Non ruberesti mai le tracce alla maturità…

Una iniziativa di skuola.net e della Polizia di Stato per prevenire e combattere le varie bufale che circolano in internet in occasione degli esami di stato.

No, le tracce della maturità non si trovano su internet e la fuga di notizie dal Ministero è praticamente impossibile.

No, le tracce dei temi non le danno uguali nelle scuole italiane in Australia, 10 ore prima.

No, nessuno può vendervi le vere tracce degli esami di stato prima.

Il video smentisce con ironia le principali leggende metropolitane che ruotano attorno all’esame di maturità e invita, attraverso l’appello della Polizia di Stato, a diffidare da chi dichiara di conoscere in anticipo le tracce d’esame.

La polizia postale e delle comunicazioni, oltre ad effettuare una capillare attività di monitoraggio della rete prima e durante gli esami di stato, ha messo a disposizione anche l’email polizia.comunicazioni@interno.it per eventuali segnalazioni.

La fuga di notizie ci sarà comunque, come sempre, subito dopo l’apertura dei plichi, il 22 mattina, secondo me. Quest’anno più che mai immediatamente viste le tecnologie disponibili.

Il consiglio è questo: non perdete tempo cari studenti a cercare le tracce online prima delle prove. Non solo non le troverete, ma perdete solo tempo utile tolto allo studio.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: