Robbie Williams in abito rosa. Londra: foto anteprima del nuovo video

Trovarsi a Spitalfields (East London) proprio mentre Robbie Williams gira le riprese del nuovo video. Dopo un primo stupito “Chicazz’è questo in abito rosa a terra e perchè c’è un set cinematografico attorno?” mio e di husband, ecco le immagini in anteprima.

Oddio, anteprima non so, in rete ne circolano sicuramente già. Avrei dovuto pubblicarle in tempo reale per avere l’esclusiva dello scoop, anche prima della stampa internazionale!

Queste sono le mie foto di Robbie Williams scattate in diretta mentre giravano queste scene del nuovo video per il nuovo singolo (pare che esca il 3 settembre) o mentre le provavano. O semplicemente mentre Robbie si intratteneva con troupe e fan.

Robbie Williams anteprima foto nuovo video Londra agosto 2012 by catepol

Robbie Williams in rosa steso a terra, una donna gli cammina sopra, poi una macchina lo investe. Lo spettacolo, in realtà, erano le fan. Una caterva di ragazze accanto a me che scattavano dai telefonini e dalle digitali, dagli iphone. Che chiamavano genitori e amici “Oh my God! It’s really Robbie!”

I turisti che invece chiedevano “Who is supposed to be this guy?”

Enjoy my photos.

Riprendiamo le trasmissioni su questo blog dopo una “pausa di riflessione” estiva abbastanza lunga, con un post che più futile non si può.

I’m back.

URBI ET ORTI Reportage sugli orti urbani di Milano – Foto di Alessandro Vinci

Segnalo con piacere una mostra fotografica particolare.
Ai Milanesi e non solo.

Se vi trovate da quelle parti, passateci e salutatemi il fotografo!

Si tratta della mostra sugli Orti Urbani a Milano, foto di Alessandro Vinci (mio carissimo amico!).

Con il Patrocinio del Comune di Milano, promossa dall’Istituto Italiano di Fotografia e in collaborazione con la Feltrinelli.

URBI ET ORTI Reportage sugli orti urbani di Milano
Fotografie di Alessandro Vinci

Dal 3 luglio al 31 agosto 2012 presso La Feltrinelli Librerie in Piazza Piemonte 2 (2° piano) a Milano. Inaugurazione: 3 luglio 2012 ore 18:00.

All’inaugurazione intervengono Alessandro Vinci e Sara Munari, fotografa, critica e docente dell’Istituto Italiano di Fotografia.

Milano. Città della moda, dell’alta finanza, dello shopping; città europea, desiderio mai sopito di migliaia di migranti, attratti dalle maggiori opportunità di lavoro. Città dei centri commerciali, dei “grattacieli” e degli uffici, del traffico, dei lavori in corso; città dal cielo grigio di smog, dalle prospettive nascoste dal cemento, dalla terra coperta d’asfalto.
La cultura contadina sembrava non trovarvi più posto – dopo aver ceduto il passo alla frenetica e progressiva urbanizzazione degli anni ’60 – e invece, a ridar luce e respiro ai colori del moderno, ecco gli orti urbani: piccole oasi di verde, un colore solo simile a quello della carta moneta; oasi nel deserto dell’omologazione urbana, ritagli di spazio per un tempo di cui l’uomo non è più padrone, una nuova possibile meta. Qui la comunità si ferma, si incontra, si confronta. Qui, l’uomo si sottrae all’annichilimento imposto dalla società e scopre nuove forme di aggregazione, recuperate e ricostruite nell’antico contatto con la Terra. Ognuno fa da sé e fa per gli altri: qui si coltiva sano, e non solo cibo. È lecito pensare che si coltivi umanità. I nuovi orticoltori sono gli uomini e le donne “della porta accanto” (studenti, ingegneri, professori, impiegati, pensionati), che hanno cercato e trovato una finestra, un punto di vista diverso, una via di fuga da un mondo che, forse, ci rappresenta sempre meno.

(Testo di Vincenzo Antonio Scalfari – altro mio carissimo amico!)

Alessandro Vinci ci mostra, attraverso le sue fotografie, una tendenza che sta – è proprio il caso di dire – fiorendo nella giungla di cemento della città di Milano.
Quella degli orti urbani non può essere unicamente una moda. C’è un crescente interesse da parte dei cittadini, connesso ad una rivoluzione di tipo culturale che riconcilia la gente alle questioni del verde e della sostenibilità.
“I nuovi contadini di città” ci stanno insegnando come potrebbero essere in futuro le città, sfruttando la vita di questi microcosmi come alternativa alla coltivazione in grande scala e regalando piccoli polmoni verdi che permettano di tornare in simbiosi con la natura, anche nelle più grandi città.
Alessandro Vinci ci propone, attraverso la sua ricerca, una serie di fotografie caratterizzate da una costruzione formale molto pulita, volta a sintetizzare nell’immagine la correlazione tra l’elemento umano e il contesto urbano, con un linguaggio fotografico essenziale ed equilibrato.

Parole queste di Sara Munari, curatrice della mostra insieme a IIF Art Side – dipartimento creativo dell’Istituto Italiano di Fotografia.

Il fotografo mi ha concesso qualche anteprima delle foto che posto volentieri per incuriosirvi ancora di più.

Foto di Alessandro Vinci

Foto di Alessandro Vinci

C’è una galleria di Foto di Alessandro Vinci su Repubblica.

Ne parla anche il Giornale

Insomma il ragazzo si sta facendo conoscere! E pensare che io l’ho visto crescere! (Posso dirlo, Ale, vero?)

Scherzi a parte, consiglio vivamente di passare a vedere la mostra sugli orti urbani, non ve ne pentirete!

Fuor di classifica

Ieri mi sono trovata, inaspettatamente, su Vanityfair.it.

L’articolo parla della classifica stilata da Huffington Post sulle donne hi-tech più influenti al mondo. Tutte Twitteraddict. Caratteristica che le accomuna.

Parliamo di donne del calibro di  Rashmi Sihna (@Rashmi), Amministratore delegato e co-fondatore di Slideshare; Susan Wu (@sw), creatrice di giochi online che ha lavorato al fianco di Biz Stone e Evan Williams, i co-fondatori di Twitter; Caterina Fake (@Caterina) una dei fondatori di Flickr; Kanchan Koya (@KKoya), scienziata attiva nella ricerca medica e co-fondatore della SwitchBiotics; Angela Benton (@ABenton), del sito blackweb20.com ; Alexa Hirschfeld  (@AlexaHirschfeld) ideatrice di PaperlessPost; Gina Trapani (@ginatrapani)  fondatrice del sito lifehacker.com; Linda Avey (@LindaAvey) , co-fondatrice del sito 23andme.com; Brooke Moreland (@AudraBrookie)  ideatrice del sito fashism.com…

E fin qui…Tanto di cappello a loro!

Poi, decima foto, decima donna della carrellata, ci sono io @catepol.

No, leggete bene, non sono nella classifica dell’Huffington Post. Ma Magari!  C’è scritto: “Fuori dalla classifica dell’Huffington Post”:

Fuori dalla classifica dell’Huffington Post, ma degnamente schierata tra le donne hi-tech, c’è l’italianissima Caterina Policaro, docente e promotrice di e-learning e social networking. @Catepol ha più di 5mila follower e cinguetta di tecnologia e nuovi metodi di insegnamento. Il suo slogan? «Love me, hate me, follow me!».

Onorata di essere stata inserita dalla redazione Vanityfair.it, certo, come donna italiana che, secondo loro, potrebbe esser degna di far parte di questa classifica di donne “tecnologiche”. Devo anche dire, senza falsa modestia, credetemi, che a volte mi si dipinge con molto più di quello che realmente sono. Fa piacere, ma sto con i piedi per terra.

Il bello è che chi ha letto velocemente il post di Vanityfair.it o le mie segnalazioni ieri, su Facebook e Twitter, ha pensato che io fossi stata inserita per davvero nella classifica. Meraviglioso!

Approfitto del post per chiedervi il voto, a questo punto. Siamo in ballo, balliamo, come donna influente del web.

Qualche giorno fa vi ho chiesto “Quanto sono influente online?

Ecco, sono gli ultimi giorni di voto per il Webit Congress di Sofia. Sono la seconda in classifica. Se al primo ottobre sarò prima, vinco la partecipazione gratuita al Congresso di Sofia + viaggio e hotel.

Si vota cliccando qui  http://bit.ly/9buP1A e confermando quanto sono influente. Conto su di voi! Dimostratemelo!

 

The museum of me su Facebook

Ho appena trovato il  viral marketing di Intel: si tratta di un progetto chiamato “Museum of Me”, molto molto carino.

Si accede da qui http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm attraverso il nostro account Facebook, si attende un paio di minuti e ci viene restituita una bellissima animazione che raccoglie i nostri dati in un video. Si tratta del nostro museo, della mostra allestita attraverso i nostri dati, i dati provenienti dal nostro account Facebook.

Tutta la nostra attività su Facebook nel video dal titolo “The Museum of Me” che ovviamente possiamo viralizzare su Facebook.

Sono inclusi gli amici con cui si interagisce di più, le foto, la location, un wall di parole che appaiono più frequentemente sulla nostra bacheca, immagini e video con il contenuto su cui abbiamo cliccato “Mi piace” e altro.

Tutto ciò visualizzato come se fosse la nostra esposizione in un museo di arte moderna.

Ovviamente non è perfetta, sembra aggregare solo i dati più recenti ma la bellezza della presentazione e della musica ad essa associata è  grande.

Dopo aver creato e guardato il video della nostra galleria d’arte personale possiamo condividerne le immagini sul profilo Facebook ma non il video Flash che è stato creato. Per rivederlo bisogna andare ritornare sul link http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm

Esperienza molto carina di aggregazione e visualizzazione della propria attività su Facebook.

Per creare la tua galleria comincia da qui http://www.intel.com/museumofme/r/index.htm

 

Pagina 1 di 8212345...102030...Ultima »
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: