Le primarie si possono vincere anche con i social? Numeri di Twitter Primarie Centro Sinistra in Basilicata

Nota originalmente pubblicata su Facebook (a causa di problemi qui sul mio blog che spero si siano risolti con la pulizia di un sospetto codice malware)

Diamo i numeri davvero.
Le si possono vincere con i social?
Forse. Non ho risposte certe, solo numeri, al momento.

Fatto sta che in per le recenti Primarie del i due principali contendenti,
e , entrambi candidati per il Partito Democratico, la battaglia l’hanno giocata anche sui social.

O meglio, Pittella l’ha sicuramente giocata, Lacorazza, invece, li ha praticamente congelati, i social, nella sua campagna elettorale. E così, apparentemente, i suoi elettori.

Piccolo disclaimer: ho dato una mano allo staff Twittante di Marcello Pittella in questa campagna elettorale (si è capito, l’ho anche già detto altrove).

Precisiamo subito che entrambi gestiscono e Facebook (pagina e profilo, almeno) sia personalmente che supportati da uno staff di comunicazione.
Due stili diversi di comunicazione, quasi opposti. Due scelte sensibilmente diverse.

I canali social, infatti, oramai non vanno solo abitati ma anche presidiati. Le persone conversano, le persone ti cercano, chiedono, protestano, supportano, dialogano, messaggiano via social.
Twitter è più immediato, Facebook è il luogo dei contenuti da far circolare, più o meno meditati e argomentati, certo non vincolati ai 140 caratteri. Twitter è la sintesi, un sms che l’utente invia al candidato, un breve richiamo a dove si è, a cosa si sta facendo, a cosa si sta dicendo, il rilancio della stampa che ti riguarda ecc. Facebook è il luogo dove mostrare le foto degli eventi. Ecc.

Pittella e Lacorazza, entrambi muniti di sito istituzionale, da tempo, aggiornato durante la campagna elettorale delle primarie.

Pittella e Lacorazza entrambi muniti di profilo Facebook, pagina Ufficiale (e qualche gruppo curato o meno dallo staff o frutto di iniziative altrui).
E’ sulle pagine che si concentra l’attività della campagna. Più del profilo che comunque viene aggiornato. La Pagina Facebook permette infatti di avere più di 5000 fan, il profilo personale a 5000 si ferma. Entrambi i candidati aprono la partita con numeri più altri, profili e pagine nati in precedenza e non per l’occasione (come di solito accade in politica).

Pittella e Lacorazza, entrambi muniti di profilo Twitter per cinguettare, da tempo.

Diamo i numeri di Twitter. Proviamo ad analizzarli insieme.

Quelli personali, innanzitutto.

Piero Lacorazza:

Immagine 29

3593 Tweet
Segue 885 profili
E’ seguito da 1829 profili

127 Tweet nel mese di settembre 2013

Immagine 28

Marcello Pittella:

Immagine 22

3544 Tweet
Segue 1180 profili
E’ seguito da 1917 profili

Crescita Followers mese di settembre 2013

Immagine 23

838 Tweet nel mese di settembre

Immagine 26

Cosa è successo in termini di followers nell’ultima settimana, quella delle Primarie?

Immagine 25

In tanti hanno deciso di seguire Pittella su Twitter, inferiore il trend di crescita followers di Lacorazza.

Mentre Pittella ha ritenuto opportuno raccontare anche con Twitter la sua campagna elettorale, i suoi spostamenti in camper o meno, cosa succedeva agli eventi, far fare allo staff il livetwitting dagli eventi stessi, rispondere a quanti chiedevano qualcosa, postare link a vari articoli sulle primarie, ai contenuti quotidiani della sua pagina Facebook, alle sue riflessioni, al programma sul sito ecc.

Lacorazza decide praticamente di spegnerlo, Twitter. Mancanza di tempo?
Tweet degli spostamenti del camper o poco più durante la campagna elettorale. Eppure era uno che Twitter lo sapeva usare, hashtag compresi.

Ecco le hashcloud complessive dei due profili Twitter (non solo gli hashtag della campagna elettorale:

Piero Lacorazza ha sempre usato gli hashtag, in diverse occasioni:

Immagine 29

Marcello Pittella ha usato gli hashtag soprattutto a partire dalla campagna elettorale delle Primarie, in un crescendo:

Immagine 27

Entrambi scelgono gli hashtag della Campagna Elettorale.

Per Marcello Pittella #liberaleprimarie

Immagine 5

#liberaleprimarie è stato usato su Twitter 1078 volte. Dal candidato, come filo conduttore e adottato immediatamente anche dai supporters di Pittella.

Come potete notare dal grafico dell’andamento giornaliero, #liberaleprimarie ha tre principali picchi: l’evento di Matera con livetwitting (più di 200), l’evento di Potenza al Don Bosco con livetwitting (oltre 350), la notte delle Primarie con annesso livetwitting (più di 200).

Si aggiungono contenuti provenienti dall’account Instagram che racconta tramite foto, gli eventi e si aggiunge alla conversazione su Twitter.

Unito a #liberalabasilicata, usato solo 77 volte.

Immagine 6

I Tweet contenenti entrambi gli hashtag sono 77.

Immagine 8

A cui dal 22 settembre si aggiunge #pittellapresidente (anche questo hashtag viene adottato immediatamente sai supporters, è oramai chiaro che con Pittella l’hashtag funziona e accompagna le azioni e la partecipazione).

Immagine 7

Già abbondantemente presente su Twitter, 150 volte. hashtag che sicuramente rimarrà quello ufficiale per le Regionali.

Piero Lacorazza lancia invece da subito due hashtag:
#basilicatamigliore twittato 180 volte e #cambiareinsieme twittato 395 volte.

Immagine 9

Un solo picco durante la campagna elettorale che non arriva però neanche a 50 tweet.

Si aggiunge un hashtag, per Piero Lacorazza, creato dagli stessi supporters: #iostoconpiero che conta 11 tweet.

Immagine 10

E che segue lo stesso andamento degli hashtag ufficiali di Lacorazza: la calma piatta.
Su Twitter non accade nulla o quasi che riguarda Lacorazza.

Immagine 11

Non ci sono tweet dai vari appuntamenti del camper, solo qualche foto postata su Facebook.
Non c’è il racconto. E dove non si racconta, la gente non partecipa.

Paragonando #basilicatamigliore #liberalerpimarie #cambiareinsieme nello stesso grafico appare immediatamente agli occhi la differenza numerica.

Immagine 12

Marcello Pittella, il suo hashtag è il più twittato della campagna. Quindi quello che si diffonde di più, che riceve più risposte e retweet anche di critica, certo. Dato di fatto.

Vediamo che dicono i supporters di Lacorazza:

Immagine 13

Dove sono? #iostoconpiero viene usato pochissimo… pochi hanno Twitter tra gli elettori di Lacorazza?

Non credo. I GD lucani, ad esempio, subito dopo il 22 stanno venendo fuori su Twitter con tutta la loro delusione per la sconfitta del candidato che supportavano ma che non ce l’ha fatta.

Perché invece non pensare prima ad usare Twitter per diffondere e promuovere il voto a Lacorazza tra i propri contatti?
Mistero!

E vengono fuori ora urlando #liberamarcello twittato in due giorni 120 volte. Più di quanto in un mese sia stato twittato #iostoconpiero

Immagine 14

Con un picco maggiore rispetto allo stesso #cambiareinsieme che doveva essere l’emblema su Twitter del cambiamento prospettato da Piero Lacorazza.

Immagine 15

E anche rispetto a #basilicatamigliore

Immagine 16

Ben 554 i tweet contenenti entrambi i cognomi Pittella e Lacorazza

Immagine 17

243 invece i tweet che nominano entrambi i candidati alle Primarie con il loro profilo Twitter.

Immagine 18

2355 tweet contenenti solo Pittella e 945 quelli contenenti Lacorazza. Questo dato però non ci serve. Pittella riguarda anche il fratello di Marcello, Gianni, candidato alla Segreteria del . Questo spiega il grande numero.

Immagine 19

1847 hanno fatto reply a @marcepittella, mentre soli 1111 hanno fatto reply a @pierolacorazza

Immagine 20

Reply sta per partecipazione, per gente che ti chiede qualcosa, che ti risponde, che ti sollecita e, perchè no, che ti provoca, su Twitter.

Questi numeri non dicono certo che le elezioni si possono vincere anche con Twitter. Indicano però la partecipazione. Molto chiaramente.

Pittella e il suo staff hanno usato lo strumento social per coinvolgere.
Hanno raccontato senza troppi fronzoli, velocemente, le giornate della campagna elettorale ma soprattutto i contenuti di libertà proposti da Pittella.
Gli elettori hanno risposto, sia online che con il voto.
Hanno partecipato, conversato, mandato messaggi privati, diffuso e ritwittato le frasi di Pittella, il livetwitting, i messaggi positivi dell’evento del Don Bosco, la concitazione dell’arrivo dei dati ai comitati ecc.

Lato Lacorazza, dai numeri e dai grafici la partecipazione non si evince. Scelta?
O semplicemente non aver considerato che nel 2013, smartphone in mano, la gente partecipa e si coinvolge anche così?

Spiace che si siano svegliati solo adesso, gli elettori di Lacorazza su Twitter con #liberamarcello (che, a mio avviso, fa anche gioco a Pittella, lo scopriremo solo vivendo la prossima campagna elettorale!), spiace leggere toni aggressivi. Spiace che il candidato giovane, che ha dimostrato in altre occasioni di usarlo anche bene.

E’ il momento di essere propositivi con il candidato a Presidente del Centro Sinistra e del PD anche su Twitter.

Twitter può essere usato meglio.
E a volte, con Twitter, si vincono le primarie, se lo si annovera tra i luoghi abitati dalla gente.

catepol - Caterina Policaro

My Google Profile+

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere eventuali dati personali che pensi di aver lasciato su questo blog, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi