Mi son fatto Twitter e ora?

Gli amici della real life che si “fanno Twitter”, che tenerezza.

Su Twitter sono arrivati amici, parenti, colleghi, compagni di scuola, persone che conosco con cui nella vita ho preso almeno un caffè insieme, ecc. Mancherebbe solo mia madre, lo dico per dovere di cronaca, aspettando il momento in cui accadrà.

Arrivano, spaesati, catapultati da un Facebook pieno zeppo di roba in bacheca su un sistema completamente diverso, che funziona a messaggi lunghi quanto un SMS.

Un novello iscritto su Twitter, oggi, si presenta così:

– segue massimo una decina di VIP (avrà cominciato con Fiorello, che ora non c’è più, Jovanotti, Arisa, Papaleo e pochi altri volti noti) / non è seguito da nessuno

oppure

– segue un paio di contatti, almeno uno è famoso / non è seguito da nessuno o al massimo è seguito da quel paio di contatti

La loro timeline? Spesso completamente priva di tweet o, al massimo, (se hanno cominciato ad usare Twitter nel periodo compreso tra il programma di Fiorello e Sanremo) tweet di questo genere “@VIPDITURNO sei bellissimo!!”

Ovviamente la foto è un ovetto colorato. C’era da chiederlo?

“Cate mi son messo Twitter da poco sull’iPhone me lo spieghi, per favore, non lo uso ancora molto. Ti posso chiedere come funziona?”

Opzionale un “Tu che sei tecnologica…”

Vado subito a vedere il profilo. Seguo sempre chi conosco, mi fa piacere. E poi son curiosa di vedere che ci fanno, con Twitter.

Il profilo di chi conosco si presenta così:

– seguono massimo una decina di VIP + catepol (se mi trovano loro) / divento la loro prima follower

oppure

– seguono un paio di contatti / divento la loro prima follower / mi ricambiano dopo parecchi giorni e cominciano a seguire me

Ad ogni modo, accade sempre più spesso, davanti a una pizza e una birra come davanti a un caffè, di trovarmi a spiegare Twitter. Mi sembra così strano poter finalmente conversare di Twitter anche con chi non avrei mai pensato.

Le domande del niubbo (che mi sono capitate): “C’è una che mi ha scritto “chi sei?” Sono su Twitter da poco, come faccio a sapere questa chi è?”

Come chi è? Che ne so, hai deciso di seguirla tu…Io? Impossibile…

Vabbè. Spiego come fare reply. Ottengo l’esecuzione del compito.
Reply del mio amico alla tizia: “No ma chi sei tu?”

“Cate come faccio a vedere il profilo di questi che mi seguono per sapere chi sono?” Clicca sulla foto o sul nome, no?

“C’ha la foto di un ovetto, perchè?”
Perchè tu che foto hai, amico? Nessuna. Perfetto, anche tu sei un ovetto.

Ovetto uguale novellino, ultimo arrivato oppure, semplicemente, nessuna voglia/necessità di avere un profilo tuo, una identità digitale riconoscibile.

Twitter non è Facebook, ma almeno la foto su Twitter mettetela.
Regola n. 1 di Twitter: cambia subito l’ovetto!

Ok novellino di Twitter, ora che ce l’hai, per cominciare, trova chi vuoi seguire e comincia a seguirlo.
Oppure cerca qualcosa che ti interessa nel Search, scopri chi ne parla, comincia a seguire chi ritieni interessante in materia. Poi, eventualmente, quando ti senti pronto, comincia a scrivere qualche tweet tuo. Cosa fai? Dove sei? Pensieri carini, frasi simpatiche, quello che vuoi, anche le foto. Qualcuno comincerà a seguirti, se sei interessante a tua volta.
Puoi rispondere ai contatti che segui tu, mandare messaggi privati, dividere i contatti in liste, vedere chi ti risponde, chi ti retwitta. Cose così.

E’ più facile farlo, che spiegarlo. Twitter è così. Entra nel flusso.

Più di una volta mi son sentita dire: “E che ne so chi seguire, ok seguo te” e anche “No, ma io che devo scrivere? E a chi? E perché?”

Ecco, questo è un problema. Twitter non ti serve, allora.

Arriva, infine, il momento fatidico della conversazione su Twitter: “Cate, quanta gente ti segue?”

“Più di 7000???????” Poi svengono.

Twitter è un po’ più complesso di una moda, io ed altri come me lo abitiamo da anni, non serve solo per seguire i VIP o per mandare messaggi ai programmi TV, ci passano le notizie in anteprima a saperle captare, non è una chat ma si può chattare se serve, ci sono relazioni consolidate e altre da scoprire. Questo e tanto altro.

Benvenuti su Twitter! Son sempre qua, disponibile a spiegarti come si fa, in caso. Follow me https://twitter.com/#!/catepol

3 thoughts on “Mi son fatto Twitter e ora?

  • 15/04/2012 at 21:08
    Permalink

    L’ultimo paragrafetto è il più bello e interesante. una scoperta sempre, quando ne hai voglia

    Reply
  • 16/04/2012 at 11:33
    Permalink

    Questo post mi è piaciuto talmente tanto che ho deciso di seguirti su Twitter, qualunque cosa sia. Se del caso posso chiederti qualcosa?

    Reply
  • 16/04/2012 at 14:41
    Permalink

    Ottimo articolo e che dire…un pò mi ci sono ritrovata! io che sono ancora una newbie di Twitter ;-)

    Reply

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: