Son ragazzi?

Letture che vi suggerisco e che mi appunto: Luca, Mariangela (anche su Friendfeed), Gigi, l’articolo del NYTimes da cui si parte…

Argomento: cosiddetti “”, da , , scuola, consapevolezza, autorevolezza dei , saper cercare, saper trovare, l’importanza delle fonti nel tutto scorrere del web, insegnamento…

, i nostri ragazzi?

Non ne avrei scritto tante volte, se così non fosse: http://tiny.cc/copiare (clicca e guarda quanti post ho dedicato al “copiare” con le ).

E’ un problema educativo serio, come potete leggere. Problema che non si risolve vietando o punendo.

Loro, i ragazzi, usano le tecnologie e basta. Usano quello che hanno disponibile, fanno i furbi perchè non hanno interlocutori che parlano la stessa lingua, che usano gli stessi device, che sanno cosa ci si può fare e cosa non ci si può fare…

Un po’ quello che raccontavo a Bari:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Tocca a noi prof. Tocca a noi educare anche a questo, alla cittadinanza digitale.

Ribaltiamo un attimo la prospettiva: e se noi docenti arrivassimo in classe dando REGOLETTE d’uso delle tecnologie e di internet nella quotidiana, nel metodo di studio ecc? Regolette molto chiare per gli studenti, del tipo prendi pure le informazioni da internet per l’argomento da studiare ma…

a) verifica le fonti e obbligatoriamente inseriscile, mi devi dire dove l’hai preso e chi ne ha parlato prima di te,

b) non copiarla tale e quale spacciandola per tua, a me, prof, basta metter la prima frase su google per dirti la fonte esatta,

c) obbligatoriamente riscrivi a parole tue (possibilmente sul quaderno e senza l’uso di correttore ortografico, non stampare, risparmiamo alberi, non abbattiamo foreste per stampare pezzi di Wikipedia)

d) obbligatoriamente ripeti oralmente cosa hai capito, a parole tue. Commenta, esprimi il tuo parere, fammi capire che hai capito.

Regolette banali. Potrei suggerirne altre, magari ne scriverò in maniera più approfondita. Questo post è solo un prendere appunti e spunti per riflettere.

Regolette che non mi vengono in mente in quanto esperta di tecnologie e didattica. Regolette nemmeno tanto difficili da adottare come strategia didattica. E’ solo un mix di buon senso e didattica tradizionale, se ci pensiamo: ti insegno ad usare la tua testa. Esattamente, e solo, il compito educativo di ogni docente che si rispetti.

Sai come rimangono stravolti gli studenti quando parli la loro lingua e parli delle cose che fanno loro?
Sai come dovrebbero poi impegnarsi a trovare nuovi modi di farla franca o di farla facile…

Sai come comincerebbero ad usare la loro testa un po’ più attivamente?

Occorre formare i docenti, i genitori e i ragazzi con azioni sinergiche e non dispersive. Unica soluzione percorribile.

catepol - Caterina Policaro

My Google Profile+

2 pensieri riguardo “Son ragazzi?

  • 04/08/2010 in 16:41
    Permalink

    Si vabbè, ma tu sei la gura della materia 🙂
    p.s. Non ti dico lo sforzo che faccio con Riccardino per fargli aprire l’enciclopedia di carta! Terribile.

    Risposta
  • 04/08/2010 in 16:45
    Permalink

    immagino (lo vedo ogni giorno a scuola…e son pure più grandi i miei studenti)

    Risposta

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere eventuali dati personali che pensi di aver lasciato su questo blog, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi