Quanto ho letto nel 2011?

Ok dato che siamo agli sgoccioli di questo 2011 che se ne va, provo a fare anche un bilancio di un’altra delle mie passioni di sempre: la lettura.

Toglietemi tutto ma non qualcosa da leggere, impazzirei. L’ho sempre saputo, ho sempre letto tantissimo (quando ero “giovane” molto più di ora, forse perchè non avevo internet), letture bulimiche, di tutto di più. Leggo semplicemente perchè mi piace, non saprei come altro esprimerlo. Non esco mai a mani vuote da una libreria, ho casa dei miei piena di libri che prima o poi porterò a casa mia, ho sempre un libro in borsa, da quando ho ipad e iphone ho i vari iBook, Kindle, Stanza e Bluefire pieni di ebook da portarmi in giro, pesano meno del libro in borsa e fanno tanta compagnia.

Regalatemi libri e mi fate contenta. Tanto non ho un genere preferito. Bene la narrativa, ottimi anche i saggi. Basta che il libro mi prenda. Se non mi prende, lo lascio non finito, non lo conteggio nemmeno tra le mie letture. Se non mi piace, invece, lo leggo per vedere dove va a parare ed eventualmente scrivere una recensione di poche parole: non ne vale la pena, ve lo sconsiglio. Se mi piace, lo divoro. Se mi interessa l’argomento, faccio di tutto per trovare il tempo di leggerlo.

Da quando posso avere con me e-book di tutti i tipi soprattutto sull’iphone, sono diventata ancora più compulsiva. Leggo realmente qualunque cosa mi capiti sotto tiro quando ho da passare del tempo, magari aspettando di fare altro o in coda alla posta. O sotto le coperte, la notte quando non prendo sonno. Meglio l’iphone, l’ipad sotto il piumone sono riuscita a darmelo in faccia!

Ho pensato di regalarvi le mie letture 2011 su carta e, con ingresso abbastanza trionfale nelle mie abitudini, in e-book, in questo post.

E’ il secondo anno consecutivo che segno in maniera certosina le mie letture su Anobii

Libri acquistati, libri ricevuti in dono, libri ricevuti e che avrei dovuto recensire, ebook acquistati (ma anche no, a volte si trovano e che fai? Non li accogli anche se non li hai esattamente comprati?). Ognuno inserito nella mia libreria virtuale, con data di inizio e fine lettura. Puntuale, per quanto mi è stato possibile, in modo da avere le mie statistiche di fine anno.

Al momento Anobii mi comunica che nel 2011 ho letto:

(ad oggi 30 dicembre 2011) 65 libri per un totale di 16944 pagine, contro i 46 letti nel 2010. Sono tanti, un lettore forte, italiano, pare ne legga circa 7 massimo 10 l’anno e viene considerato lettore forte.

Io, da brava prof, mi dico “Potevo fare di più!” Proposito per l’anno che viene: leggere di più, leggere meglio, trovare il tempo, ogni giorno per leggere…che fa tanto bene!

Letture di catepol 2011, con minirecensione (anche perchè alcuni me li hanno davvero mandati per recensirli e non ho mai trovato il tempo di farlo)

Cominciamo con un libro scritto da tre amici (ho anche la dedica personale di tutti e tre) e l’ho letto veramente anche se non ci credono.

1. I siti web delle pubbliche amministrazioni di Gianluigi Cogo, Ernesto Belisario, Roberto Scano [ricevuto in dono]

More about I siti web delle pubbliche amministrazioni

La bibbia normativa e non solo per chi si occupa a vario livello dell’implementazione e gestione dei siti web della Pubblica Amministrazione. Accattatevillo! E’ un ottimo manuale, non mi hanno pagato per scriverlo, anche se sono miei amici!

2. Ritratto di gruppo con assenza di Luis Sepulveda [regalo]

Dove saranno finiti quei ragazzini sorridenti immortalati nella foto che fa ritornare l’autore, dopo quattordici anni, in Cile, sulle tracce dei loro destini personali e del Paese? Si legge velocemente. Bravo Sepulveda.

3. I nemici della rete di A. di Corinto e A. Gilioli

Preso come tutti i libri che prendo sulla cultura digitale e il web, per interesse. Lettura scorrevole, certo. Oltre a fotografare il web in Italia e i presunti nemici della rete non offre poi molto. Sinceramente mi aspettavo di più.

4. Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino [e-book]

La storia di Toni Pagoda, cantante neomelodico. Il libro non dispiace.

5. Freakonomics

Interessante anche se non mi occupo di economia. Lo ha comprato husband, infatti. L’ho letto anche io. Un po’ scoordinato come saggio, divertente comunque e di facile lettura. Economia affrontata in modo originale e non convenzionale, ribaltando i luoghi comuni.

6. Gli ingegneri non vivono, funzionano!

Due risate sugli ingegneri (regalato ad husband da me, infatti). Si legge in mezz’ora.

7. Istruzioni per rendersi infelici

Il solo leggerlo mi ha reso infelice. Pensavo meglio. Nulla di che.

8. Io e te di Ammaniti [e-book]

Adolescenza, solitudine, crescita. Mi è piaciuto. Ammaniti non delude.

9. Le Beatrici di Benni

Monologhi, poesie, canzoni al femminile. Tolto qualche brano, non è che sia tutto sto gran che, il libro. Spesa inutile.

10. Accabadora di Michela Murgia

La storia di Maria e Tzia Bonaria, solitudine e unione, forza poetica dell’autrice, l’accabadora, colei che accompagna nell’ultimo viaggio. Bellissimo. Se non l’avete ancora letto, fatelo presto.

11. Il corpo sa tutto della Yoshimoto

Un po’ che non leggevo la Yoshimoto. Ambientato nel Giappone particolare dell’autrice. Distacchi, quotidiano, esotico, personaggi vari. Mi è piaciuto.

12. Next di Baricco

Baricco e la globalizzazione. Nulla di sconvolgente, si legge comunque in fretta.

13. I barbari di Baricco

Baricco e i barbari. Da leggere, si, ma non da aspettarsi chi sa che.

14. Saltatempo di Benni

Con l’orobilogio il ragazzino salta nel tempo e Benni racconta l’Italia che cambia e le trasformazioni. Bello.

15. Togliamo il disturbo di Paola Mastrocola

Non potevo non leggerlo, lavorando nella scuola. Proposte radicali sul sistema educativo. Scuola “tosta” e libertà di non studiare. Studenti che potrebbero o dovrebbero andare a lavorare se non hanno voglia di studiare. Mi è piaciuto e non mi è piaciuto, non ve lo so spiegare. Andava letto.

15. Londra Babilonia di Enrico Franceschini

Amando Londra, non potevo non comprarlo quando l’ho visto. Divertente e d’aiuto per conoscere meglio la città. Contenta d’averlo letto.

16. Social network di Marco Massarotto [mandatomi dall'autore]

More about Social network

Ecco un altro libro di un amico, avrei dovuto recensirlo, Marco perdona il ritardo. Consigliatissima lettura per avere una panoramica esaustiva sul mondo dei social network, quasi un comodo manualetto da tenere a portata di mano. Sono citata e ringraziata anche io, là dentro.

17. Manuale di organizzazione per gente disorganizzata

Strumenti web based, soprattutto google, per organizzarsi e lavorare/vivere gestendo se stessi e le proprie cose al meglio. Pillole di buon senso. Libro che si legge veloce. Se si usano già gli strumenti del web, un po’ ridondante.

18. Bianca come il latte, rossa come il sangue di Alessandro Davenia

Pareri contrastanti su questo autore che di mestiere fa il prof come me. Un sedicenne, il suo prof di filosofia, l’amore adolescenziale, la vita, la morte, i sogni. A me è piaciuto.

19. L’ultima lettera [inviatomi da Mondadori, via Gallizio/Mafe]

More about L'ultima lettera

Seconda guerra mondiale. Bombe che cadono su Londra e Frankie Bard, giovane reporter americana, rischia in prima persona per raccontare il conflitto e portarlo nelle case della gente. Storie e destini che si intrecciano, sullo sfondo l’Europa lacerata da nazismo e bombardamenti e l’America apparentemente al sicuro. Mi è piaciuto tantissimo (pur non amando questo genere di romanzi). Lettura consigliata.

20. Generazione A di Douglas Coupland

Non avevo mai letto nulla di Coupland. L’estinzione delle api nel 2020. I destini di 5 giovani che si intrecciano. Complotti. Non rimane che raccontare storie per salvare il mondo. Molto bello. Mi riprometto di leggere anche Generazione X appena posso.

21. Che la festa cominci di Ammaniti

Ancora una volta Ammaniti non mi delude. Una grandiosa commedia umana nel cuore di Roma. Bello. Consiglio.

22. I segreti di Londra di Corrado Augias

Ancora una lettura su Londra e i suoi segreti. Un po’ lungo ma interessantissimo. Comprensivo di ripasso generale di storia e letteratura inglese. Non potevo chiedere di meglio a questo libro. Voglio leggere anche quelli dedicati a Parigi e New York.

23. Il privilegio di essere una star

Romanzo veloce che racconta il diventare una star da un momento all’altro del protagonista. Divertente lettura. Piacevole.

24. Manuale di comunicazione politica in rete di Stefano Epifani e altri [e-book]

More about Manuale di comunicazione politica in rete

Non potevo non leggere. Un altro libro di un amico. Utile compendio per comprendere come la comunicazione politica possa utilizzare internet, facebook, twitter ecc. Consigliato.

25. Quello che vuole la tecnologia di Kevin Kelly [e-book]

La storia della tecnologia vista come organismo vivente e in continua evoluzione Utile saggio per capire dove potranno dirigersi le tecnologie attuali e quelle del prossimo futuro. Lettura interessante.

26. Educare ai tempi di Internet. Imparare, proporre e crescere nella rete [Prestatomi]

Piccolo testo sugli aspetti sociali e pedagogici dell’utilizzo dei mezzi di comunicazione, poco però su potenzialità e rischi. Lettura piacevole e doverosa, per me che mi occupo di queste cose.

27. Facciamolo a skuola

Adolescenti, web, sesso, problematiche correlate tratte da storie vere. Lavorando tra gli adolescenti non possiamo far finta di non sapere che queste cose accadono. Per prevenirle, educare, aiutare. Lettura utile per comprendere il fenomeno.

28. Il corpo delle donne di Lorella Zanardo

Volevo leggerlo da un po’. Come viene trattata la donna e il suo corpo dai media e dalla comunicazione. Utile per riflettere, comprendere, capire. Ottima lettura.

29. Marketing per tutte le tasche per Rookies

Vabbè, marketing for dummies che non ne sentivo il bisogno. Sai quei libri che non sai nemmeno perchè li hai comprati? Ecco.

30. Ancora dalla parte delle bambine della Lipperini

Anche questo è un libro che volevo leggere da tanto. Il mondo delle nuove bambine nella società italiana. Da conoscere.

31. Milionari in 2 anni e 7 mesi [libri che compra husband]

No, se fossimo diventati miliardari dopo la lettura del libro, non starei qui a scrivere sul blog ma su una spiaggia tropicale a prender eil sole. Scherzi a parte. Classico manualetto senza pretese per gestire le proprie finanze. Qualche consiglio utile, niete di eccezionale.

32. Sii bella e stai zitta

Ancora sulle donne. Non so perchè questa estate mi sia presa la smania di approfondire il discorso sulle donne. Lettura comunque gradevole e relative riflessioni sull’identità della donna contemporanea.

33. Twitter e le rivoluzioni di Giovanna Loccatelli

La primavera araba e l’importanza di una rivoluzione che fa uso di ciò che la rete mette a disposizione. Twitter, Facebook, Youtube, Skype, Flickr, parecchi blog, il network televisivo Al Jazeera ecc. Ho conosciuto anche l’autrice, venuta a presentarlo a Potenza. Peccato per i troppi refusi che contiene.

34. Non è un paese per vecchie della Lipperini

Ancora la Lipperini, letta per necessità di completare il quadro sul femminile e sulla discriminazione di genere e anagrafica cominciato con l’altro suo testo.

35. Il teorema del pappagallo

Questo è un romanzo che parla di matematica. Anzi è la storia della matematica romanzata. Libro che avevamo perso sulla RER di Parigi anni fa. Libro ricomprato. Libro di husband, appassionato di matematica, che non ha finito di leggere. Letto invece per intero da me, che di matematica ne capisco poco. Bellissimo. Mi è piaciuto tanto, ho capito tante cose. Consiglio.

36. Cambiare pagina

Nuovi media, cambiamento, comunicazione, informazione nellera di internet. lettura consigliata.

37. Il cervello delle donne

Pare che il cervello di uomini e donne sia diverso. Spunti di riflessione di una neuropsichiatra. Interessante.

38. Il quaderno nero dell’amore

“Ogni atto sessuale svolto dai 3 partecipanti dovrà essere riportato su questo quaderno” recita la prima regola del Quaderno nero. Vabbè, un libretto pagato 2 soldi da cui non pretendevo nulla. A volte squallido, a volte troppo esagerato. Niente di che.

39. Riportando tutto a casa di Nicola Lagioia

Ho avuto modo di lavorare su un progetto e di conoscere di persona Nicola lo scorso anno. Non potevo non leggerlo, grande era la curiosità. Non mi ha deluso. Bellissimo romanzo su Bari, gli anni 80 e il metterci vent’anni per capire come stanno veramente le cose. Consigliatissimo.

40. Studio illegale di Duchesne [e-book]

Libro tratto da un blog. Divertente.

41. Ave Mary di Michela Murgia [e-book]

Contrariamente ad Accabadora di cui ho parlato benissimo più su, ecco, Ave Mary invece non mi è piaciuto per niente. Probabilmente non ero proprio in sintonia con l’argomento (strano, ma sarà così)

42. School rocks! La scuola spacca di Antonio Incorvaia [libro inviatomi dall'editore]

More about School rocks! La scuola spacca

Approccio informale, anticonformismo sui banchi di scuola. Gli autori propongono nuovi modi per avvicinarsi alla cultura e all’apprendimento. Un mix di cultura, saperi, riferimenti musicali e non solo attuali e proposte. Interessante.

43. Mia suocera beve di Diego De Silva [e-book]

L’avvocato Malinconico, il sequestro di persona in un supermercato, ecc. Carino. Si legge veloce. Non ho letto il precedente per giudicare con completezza storia e personaggio.

44. Il profumo delle foglie di limone [e-book]

Libro molto scorrevole sull’orrore nazista rivissuto tanti anni dopo sulla Costa Brava nelle relazioni tra Sandra, Julian scampato al campo di concentramento di Mathausen e i coniugi Christensen. Nulla di particolare, mi è piaciuto leggerlo.

45. La compagna di scuola di Madeleine Wickham (nome vero di Sophie Kinsella) [e-book]

L’amicizia tra tre donne messa alla prova da una vecchia compagna di scuola che aveva di che vendicarsi. Dite quello che volete, a me la Kinsella piace. Si legge piacevolmente e velocemente.

46. 101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia almeno una volta nella vita

Utile da tenere in macchina quando siamo in giro per ricordarsi di vedere, fare, visitare luoghi che meritano un passaggio almeno una volta nella vita. Non pensavo e invece, grande spazio alla Basilicata. Così, per la cronaca.

47. Cosa tiene accese le stelle di Mario Calabresi [e-book]

Scrittura semplice e lineare, Calabresi ci racconta l’ottimismo e le storie di uomini e donne del nostro paese. Piacevole lettura.

48. Leggere di Augias [e-book]

Libretto sul leggere e il piacere di farlo. Non potevo non leggerlo…no?

49. Destino coatto [e-book]

Una serie di deliri di persone comuni. Racconti non tutti allo stesso livello, comunque carini.

50. Steve Jobs [e-book

Non mi sparate ma devo dirlo. Meno male che questo e-book non l’ho pagato. Non ne vale davvero la pena spenderci i soldi per leggere più di 600 pagine di biografia di Steve Jobs di cui si salva solo la prima parte, direi. Non che sia scritto male, infatti sono arrivata fino alla fine. Solo che di Jobs e del suo presunto mito apprendiamo che era un tipo sui generis, che non si lavava, che mangiava malissimo, che aveva una personalità border line. Che ha fatto i miliardi con le sue innovazioni. Nulla che non si sapesse, insomma. Andava letto e l’ho letto. Come tutti gli utenti Mac di questo mondo.

51. Popstar della cultura [e-book]

Come e perchè alcune persone diventano icone del mondo dello spettacolo, della musica e della cultura. Interessante tentativo di minimizzare alcuni personaggi popolari del nostro tempo.

52. Mr Gwyn di Baricco [e-book]

Anche qui, non sarete daccordo, ma a me la storia dei ritratti dello scrittore Mr. Gwyn è piaciuta tanto. Un libro sulle storie e sulle persone. Consiglio di leggerlo.

53. Per chi suona la campanella di E. Ferretti @scrip

Libretto di un prof blogger raccontato di 140 caratteri in 140 caratteri. Piacevole lettura di una mezz’oretta ben spesa. Divertente.

54. Metropoli per principianti di Biondillo

Biondillo l’architetto scrittore sul rapporto paesaggio – architettura, uno spaccato dell’Italia e delle sue città. Carino e si legge anche se non si capisce niente d’architettura.

55. Il Grande Elenco Telefonico della Terra e pianeti limitrofi (Giove escluso) [e-book]

E-book capitatomi “per caso” tra le mani. Avevo da passare un’oretta e non avevo campo per navigare su iphone, per cui ho aperto uno dei miei ebook reader. Come ho scritto su Anobii: una grande vaccata. Sono arrivata alla fine solo per vedere dove andava a parare. Tempo veramente perso.

56. Anima e iPad. Rivelazioni filosofiche [e-book]

Un libro di filosofia. La lettura richiede un po’ di impegno. Scrittura come memoria. Scrittura fuori e dentro la mente. Spunti interessanti.

57. Dai diamanti non nasce niente di Serena Dandini [e-book]

Non pensavo che la passione della Dandini per piante e fiori mi potesse interessare. Eppure il libro si legge con facilità e vi devo dire che è anche carino e interessante. Anche per me che non ho esattamente un pollice verde.

58. Piccoli uomini di Lidia Ravera [e-book]

Uomini dell’italia moderna ritratti dalla Ravera come se fossero donne. Piacevole lettura, mai banale.

59. Vacanze in villa della Kinsella col suo vero nome [e-book]

Ripeto: a me la Kinsella piace. Fine recensione. Storia piacevole e scorrevole come al solito.

60. Ho il tuo numero di Sophie Kinsella

L’ho già detto che la Kinsella mi piace? Questa è la storia, anzi il delirio di telefonini perduti, di telefonini ritrovati, di matrimoni da fare, di matrimoni saltati. Molto carina.

61. 1Q84 [e-book]

Corposissimo. Haruki Murakami non lo conoscevo ma ne avevo sentito parlare. 700 e passa pagine lette in due giorni. Si legge e ti cattura, vuoi sapere come va a finire l’intreccio di storie tra Tengo, Aomame,le loro vite presenti e passate, l’autrice 17enne, la crisalide d’aria, i little people che non si capisce cosa siano ecc. Il 1984 diventa 1Q84 dove tutto non è come sembra o forse lo è di più.
Certo, fino a che non esce in Italia il libro terzo la storia rimane sospesa. Intanto mi leggo, magari, quello che non ho letto dell’autore e del suo Giappone. Consiglio.

62. 101 stronzate a cui abbiamo creduto tutti almeno una volta nella vita [e-book]

In pratica bufale e affini. Lettura divertente. Ci si mette poco a finirlo.

Ok. Me ne sono persa qualcuno. I conti di lettura non tornano. Cercateli sul mio Anobii. Facciamo tutti prima.

Non credo di finire tra oggi e domani i libri che ho cominciato. Chiudo qui la statistica di lettura 2011. Se ne parla nel 2012.
Buona lettura a tutti.

One thought on “Quanto ho letto nel 2011?

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: