Misure straordinarie per i precari della scuola

Si è svolto il 3 settembre 2009  il previsto incontro sulle misure straordinarie per i non riconfermati.

L’Amministrazione sta lavorando, a partire dalle norme di tipo legislativo portate all’esame del Consiglio dei Ministri per fornire la necessaria copertura di legge gli atti amministrativi cui sarà affidata la definizione di regole e procedure di gestione dei cosiddetti “”.

Riassumendo, se sei:

-iscritto/a nelle graduatorie ad esaurimento (docenti) o permanenti (ata),

– stato/a titolari di una supplenza annuale o fino al 30 giugno nell’anno scolastico 2008/09

– e non hai ottenuto analogo contratto nell’annoscolastico appena avviato 2009/10

Avrai:

– riconoscimento di una precedenza nel conferimento delle brevi,

– modalità più fluide e veloci di accesso al trattamento di per i periodi non lavorati,

– verrà comunque riconosciuta, ai fini giuridici, la valutazione dell’intero anno ai fini dell’aggiornamento dei punteggi nelle graduatorie, a prescindere dalle supplenze effettivamente svolte.

Per la gestione dei trattamenti di disoccupazione, è stata sottoscritta un’apposita convenzione con l’INPS: con essa si prevede la costituzione di una specifica banca dati su cui le scuole potranno operare consentendo la sistematica e puntuale rilevazione dello stato di occupazione o disoccupazione dei singoli lavoratori, liberati così dall’obbligo di provvedere personalmente alle relative istanze. In tal modo si renderà più tempestiva l’erogazione dell’indennità di disoccupazione spettante per i periodi non lavorati.

Nella giornata di lunedì avrà luogo un ultimo incontro tecnico fra MIUR e INPS per la definitiva messa a punto delle procedure che regoleranno il flusso di informazioni tra scuole e banca dati.

Il MIUR ha nel frattempo avviato momenti di confronto con gli UU.SS.RR. delle in cui sono state sottoscritti o sono in via di definizione accordi che destinano risorse aggiuntive, rese disponibili dalla Regione, finalizzate ad interventi di sostegno e ampliamento dell’offerta formativa.

Ad oggi le regioni interessate sono Campania, Sardegna, Sicilia, Puglia, Marche, Lombardia, Calabria.

A quanto sentito per bocca del mio Preside, la Regione Basilicata sta sicuramente già lavorando al momento su progetti di questo tipo, o di alternanza -lavoro, nei quali i precari o perdenti posto della verranno utilizzati in via prioritaria con di collaborazione.

Per cui consiglio di verificare cosa attuerà la propria Regione in merito.

(fonte della notizia: Segretario Regionale Cisl Scuola Calabria)

catepol - Caterina Policaro

My Google Profile+

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere eventuali dati personali che pensi di aver lasciato su questo blog, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi