buone cause, cronacatepol, Foto, Lavoro, odi et amo, parolando, personale, Riflessioni, social, teaching and learning, varie ed eventuali, Viaggi

Oggi ho fatto il miele (non si finisce mai di imparare)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Oggi sono andata a fare il miele. Cioè non è che proprio l’ho fatto io. Siamo andati ad imparare come si fa.

Io accompagnavo i ragazzi.

(Apro parentesi personale. Un’accompagnatura che m’ha fatto pure arrabbiare. Questioni di permessi, autorizzazzioni, progetti gestiti all’acqua di rosa. Boccaccia mia statti zitta. E’ che quando sei abituata a coordinare tu le cose, pretendi dagli altri lo stesso rigore e conoscenza delle procedure. Anche perchè la scuola è cosa seria e le responsabilità coi minori anche, a maggior ragione con questi ragazzi un po’ più speciali degli altri. Boccaccia mia però statti zitta, non conosci il nuovo ambiente scolastico in cui ti trovi, sei l’ultima arrivata, sei di passaggio e soprattutto non coordini tu, sei solo parte della truppa, anonimamente e senza ruolo, parte della truppa. Chiudo parentesi personale.)

Scusate la divagazione.

Dicevamo, oggi abbiamo fatto il miele. Miele biologico. L’azienda che ci ha ospitati ha un sito http://www.mielevaccaro.it/ (no, non mi paga per far pubblicità sul blog, solo che fanno miele biologico e anche buono e meritano un link).

Cose che ho imparato oggi:

– per fare il miele non basta portare le arnie con le api in mezzo alla fioritura e aspettare. Tanto le api fanno tutto loro.

– per fare il miele ci vuole tanta pazienza

– le api non attaccano, le api sono pacifiche, le api sono buone (Sarà, ma la mia paura, la mia fottutissima paura irrazionale ogni tanto prendeva il sopravvento. Però son stata là, ho cercato di vincerla con la ragione e facendo foto.)

– la cera, quella che stacchi col miele sopra è ottima per le gengive. Ne mastichi un po’, succhi il miele, poi la cera la sputi. Però intanto hai disinfettato le gengive.

– il propoli fa tanto bene, però macchia. Inesorabilmente macchia. Altro non è che il disinfettante con cui le api disinfettano il legno dove ci sono le celle del miele.

– col propoli si ottiene un concentrato utilissimo per disinfettare il cavo orale, bastano poche gocce.

– gli esagoni delle celle, perfetti, son fatti da due api. E’ una questione di zampe e peso.

– se il miele è troppo dolce è perchè gli apicoltori danno acqua e zucchero alle api. E questo non si deve fare. Le api devono produrre il nettare dai fiori non dall’acqua e zucchero.

– per sapere quanto zucchero c’è nel miele basta riscaldare il cucchiaino pieno di miele da sotto con un accendino, il miele si scioglie, lo zucchero resta. Più ce n’è, più le api son state nutrite ad acqua e zucchero. E questo non si fa.

– ogni miele fatto da fiori diversi ha proprietà, sapore, odore, colore diverso.

– il miele fa tanto bene, consigliabile prenderlo spesso.

– se il miele cristallizza è per il freddo. Per riportarlo allo stato liquido basta riscaldare il vasetto a bagno maria. Se il miele cristallizza è perchè non è stato sottoposto prima a processi di riscaldamento, per cui è il più naturale. Se rimane liquido, ha subito processo di riscaldamento nelle fasi di produzione

– le api mi fanno sempre paura, ma da oggi mi stanno un po’ più simpatiche.

– per quanto mi possa arrabbiare per certe cose, quello che ho fatto oggi non è stata solo una buona azione, umanamente parlando son stata bene. E non pensavo.

– non sono solo le api a farmi paura, anche alcune situazioni. Quelle che non conosco, quelle che penso di non saper gestire. Poi basta sorridere, smontare le sovrastrutture che hai in testa, partecipare, gioire di piccole gioie e vedi la situazione da una prospettiva che non pensavi d’avere.

Bè godetevi le foto va…

One thought on “Oggi ho fatto il miele (non si finisce mai di imparare)

  1. Bel post 🙂
    Le api non mi hanno mai fatto paura, sono brave e simpatiche. Nemmeno le vespe mi hanno mai fatto paura, ma come sia mi hanno sempre punto, le api mai.
    Comunque, alla fine la cosa più bella è quella che davvero non si finisce mai d’imparare (e il relativo senso di meraviglia).

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. <br>Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi