ed approfondimenti su web.
 
 
Purtroppo, i video non si possono nè scaricare nè esportare su altri siti e blog mediante codice embed. La generazione YouTube  è però abituata a scambiarsi contenuti e video di blog in blog, di MySpace in Myspace, di telefonino in telefonino. Sarebbe opportuno avere queste funzionalità che per il Web 2.0 sono normalissime. Forse l’opzione manca, perchè studenti.it è un portale commerciale che "vende" appunti e tesine?

Ad ogni modo forse è giunto finalmente il momento in cui docenti e studenti devono tenere veramente in considerazione la multimedialità e l’interattività della rete per migliorare la didattica e i processi di apprendimento.

 

 

Un altro sito fortemente orientato in  questa direzione e utile agli insegnanti è http://www.dschola.it/tv/ che propone un’iniziativa per stimolare un uso positivo dei nuovi mezzi di comunicazione e di informazione digitali e diversi video didattici/educativi di contenuti prodotti dal basso, dagli utenti stessi, dai docenti e dagli studenti delle scuole italiane.

Gli strumenti digitali non sono di per sè cattivi, demonizzarli e vietarli non risolve certamente il problema. Anche su YouTube, infatti, non circolano solo "fesserie" e lo sappiamo bene, nonostante quello che viene demonizzato in alcune trasmissioni televisive che sono a caccia dello scoop losco, macabro o a sfondo sessuale. Ed infatti Dschola TV li raccoglie anche da YouTube e da molte altre fonti ed organizza i video per argomenti e tag.

Più utile è, forse, provare a proporre ed incentivare usi positivi degli stessi strumenti web ed è infatti questo che Dschola TV intende fare ricercando, recensendo e proponendo buone pratiche di uso dei media digitali e dei video sul web per promuove iniziative specifiche attraverso le quali far emergere le oppurtunità (utili ed educative) che la rete e il digitale offrono ai ragazzi, chiedendo la collaborazione dei ragazzi stessi. La maggiorparte dei video presenti può essere scaricata o è anche presente da YouTube quindi la condivisione ed il passaggio virale dei video è garantita.

E’ chiaro che preferisco l’idea progettuale ed educativa che sta dietro Dschola TV ed è chiaro che l’uso dei video, dei multimedia, dell’user generated content debba essere veramente approfondito perchè possa migliorare l’efficacia della didattica.

Bullismo a scuola e video online

Marco Morello di supersalute.com pubblica una prima serie di video relativi all’argomento bullismo a scuola tutti completi di descrizione e link., video che servono per una ricerca di tipo didattico, video che si trovano tranquillamente su Youtube e circolano in rete.

Due le macrocategorie in cui organizza la carrellata: video che riguardano i RAGAZZI e video che riguardano i PROFESSORI.

I ragazzi, i nativi digitali hanno in mano, a disposizione telefonini con videocamera e ne fanno largo uso. Bullismo e prevaricazione sono all’ordine del giorno in qualunque scuola italiana. E’ una realtà che i docenti combattono. Purtroppo questi video sono terribili da guardare.

Se ne avete altri segnaliamoli a Morello per la ricerca, ok? (foto di Tampen)

RAGAZZI

Italia

Titolo: bullismo lariano

Descrizione: nei pomeriggi larianesi nn c’è molto da fare e quindi bisogna trovare qualche modo per divertirsi e nn cè meglio da fare ke pikkiare marco o beduino

> guarda il video
[http://vids.myspace.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=16185843]

Titolo: sottomissione

Descrizione: tutto cio che un nostro compagno d classe si ritrova a sopportare quotidianamente

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=29]

Titolo: BOTTE AR CAPOCCIONE

Descrizione: BELLO CICCIOTTO

> guarda il video
[http://myspacetv.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=8944667]

Titolo: bullismo scuola giugliano

grandi schiaffi al soggettone del mondo…Miki …

> guarda il video
[http://it.youtube.com/watch?v=J_a5Z-b_538]

Titolo: Bullismo a scuola

Descrizione: Video divertente, pestaggio durante la ricreazione ai danni di un povero scolaro(”il pastore”)da parte di due suoi compagni di classe!!!!

> guarda il video
[http://it.youtube.com/watch?v=PcObjffNGlM]

Titolo: Ciccio VS Duca d’Aosta

Descrizione: Ciccio combatte contro tutta la scuola

> guarda il video
[http://myspacetv.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=28737739]

Montaggi

Titolo: Botte in classe

Descrizione: Mucchi tutti contro uno, claci volanti, pugni pacche e chi più ne ha più ne metta!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=329]

VIOLENZA FUORI E DENTRO LA SCUOLA

Titolo: Ring

Descrizione: righetto versus Ome-Pizzo-DWild

> guarda il video
[http://myspacetv.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=9536056]

Titolo: mazzate fuori scuola

Descrizione: mazzate spettacolari tra alunni psicapatici scuola bernini…regista(angioletto)

> guarda il video
[http://it.youtube.com/watch?v=T9ZmrGNja7c]

Titolo: Lavezzo VS Di Perna

Descrizione: godetevi questa bella rissa quotidiana durante l’ intevallo. I protagonisti?due assatanati che ci davano dentro di brutto!!!!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=116]

VARIE

Titolo: due imbecilli

Descrizione: gara di schiaffi si trasforma in lotta e mazzate correlate

> guarda il video
[http://myspacetv.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=18378187]

Titolo: canti di natale

Descrizione: Al Marconi di Verona ogni anno si organizzano i canti di natale

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=764]

PROFESSORI

Titolo: Un giorno a scuola ***

Descrizione: video scaricato da emule che rende bene l’idea di cosa sta diventando la scuola in Italia

> guarda il video
[http://vids.myspace.com/index.cfm?fuseaction=vids.individual&videoid=5495693]

Titolo: Prof picchia alunno ***

Descrizione: Guarate questo video e commentate voi…

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=330]

Titolo: Il prof in mutande **

Descrizione: Ecco la madre di tutti gli scherzi…ahah!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=316]

Titolo: tennis su cattedra ***

Descrizione: Normalissima partita di tennis durante l’ora di assemblea… finchè il prof non si incazza e mette un bel due sul registro!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=780]

Titolo: fuga dal prof

Descrizione: Dall’ITIS Alessandro Volta di Palermo uno dei video più belli di sempre. Guardate fino alla fine. AHAHAH

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=792]

Titolo: disco con il prof ***

Descrizione: a bologna il concetto di scuola è inteso molto alla larga… guardate il finale di questo video

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=754]

Titolo: palleggi di testa

Descrizione: mitico prof di una scuola di roma… i suoi alunni lo chiamano il pupone!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=752]

Titolo: prof non entri

Descrizione: Sul foglietto c’era scritto: la classe 3C si è trasferita al piano inferiore…ahaha! un ringraziamento ai bravi, gli autori di questo bellissimo scherzo!!

> guarda il video
[http://www.scuolazoo.it/videogallery_watch_view.php?id=719]

MEME: cos’è un Blog (reloaded – diffondete)

Un annetto fa facemmo un meme. Provammo a spiegare cos’è un blog a chi non ne avesse idea.

Visti i tempi che corrono e l’ignoranza dilagante in materia che però finisce a Porta a Porta e arriva a milioni di persone con concetti distorti, immaginando tanti genitori che cercano di capire cosa fanno di sporco i loro figli coi blog (se non avete ancora visto il video, vi prego, guardatelo e dite insieme a me oh my god), rilancio il meme.

Proviamo a spiegare cos’è un blog sui nostri blog. Proviamo a spiegarlo semplicemente. Non a livello tecnico. Quello è facile. (foto di ldjjj)

 

A livello di strumento/tecnologia un blog è:

…un programma di pubblicazione guidata di contenuti su internet  che consente di creare automaticamente una pagina web, anche senza conoscere necessariamente il linguaggio HTML; questa struttura può essere personalizzata con vesti grafiche dette template

Il blog permette a chiunque sia in possesso di una connessione internet di creare facilmente un sito in cui pubblicare storie, informazioni e opinioni in completa autonomia. Ogni articolo è generalmente legato ad un thread, in cui i lettori possono scrivere i loro commenti e lasciare messaggi all’autore.

Il blog è un luogo dove si può (virtualmente) stare insieme agli altri e dove in genere si può esprimere liberamente la propria opinione. È un sito (web), gestito in modo autonomo dove si tiene traccia (log) dei pensieri; quasi una sorta di diario personale. …Si possono pubblicare notizie, informazioni e storie di ogni genere, aggiungendo, se si vuole, anche dei link a siti di proprio interesse…

Tramite il blog si viene in contatto con persone lontane fisicamente ma spesso vicine alle proprie idee e ai propri punti di vista. Con esse si condividono i pensieri, le riflessioni su diverse situazioni poiché raramente si tratta di siti monotematici. Si può esprimere la propria creatività liberamente, interagendo in modo diretto con gli altri blogger.

Un blogger è colui che scrive e gestisce un blog, mentre l’insieme di tutti i blog viene detto blogosfera (in inglese, blogsphere)…

(fonte Wikipedia)

Proviamo a spiegare cos’è un blog sui nostri blog. Proviamo a spiegarlo semplicemente. Proviamo a spiegarlo a parole nostre.

Ora mi direte: "Ma sono anni che lo stiamo a spiegare!" e avete ragione. Ma noi la rete la abitiamo. Il resto del mondo, i telespettatori che guardano Porta a Porta, no. Queste persone cercheranno al massimo su Google la parola Blog per capire. Ecco, a queste persone che non conoscono Internet, che non lo usano come noi, che non sono blogger, che non hanno idea, dobbiamo continuare a spiegarlo.

Perchè se da Vespa si dice che Blog = Prostituzione, tocca proprio a noi smentire e spiegare.

Proviamo a spiegare cos’è un blog sui nostri blog. Proviamo a spiegarlo semplicemente. Proviamo a spiegarlo a parole nostre. (foto di Nele en Jan)

 

My 2 cents qui di seguito:

Un blog è una conversazione continua, in rete con altri. Il blog è fatto per esprimere la voglia di comunicare a tutto tondo, una stanzetta tua con vista sull’intero web, un indirizzo mediante il quale chi naviga in internet ti può venire a trovare per scambiare due chiacchiere con te e prendersi un caffè. Un blog è una estensione di te stesso.

Che tu voglia raccontare quanto ti è accaduto, o condividere un video o una barzelletta, che tu voglia diffondere notizie, riprenderle, commentarle, dare la tua opinione in merito o semplicemente segnalare ad altri quanto hai ritenuto importante per te, che tu voglia semplicemente dare libero sfogo al grafomane logorroico che è in te, il blog è il tuo spazio. Libero e personale, ma anche sociale se non lo tieni privato.

Dove sei tu a metterci quanto di tuo vuoi condividere e a non metterci quello che di tuo vuoi conservare. Un po’ il tuo cartellone pubblicitario, il tuo spot. Parla di te anche se non parli di te.

Un blog è un arricchimento continuo per te che scrivi andando alla ricerca di cose da scrivere che possano interessare il tuo lettore oltre che te stesso, ma la ricchezza viene soprattutto da quanti commentando in bene o in male, linkandoti, diffondendo ad altri i tuoi contenuti in Internet, ti accompagnano alla scoperta di altri pensieri, di altri blog, di altre persone con cui non avresti mai pensato di entrare in contatto, con cui non avresti mai pensato di avere delle affinità e degli interessi comuni.

PS e per la cronaca al grande fratello non ho mai desiderato di partecipare!

Blog = Prostituzione? Vespa ma sei fuori?

(via) Io gli ignoranti non li tollero. Qui si ignora che esiste una parte abitata della rete (noi). Qui ci si accusa di prostituzione. Neanche io guardo mai Porta a Porta. Ma i milioni di italiani che lo guardano queste cose le prendono per oro colato. Ma non hanno neanche idea di cosa stanno parlando…

Più di 50 tool per raccontare una storia su Internet

Qui di seguito più di 50 web tools che possono essere utilizzati per creare e narrare una storia su Internet.

La lista è stata stilata da CogDogRoo che ha anche provato (e fatto provare) ad utilizzare ogni tool per narrare la Dominoe story (qui potete vedere i risultati ottenuti). L’esperimento di narrare una stessa storia utilizzando 50 tool 2.0 è un utile lavoro per presentare ed utilizzare allo stesso tempo le potenzialità di ognuno degli strumenti. La vera sfida dei tool 2.0 non è quella di essere il miglior tool in assoluto, ma di essere il giusto tool da utilizzare al momento giusto e per raggiungere un determinato obiettivo. Conoscere i diversi tool per saper scegliere di volta in volta quello di cui realmente si ha bisogno perchè fa proprio quello che abbiamo in mente di fare è importantissimo. Non li conosco tutti, li esplorerò uno per uno piano piano. Intanto me li appunto e li condivido qui.

 

 

Slideshow Tools

Sono tool che generano contenuti che permettono di creare una sequenza lineare di riproduzione di una serie di immagini e foto, alcuni con la possibilità di aggiungere anche audio.

1. Bubbleshare http://www.bubbleshare.com/

Permette l’upload delle immagini, contiene una racoclta di clip art e permette la registrazione di 30 secondi audio/video per ogni immagine. E’ possibile inserire comic bubbles/fumetti con testo sulle immagini. E’ possibile includere mediante codice embed il risultato ottenuto su blog e siti.

2. Fabrik (beta) http://filmloop.myfabrik.com/

Upload imagini oppure search/upload di immagini direttamente da flickr mediante tag. Slideshows con transizioni.  Share e condivisione via email o mediante embed code.

3. ImageLoop http://www.imageloop.com/

Upload imagini dal computer o da flickr oppure upload di file PowerPoint. Selezione di template animati. Pubblicazione su blog o MySpace. RSS, commenti.

4. One True Media http://www.onetruemedia.com/

Combina foto e video clips con parole e musica. Possibilità di embed su blogs o di posting diretot su YouTube/Google video, mySpace, Google Groups. Ottima scelta di template.

5. RockYou http://www.rockyou.com/

Crea e distribuisce tmediante widgets slideshows, effetti immagine ecc. Pubblica su MySpace, Facebook, blogs.

 6. Slide http://www.slide.com/

Permette di utilizzare foto e altro contenuto digitale, importa da molte fonti, ha una puona raccolta di template, effetti e sfondi. Permette di aggiungere musica da una library.

7. SlideFlickr http://slideflickr.com/

Aiuta a creare Flickr slideshowsche possono essere utilizzati mediante codice embed in 10 secondi. Genera slideshows a partire da flickr users, sets, groups, tags. permette l’ attach audio via mp3 url.

8. flickrslidr http://flickrslidr.com/

Permette l’embed di slideshow creati a partire da set, group, o user in flickr. Nessun audio.

9. Slideoo http://www.slideoo.com/

Crea slide shows orizzontali da flickr set senza inclusione di testo o audio. Immediato da utilizzare.

10. PhotoShow http://www.photoshow.com/

trasforma le tue foto in slideshows musicali – tantisismi template disponibili, possibilità di aggiungere captions. Audio solo dalla musica presente sul sito.

11. Slideroll http://www.slideroll.com/

Crea slideshows attraverso una movie timeline, aggiunta di transizioni ed effetti, titoli, musica, captions. Importa direttamente le foto da Flickr.

Timeline Tools

Utilizzano la metafora organizzativa del tempo (time/date) che può essere esplorato in diverso ordine. Gli eventi vengono collocati su una timeline e possono includere testo, link, immagini ecc.

 12. Dandelife http://dandelife.com

Genera una timeline per ogni tipologia di evento da raccontare, si utilizza scrivendo come su un blog, applica tags, permette di includere immagini, video, bookmark da altri servizi web. Utilizzo non immediato.

13. OurStory http://www.ourstory.com/

Scrive una ‘story’ accaduta in una determinata data o momento, aggiunge immagini,  video, e OurSotry crea la timeline. Importa foto da flickr.

14. xtimeline http://xtimeline.com/

Ottima e potente timeline. Permette di allegare immagini e di includere media, possibilità di inserire le informazioni sulle fonti e tags.può importare dati da Excel/CSV files.

Mixer Tools

Simili agli Slideshow tools, ma generalmente con la possibilità di utilizzare ulteriori tipologie di media che possono anche essere mixati in prodotti finali non necessariamente di tipo lineare.

15. Voice Threads http://voicethread.com

Uploaded di immagini importate da flickr in presentazioni media con voci multiple. Registra audio/aggiunge testi oppore annotazioni. Altri utenti possono a loro volta aggiungere video, audio, e commenti.

16. VUVOX http://www.vuvox.com/

Trasforma le tue foto, video e musica in presentazioni dalla qualità professionale che possono essere facilmente condivise. cerca le immagini su flickr, google, upload youtube video, embed code (vedi anche la recensione di MasterNewmedia che casualmente ricordo di aver letto ;-) )

17. FLEKTOR http://www.flektor.com/

Permette facilmente di creare, remixare e condividere foto, video, via email, su mySpace, o sul blog." Upload di immagini e audio e creazione di Photobooks, utilizzo di editing tools avanzati per creare un video (vedi sempre casualmente MasterNewMedia).

18. Mixercast http://www.mixercast.com/

Crea esperienze professionali multimedia mediante il mixing di immagini, video, e suoni. Template disponibili, condivisione su web in un solo click Importa foto, audio, video dai siti o con direct upload, permette anche la registrazione di video dalla propria cam.

19. Zude http://en.gnomz.com/

Zude permette di aggiungere media, web sites, testi, e di personalizzare il layout. I Media possono essere aggiunti mediante il semplice trascinamento. Uso dei menù, complesso.

Comic Tools

Crea comic strips o cartoons utilizzando media importati o immagini disponibili. A volte necessario saper disegnare o fare schizzi, poi i tool pensano a comporre le storie.

 20. gnomz http://en.gnomz.com/

Semplicissimo tool che crea figure essenziali, si crea un cartoon avatar, o si sceglie tra quelli disponibili, si inseriscono i fumetti, si seleziona lo sfondo.  In Inglese e Francese.

21. ComicsSketch http://www.mainada.net/comics/

Un tool fper chi sa disegnare! Crea tutto il contenuto attraverso la tavoletta grafica da disegni fatti a mano.

22. Toondoo http://www.toondo.com

Crea 1, 2, o 3 pannelli di cartoons uutilizzando la raccolta di cartoons e text bubbles. Possono essere caricate e manipolate immagini. Le creazioni possono essere incluse mediante embed code su blog ecc. Molto versatile.

23. Kerpoof http://www.kerpoof.com/

Molto divertente Permette di inserire fumetti.  Non importa media, audio, nè permette link o embed code.

24. Bubblr http://www.pimpampum.net/bubblr/

Prende le foto da flickr dai tag o user name e li inserisce in una timeline, sulla quale è possibile inserire bubbles con testo

25. Comiqs http://comiqs.com/

Trasforma foto, "doodles", e testi in comic strip multilivello. Importa foto da flickr o da desktop. Aggiunge bubbles, testi.

Scrapbook Tools

Gli scrapbook tools permettono di organizzare in maniera più artistica e creativa dei media intorno ad un tema, che può poi facilmente essere trasformato in storia. Spesso possono gestire diverse tipologie di media, ma presentano un’interfaccia più complessa.

26. Tabblo http://www.tabblo.com/

Un’applicazione che mette insieme foto e parole in template molto belli e trasforma il tutto in un collage visuale, crea anche delle slideshows, importa da flickr, offre servizi di stampa delle creazioni (posters etc)

27. Scrapblog http://www.scrapblog.com/

Crea raccolte multipagina di foto,  "stickies" decorativi, video da Youtube, e possibilità di pubblicare su diversi blog. Non fornisce però il codice embed, pubblica solo link.

Map Tools

Questi tools sono utili per storie o presentazioni collegate località diverse, tipo racconti di viaggio o storici. Vedi per approfondire http://www.storymapping.org/ and Find a Story… Map a Story… Tell a Story…

28. Mapwing http://www.mapwing.com/

Un tool per creare tour veri e propri o per generare una mappa di base che importa annotazioni, disegni, aggiunge nodi, mostra le 4 direzioni, permette caption e link.

29. Google My Maps http://maps.google.com/ http://www.googlemapsmania.blogspot.com/

Associa i vari passaggi della storia a località collocate su una mappa. Ognuna può essere annotata e si possono aggiungere immagini (anche utilizzando link da flickr) e testi. Fornisce un codice da copiare e incollare  per le mappe create.

30. Wayfaring http://www.wayfaring.com/

Annotat una mappa in diversi modi.

Flickr Tools / Ideas

Modi diversi di utilizzare flickr icome piattaforma per creare e condividere storie in diversi modi interessanti.

31. Flickr Tell a Story in 5 Frames http://flickr.com/groups/visualstory/

32. Flickr Six Word Story http://www.flickr.com/groups/sixwordstory/

33. Flicktion http://www.flickr.com/photos/tags/flicktion/

Flickr+Fiction = Flicktion. Prende ogni singola immagine per raccontare una storia costruita su quell’immagine. Salva su flickr con il tag "flicktion". 

34. Linking Flickr Notes http://flickr.com/photos/cogdog/269039506/

Utilizza i set di flickr, ycollegati mediante link inclusi in flickr notes .

35. Pictures with Stories Flickr Group http://www.flickr.com/groups/stories/

Audio Tools

Sono numerosi i tool che permettono l’audio storage  o la generazione di podcast.

36. Podcast People http://podcastpeople.com/

TQuesto è più di un semplice tool per creare podcast che includano audio, contenuto video e i tradizionali"blog" posts. Può essre utilizzato per serializzare uan storia in segmenti più piccoli.

37. Blabberize http://www.blabberize.com/

Piuttosto semplice e spartano, ma efficace. Carica una immagine del tuo volto , punta sulle labbra e registra il tuo audio. Crea semplici animazioni dei movimenti delle labbra che si muoveranno al suono della voce registrata.

Video Tools

I video tools permettono l’upload, l’editing, ed il remixing di video per creare nuovi contenuti che possano poi essere esportati sulle pagine web.

38. Jumpcut http://www.jumpcut.com/

Un potente video editor, simile ad iMovie ma su una pagina web. Importa immagini da flickr/facebook, upload video/audio, applica le transizioni, titoli ed effetti. Non adatto a video lunghi.

39. Splashcast http://web.splashcast.net/

SplashCast permette a chiunque la creazione di streaming media ‘channels’ tin cui mixare video, musica, foto, narrazioni, testi e RSS feeds, presentazioni PowerPoint e documenti PDF, permette l’upload da flickr, YouTube ecc. in una interfaccia semplicissima.

40. eyespot http://eyespot.com/

Offre un timeline editor per  mixare e remixare media incluse immagini, video e audio a cui si possono aggiungere titoli, effetti speciali, transizioni e audio di sottofondo.

41. TouFee http://www.toufee.com/

Upload immagini o importa direttamente da flickr, i video da YouTube, mettendoli su una imeline, su cui è possibile aggiungere testi, transizioni e generare filmati. 

42. BubblePLY http://www.bubbleply.com/

Carica  ivideo mediante URL (da YouTube, Blip.tv ecc) e permette di annotarvi testi in "bubbles"

43. Motionbox http://www.motionbox.com/

Tool per l’uploading, e la condivisione di video, permette di creare playlist e di remixare i tuoi video.

44. Animoto http://animoto.com/

Permette di creare da una serie di immagini dei video musicali professionali. Molto utile per creare presentazioni eleganti di immagini.

Presentation Tools

Per creare presentazioni e slide da una interfaccia web.

45. Empressr http://www.empressr.com/

Permette di imrtare video, immagini, testi e sottotitoli.

46. Spresent http://www.spresent.com/

Offre un editor PowerPoint lattreverso cui è possibile importare immagini (desktop, flickr), upload PPT, filmati da YouTube, audio via URL, usare templates, etc. Audio può essere sincronizzato alle slides. 

47. Thumbstacks http://www.thumbstacks.com/

Crea semplici presentazioni simil PowerPoint-like con semplici templates, importa foto da flickr.

 48. Slideshare / Slidecasts http://www.slideshare.net

E’ lo YouTube per PowerPoint. Upload di contenuti Powerpoint/Keynote/PDF e conversione in animazioni Flash facilmente embeddedabili su altri siti mediante codice embed. Offre una URL per una traccia audio che si può sincronizzare e creare così presentazioni con voce narrante.

49. Zentation http://zentation.com/

Un mashupche permette di caricare file Powerpoint su Slideshare e di sincronizzare dei video presi da Google video. 

50. Viewbook http://www.viewbook.com/

Per creare album e portfolio condivisi.  Upload fino a 500 immagini, crea albums di immagini con testi e condivisione mediante embed code. Non prevede inclusione di audio.

51. Zoho Show http://show.zoho.com/

Parte della Zoho suite, Zoho Show offre una semplice interfaccia simil PowerPoint lper la creazione di slide shows oppure permette di importare file PPT (< 10 Mb) e pubblicarli online facilmente.

52. Vcasmo http://www.vcasmo.com/

Sincronizza una serie di immagini e slide ad una traccia video, importa video da YouTube o ne permette l’upload.

53. MyPlick http://myplick.com/

Upload di file (PPT o PDF) e di audio file, tool di sincronizzazione, crea una presentazione narrata.

 54. Google Presenter http://docs.google.com

Il Google Tool permette di importare file PPT ed offre un’interfaccia immediata. Le presentazioni possono essere condivise con altri utenti.

55. WebSlides http://slides.diigo.com/

Prende una serie di siti web e li trasforma in un web slide show. Possono essere aggiunte note, contenuti taggati e  audio.

 

 

Nativi digitali: come cambia l’insegnamento

Chiunque sia entrato di recente in una classe, ha conosciuto il tipo di nativi di cui si parla in questo articolo. Si tratta dei cosiddetti "natives" (Prensky 2001), ovvero quei ragazzi nati a partire dagli anni ’80, cresciuti in mezzo a personal computer e Internet: la prima generazione di giovani socializzati all’uso di una tecnologia da una generazione di adulti che non ha avuto il tempo di comprendere pienamente le logiche di questi nuovi media (Jenkins 2006).

Un articolo di Fabio Giglietto (citato anche da gg) su Indire che invito a leggere.

Oggi lo spazio in cui i nativi digitali passano il loro tempo è questo: si muovono con disinvoltura fra lo spazio geografico dei loro genitori e quello mediato di rete. In questo ambiente ibrido socializzano, fanno esperienze, giocano, apprendono. Ecco, apprendono.

In questo scenario si inserisce il progetto Taccle (Teachers’ Aids on Creating Content for Learning Environments), un progetto multilaterale Comenius con l’obittivo di produrre sotto licenza aperta e liberamente modificabile un manuale, un wiki e un corso pilota rivolto agli insegnanti europei in cui si proverà a spiegare ad essi come utilizzare lo spazio mediato della rete e del web 2.0 come ambiente per l’apprendimento.

Le tematiche del corso spazieranno dallo scrivere per il web, all’aprire e gestire un blog, dal comprendere le logiche dei social networks e di Wikipedia, al costruire materiali didattici basati sul riutilizzo creativo delle risorse esistenti (mashup) ed infine al sapere come distribuire i propri contenuti in rete applicando ad essi le licenze Creative Commons

E’ di fondamentale importanza formare gli insegnanti su queste tematiche e su come le tecnologie e la rete possano diventare strumenti efficaci nei processi di apprendimento insegnamento. Nel mio piccolo, ho modo di sperimentare quando faccio formazione docenti quanta voglia di apprendere ci sia nella classe docente italiana e soprattutto di creare ambienti di apprendimento più consoni a quelle che sono le dinamihce che gli studenti, i nativi digitali, vivono quotidianamente. Lo scopo principale del progetto TACCLE è proprio quello di formare i docenti su come creare contenuti di qualità che permettano un utilizzo proficuo di questi nuovi ambienti di apprendimento.

Tutti i docenti interessati possono collaborare al progetto Taccle entrando in contatto con i partner, frequentando e commentando il sito e, soprattutto in questa fase iniziale di ricognizione dei bisogni, dedicando qualche minuto alla compilazione del questionario online per raccogliere – a livello europeo – informazioni sulle conoscenze, le abilità ed i bisogni dei docenti che utilizzano (o meno) gli strumenti Internet nella loro attività di insegnamento e per comprendere le loro reali esigenze formative.
 

Pagina 1 di 41234