Passami il sale!

Il digitale e i social influenzano le nostre relazioni.

please-pass-the-salt-1

Una scena non insolita, a cena.
Tutti assorbiti dagli smartphone e da quello che vi accade dentro: whatsapp, facebook, twitter, mail ecc.

La reazione inconsulta di un padre.
Passami il sale!

E presta attenzione alle persone che hai attorno.

Un corto che ha vinto il Best Comedy Award at the 2014 Five16 Film Festival.

Tutto adesso

Poi c’è questa canzone dei Pooh che mi è sempre piaciuta e che oggi mi andava di adattarla proprio a me.

Tutto adesso. Da oggi abbiamo smesso di chiedere permesso.
O forse no.

Giornate densissime di cose, persone, relazioni, propositi, azioni e voglia di fare.
Tutto adesso.

O da adesso in poi.

Sono stanca di essere buona e perciò vado all’inferno
sono stanca di vivere in stato di shock giorno per giorno
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Sono stanca di essere stanca perciò fatemi strada
sono stanca di facce che dicono: no, stattene in coda
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso, la vita è la mia
che prenda o che dia di più.
Sono stanca di prendere il mondo com’è, non si respira
sono stanca di chiudermi dentro perché non ho paura
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.
Adesso adesso
e togliersi via
le mani da addosso, la vita è la mia
che prenda o che dia di più.
Sono stanca di farmi rispondere no! È una prigione
sono stanca di essere buona perciò fate attenzione
da oggi abbiamo smesso
di chiedere permesso
io voglio tutto adesso.

Volevo ripartire dal blog…

…invece son mesi senza ADSL a casa, il piano dati sull’iphone mi declassa a velocità ridotta dai primi del mese (come non averla proprio la connessione!), ma quanto consumo? Ma sempre su internet sto?
Ah, e l’ipad 1 pesa, é scomodo, non ci puoi far tutto (non è vero, ovvio, ho fatto cose in queste condizioni, che voi umani…)

Vabbè…

Come scusa, essere “digital divisa”, non è un granché, mi sembrava solo buona per rompere il “blocco del blogger”

:)

Buona Pasqua e buona Pasquetta fatte, intanto.

20140422-155048.jpg

Ora ve li buco i messaggi multipli su Facebook!

2014 cominciato esattamente come è finito il 2013 per quanto riguarda i messaggi privati di Facebook. Rimane l’abitudine, per tanti, troppi oramai, di abusare dello strumento.

Come? Con i messaggi privati multipli, indirizzati a 100 contatti tutti insieme. Fortunatamente c’è un limite almeno nel numero.

Si può solo uscire dalle conversazioni, purtroppo, dopo che qualcuno ci ha inserito e dopo che cominciamo a ricevere il fiume della conversazione in atto. Si, si potrebbe anche decidere da chi farci inviare messaggi privati su Facebook, lasciando la possibilità solo agli amici.

20140106-103133.jpg

Stamattina sono stata svegliata proprio dal suono ripetuto delle notifiche del Messenger (all’unisono poi su iPhone e Ipad). Sarà successo qualcosa, ho pensato.

E no, non ditemi che è il prezzo da pagare per avere tanti “amici” sui social, la conversazione multipla. Non lo è.

I messaggi privati, sono privati. Magari a piccoli gruppi, se il tema è comune (organizzare una pizza, darsi appuntamento per qualcosa, coordinarsi). I messaggi privati collettivi, con persone sconosciute, non sono più privati, tanto vale utilizzare la bacheca + il tag alle persone.

Educhiamoci tutti a monte: prima di mandare un messaggio privato a 100 persone (che siano gli auguri di natale, della befana o l’invito a votare Renzi o chi so io o il gioco stupido con cui si pensa di contribuire alla prevenzione del cancro al seno….) chiediamoci quanto stiamo invadendo la privacy della gente e quanto risultiamo inutili.

Chiediamocelo e prima di cliccare invio, dopo aver aggiunto i 100 contatti, proviamo anche a risponderci. Una volta lo avremmo chiamato semplicemente spam.

Invasione di privacy perché si mettono in una chat di gruppo anche sconosciuti fra loro che non è detto condividano lo stesso tema del messaggio.

Infatti poi cosa accade? Cominciano le risposte “ok” “grazie” “ciao” e anche i “toglietemi dal gruppo” ecc . Il delirio.

La privacy perché tutto ciò si traduce nell’invasione del proprio cell/tablet sui quali la app Messenger con solerzia segnala ogni notifica di messaggio privato.

Come abbiamo le notifiche sms, mail, whatsapp ecc. abbiamo anche queste e sono per il contatto privato, personale, importante, rapido. Perchè Twitter prima, Facebook poi, li avrebbero chiamati Messaggi Diretti o Messaggi Privati?

Nessuno ci autorizza a invadere gli spazi privati altrui se non è importante. Nessuno ci autorizza a mandare pacchi di informazione inutile ai nostri contatti. Nessuno ci autorizza ad abusare di questi canali social per attirare attenzione. Non parliamo del consumo dati + batteria, quando nostro malgrado siamo bersaglio di questa messaggistica.

Per i messaggi multipli che sono così pubblici, bacheca + tag. Esci dalla conversazione è una ulteriore perdita di tempo ogni volta che vorrei evitare, almeno io.

È questione, al solito, di educarci agli strumenti social e al loro uso.
Non è un caso che la maggior parte di noi clicchi immediatamente su “Esci dalla conversazione”.
Basta scorrere questo tipo di conversazioni multiple, le uscite sono visibili a tutti, man mano che avvengono, fanno parte integrante della chat.

Quindi i messaggi multipli sono inutili.

Nell’ecologia della comunicazione social di tutti, fare attenzione a ciò che facciamo, come lo facciamo, attraverso quale canale e, soprattutto con quale obiettivo, diventa sempre più importante.

Siamo invasi da informazioni di ogni genere, fortunatamente possiamo sempre scegliere a cosa prestare attenzione. Quando si entra a gamba tesa nei canali privati e diretti, riusciamo a prestare attenzione anche alle persone e calibrare quanto scriviamo loro?

Attenzione alle persone, attenzione alla relazione, attenzione alla comunicazione, attenzione al messaggio, attenzione a non sprecare e far sprecare tempo, attenzione alle cose importanti.

Al prossimo messaggio multiplo su Facebook, inutile, prima di uscire dalla conversazione, copieró e incolleró questo post.

Le donne di qua, le donne di là, il rispetto la parità e bla bla bla…

Le donne di qua, le donne di là, il rispetto la parità e bla bla bla.

Non c’è nulla da combattere. Semplicemente è normale essere uomini, essere donne, relazionarsi, confrontarsi alla pari. Non per tutti. Non avremmo bisogno di una giornata di sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro la violenza, ogni tipo di violenza, sulle donne.

Non avremmo bisogno di andare in giro con scarpette rosse o con qualcosa di rosso oggi.

La definizione di violenza: “un’azione molto intensa che reca danno grave a una o più persone e compiuta da una o più persone che operano sinergicamente…La violenza, quindi, non necessariamente implica un danno fisico.” (wikipedia)

Di questa violenza apparentemente senza danni, ho già scritto, tempo fa.

Qualcosa che può essere impercettibile, ma che sempre “violenza” rimane, in questa accezione.
Subdola, ma radicata. Fatta di parole, gesti, cultura maschiocentrica.
Lo nota l’occhio della donna, se ha allenato il suo occhio a notarlo.
E lo nota l’uomo sensibile in alcuni comportamenti consolidati dei suoi simili. Lo nota chi vive le differenze di genere come arricchimento reciproco, in qualunque contesto e non come sfida a detenere la superiorità.

Chi percepisce di NON essere più l’essere superiore perchè l’essere superiore NON ESISTE, reagisce con violenza. Non ha altri modi.

red_shoes_by_UltraViolett

Una violenza spesso subdola contro la donna, perchè donna, anche in contesti che non t’aspetti, in contesti che dovrebbero essere neutrali come la parte abitata della rete, sui social o, peggio, nei luoghi di lavoro.

E c’è disparità di comportamento in una stessa situazione, a seconda che l’antagonista sia uomo o donna.
E c’è mobbing sottile, stalking impercettibile, in situazioni dove non dovrebbero. Dove a ben guardare non ci sono nè botte nè sangue, solo parole o, in rete, magari immagini, punti di vista, condivisioni, battute ecc.

Parole dette a voce, o non dette, dette direttamente oppure pronunciate solo quando si è tra uomini. Parole scritte in rete, su un social pubblico, con la volontà precisa di essere condivise. Di riderci su o di dimostrare l’essere SUPERIORE. Di dire qualcosa a qualcuno. Di dimostrare. Di dimostrare che cosa?

Parole che, se scritte in rete, restano.
Anche se le cancelli oppure, messo a conoscenza del fatto che la donna a cui erano rivolte sa, dopo ti giustifichi con un “Non volevo”, si scherzava fra noi.

No, non si scherzava. La tua libertà finisce dove inizia la mia. Non puoi permetterti di dire si scherzava quando ti scagli contro dicendo o scrivendo: “Che vuole questa?”.
Anche se lo fai sorridendo, anche se non te ne accorgi, ti si legge negli occhi il “Che vuole questa?”
Anche se “Ma io non volevo dire…”

Perchè contro un uomo, non lo fai. In situazione analoga, identico argomento, consesso però di uomini, la reazione non è la stessa.

E, lo so, ti sembra io esageri, chiamando tutto ciò: violenza.

A ben leggere succede a tante. Solo perchè donne, gli uomini si sentono autorizzati a comunicare da “esseri superiori”. A dimostrare che, nonostante la parità di condizioni, nella quotidianità, su un social network come tra i commenti di un blog, loro sono uomini. E tu, donna, come ti permetti?

Si, tu, donna, come ti permetti? Da dove sei uscita? Cosa vuoi da noi?

E tu donna, si vabbè, il rispetto reciproco, la libertà di espressione (ovviamente nei limiti del buon gusto, della decenza e della moralità della libertà altrui) ma se hai una maglia scollata oppure posti una tua foto a corredo di quello che dici, noi ti si guarda e commenta le tette, non importa quello che volevi dire.

Venitecelo a dire in faccia quello che pensate di noi, guardandoci negli occhi. Adducendo motivazioni adeguate. Spiegate a me, a tutti, uomini e donne all’ascolto, che il fastidio principale è perché siamo donne.

Non nascondiamoci, però, dietro il dito.

Sappi solo, piccolo uomo, che se sei “violento” contro di me o contro un’altra donna con me hai chiuso. IGNORE. HIDE. Se ti ignoro, dimentico e non ti odio. E l’odio è un sentimento, è violenza.
Io violenta non sono. E di provar qualcosa per te, piccolo uomo che non hai il coraggio di dirmi in faccia quello che pensi o che mi leggi in rete e ti scagli contro, sinceramente non ne ho nè tempo nè voglia.

Scritto in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, 25 novembre 2009.
Ripreso oggi in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, 25 novembre 2013.

Pagina 1 di 10012345...102030...Ultima »
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: