Cosa sa Facebook di noi

Qualche mese fa un ragazzo austriaco, studente universitario in Legge, Max Schrems chiese a Facebook di inviargli tutti i dati che Facebook possedeva e che lo riguardavano, cioè riguardavano il suo account e ciò che vi aveva postato e le relazioni dell’account con gli amici ecc.

Tutti i cittadini Europei hanno diritto di fare questa richiesta a Facebook perchè Facebook ha sede a Dublino, in Irlanda. Dopo qualche tempo, Facebook inviò a Max un CD con ben 1222 pagine PDF che lo riguardavano. – Per saperne di più su questa storia il sito è questo: http://www.taz.de/facebook-en

Intanto vi posto questo breve video in cui è ben mostrato cosa Facebook sa di noi:

Spesso non pensiamo a quello che postiamo su Facebook, un aggiornamento di status, un link condiviso, un like messo da qualche parte, un commento lasciato sulla bacheca di un amico o una discussione o ancora un messaggio privato. Tutto questo moltiplicato per tante volte, da quando abbiamo aperto il nostro profilo. Sicuramente molte cose non ricordiamo nemmeno di averle fatte, data la rapidità della comunicazione sui social network. Ecco, fermiamoci un attimo a pensare cosa Facebook sa di noi, quali nostri dati possiede, come mette in relazione tutto e, ovviamente, usa per le pubblicità mirate.

Nel video sulla storia di Schrems e delle sue 1222 pagine PDF ben si capisce che ogni singolo passaggio fatto sul sito di facebook da parte di ognuno di noi viene registrato, inclusi i messaggi che magari abbiamo anche cancellato. Lavoro, relazioni, foto geotaggate nostre e di altre persone che ci hanno incluso. Foto di cui si sa esattamente a che ora sono state scattate, con quale telefonino e dove. 1222 pagine…pare che la traduzione inglese di “Guerra e Pace” sia 1400 pagine, fatevi un po’ i conti. Non oso nemmeno immaginare di quante pagine sia composta la mia storia su Facebook.

The museum of me su Facebook

Ho appena trovato il  viral marketing di Intel: si tratta di un progetto chiamato “Museum of Me”, molto molto carino.

Si accede da qui http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm attraverso il nostro account Facebook, si attende un paio di minuti e ci viene restituita una bellissima animazione che raccoglie i nostri dati in un video. Si tratta del nostro museo, della mostra allestita attraverso i nostri dati, i dati provenienti dal nostro account Facebook.

Tutta la nostra attività su Facebook nel video dal titolo “The Museum of Me” che ovviamente possiamo viralizzare su Facebook.

Sono inclusi gli amici con cui si interagisce di più, le foto, la location, un wall di parole che appaiono più frequentemente sulla nostra bacheca, immagini e video con il contenuto su cui abbiamo cliccato “Mi piace” e altro.

Tutto ciò visualizzato come se fosse la nostra esposizione in un museo di arte moderna.

Ovviamente non è perfetta, sembra aggregare solo i dati più recenti ma la bellezza della presentazione e della musica ad essa associata è  grande.

Dopo aver creato e guardato il video della nostra galleria d’arte personale possiamo condividerne le immagini sul profilo Facebook ma non il video Flash che è stato creato. Per rivederlo bisogna andare ritornare sul link http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm

Esperienza molto carina di aggregazione e visualizzazione della propria attività su Facebook.

Per creare la tua galleria comincia da qui http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm

 

Diamo i numeri di Facebook

Via jeffbullas ma soprattutto via Ninjamarketing che li ha tradotti già in italiano, i numeri impressionanti di Facebook.

Forse non tutti sappiamo che:

1) 1 terrestre su 13 è presente su Facebook.
2) Più del 30% degli utenti di Facebook è over 35.
3) Negli USA il 71,2% di Internet users usa Facebook.
4) Ogni 20 minuti vengono condivisi 1.000.000 di link.
5) 1.484.000 eventi condivisi ogni 20 minuti.
6) In 20 minuti vengono uploadate 2.716.000 foto.
7) E i tag? 1.323.000 foto taggate, sempre ogni 20 minuti.
8 ) Ogni 20 minuti vengono aggiornati 1.851.000 status.
9) Ogni 20 minuti 1.972.000 richieste di amicizia sono accettate.
10) 2.716.000 messaggi vengono inviati (indovinate un po’? Ogni 20 minuti!).
11) In 20 minuti vengono pubblicati 10,2 milioni commenti pubblici.
12) Ogni 20 minuti vengono pubblicati 1.587.000 post in bacheca.
13) Nel week end di capodanno sono state uploadate 750 milioni di foto.
14) Il 48% dei giovani americani hanno detto trovare notizie attraverso Facebook.
15) Quando si sveglia, il 48% degli utenti tra i 18 ei 34 anni di età per prima cosa controlla Facebook.
16) Il 50% degli utenti attivi accede a Facebook ogni giorno.
17) 130: è la media di amici per ogni utente.
18) Mediamente, vengono passati oltre 700 miliardi di minuti al mese su Facebook.
19) Sono oltre 900 milioni fra pagine, gruppi ed eventi, gli oggetti con cui possono interagire gli utenti.
20) Un utente è collegato mediamente a 80 fra pagine, gruppi ed eventi.
21) I contenuti medi creati da un utente ogni mese sono 90.
22) Numeri da capogiro per i contenuti (link a notizie o blog, album fotografici, video e simili) condivisi ogni mese: più di 30 miliardi!
23) Il sito è tradotto in 70 lingue diverse.
24) Circa il 70% degli utenti di Facebook sono fuori dai confini degli Stati Uniti.
25) Più di 300.000 di utenti vengono aiutati attraverso l’app a tradurre il sito.
26) Gli imprenditori e sviluppatori di oltre 190 paesi lavorano con la Piattaforma Facebook.
27) Ogni giorno vengono installate 20 milioni di applicazioni.
28) Sono più di 250 milioni i siti raggiunti dagli utenti attraverso Facebook
29) Ogni giorno a partire dal mese del varo dei vari plug in sociali, oltre 10000 siti al giorno si integrano con Facebook.
30) Degli oltre 2,5 milioni di siti web collegati a Facebook, più di 80 fanno parte della classifica di comScore dei Top100 americani; in quella globale, il numero supera la metà.
31) Anche per il mobile, i numeri sono impressionanti: 250 milioni circa sono gli utenti che accedono a Facebook attraverso i dispositivi mobili.
32) Gli utenti che accedono a Facebook attraverso supporti mobili interagiscono mediamente il doppio rispetto agli utenti non mobile.
33) Ci sono più di 200 operatori di telefonia mobile in 60 paesi che lavorano per distribuire e promuovere i prodotti Facebook mobile.
34) Il volto di Al Pacino è apparso sull’home page originale di Facebook.
35) Inizialmente, Facebook era un servizio di condivisione file.
36) I primi “work network” così come gli originali network educativi includevano Apple e Microsoft.
37) Il significato del termine poke non è mai stato definito.
38) C’è un app per vedere cosa c’è sul menu del bar della sede di Facebook.
39) Mark Zuckerberg (CEO di Facebook) si definisce un “Harvard Graduate”, ossia un laureato, anche se in realtà non ha mai conseguito il titolo (pare la sua risposta è che “there isn’t a setting for dropout“).
40) Il popolo che mediamente passa più tempo al mese su Facebook è quello australiano: 7 ore pro capite.
41) Un dipendente du Facebook ha venduto la sua felpa per 4.000 dollari su eBay
42) Facebook è stato inizialmente finanziata da Peter Thiel, co-fondatore di PayPal per 500.000 $.
43) Al momento, Facebook in termini di traffico è secondo solo a Google.
44) Facebook ha ormai un valore di circa 80 miliardi dollari.
45) Facebook fa soldi attraverso la pubblicità e i prodotti virtuali che si vendono attraverso di esso.
46) Facebook ha corso il rischio di andare off line a causa di una querela da parte di ConnectU, che sosteneva il furto dell’idea e della tecnologia per realizzare il social network da parte di Zuckerburg.
47) Il 23,6% degli utenti totali di Facebook sono americani, ben 155 milioni.
48) Le fanpage totali sono oltre 16.000.000.
49) Texas Hold’em Poker è la pagina più popolare di Facebook, con oltre 41 milioni di fan.
50) Infine: Facebook conta circa 650 milioni di utenti attivi.

Meditiamoci su, gente. Meditiamoci.

L’importanza degli insegnanti nel mondo [Infografica]

Quanto contano gli insegnanti nei veri paesi del mondo?
Ho appena trovato questa infografica di Master-Degree-Online.com e ve la pubblico (via).

L’educazione e la formazione delle giovani generazioni è importante quasi ovunque nel mondo. Quante risorse una nazione investe sull’insegnamento e quindi quanto vengono pagati i docenti?
Un docente più pagato porta o meno più qualità alla scuola?

Teachers Worth Around the World | Infographic |
Via:Master-Degree-Online.com

La fonte dei dati dell’infografica è Education at a Glance 2009: OECD Indicators

Che ne pensate?

Pagina 1 di 512345
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: