Blogosfera, Blogstar, buone cause, Catepol, cazzeggiando, condivido link, leggo e condivido, Look, parolando, social, Social Network, Twitter, Web 2.0 e tecnologie

Different Types of Twitterers – Tipologie di Twitters

Una blogger israeliana a cui è stato chiesto di rispondere riguardo a Twitter soprattutto pensando a come viene utilizzato. Le risposte date da Ayelet ci fanno proprio pensare che tutto il mondo è paese. Infatti l’uso di Twitter non è sicuramente differente da quello che altri utenti fanno in altre parti del mondo, nonostante al microcamp si sia messo in evidenza l’uso stupido di Twitter che noi italiani faremmo rispetto al resto del mondo.

Invece i comportamenti sono molto simili, tutto su Twitter accade e si diffonde con una crescita rapidissima e i comportamenti degli utenti sono ascrivibili in categorie che puntualmente poi non corrispondono all’uso che se ne fa, perchè è sempre personale (ecco perchè tutti i tentativi di scrivere regole d’uso sono andati miseramente falliti o quasi).

Vediamo secondo la Blonde 2.0 quali sono le personalità emergenti su Twitter (e vediamo chi si riconosce in chi, tra noi):

1) The overzealous twittererIl twitter zelante. Questa tipologia di twitter ti fa sapere in ogni istante esattamente quello che sta facendo dovunque si trovi – anche se la sua vita ordinaria non si può esattamente definire mondana al punto da essere davvero interessati alla sua colazione piuttosto che alla sua doccia mattutina. Messaggi tipo: “Sto mangiando un ottimo sandwich” oppure “sto guidando” asono tipici di questa tipologia di twitter.

2) The networking twittererIl Twitter 2.0. Questo tipo di twitterer posta solo messaggi che fanno vedere a tutti i suoi contatti che personaggio 2.0 è e quanto è connesso, invitato a party fighi o barcamp VIP, convegni ed eventi only posts messages which show everyone else how well connected he is. Messaggi quali: “Rientro or ora dal fighissimo e prestigiosissimo Joost party” oppure “rientrato stanchissimo ma felice da un meeting per pochi eletti della blogosfera con Mike Arrington” (lascio volutamente i riferimenti stranieri, ma vi sarà facile associare qualcuno italiano in questa tipologia). Sono tipici di questa tipologia di Twitters così come è tipico anche il fatto che con un twit ti rimanderà sul suo Flickr account per vedere le stra mega stupende foto scattate con il suo super obiettivo ai suoi prestigiosissimi amici 2.0.

3) The self promoting twittererL’autoreferenzialissimo. Questo tipo di twitters manda twit riguardanti solo i link ai suoi ultimi post sul suo meraviglioso blog oppure i link ai post in cui altri blogger scrivono di lui/lei. Messaggi contenenti link al proprio blog o a blog in cui si parla di lui/lei (interviste, citazioni, riferimenti, basta che se ne parli) sono tipici di questa tipologia di utenti.

4) The weatherman twittererIl metereologo. Questo twitterer ti permette di conoscere in ogni istante che tempo fa nella sua zona, nella sua città o nei posti in cui si trova a passare per viaggio o per lavoro. Messaggi tipo: “Giornata umida e calda oggi oppure “Sta per piovere. Nuovoloni neri in vista”, sono la principale caratteristica di questa tipologia di Twitter.

5) The TwittyTunes twitterer – Anche quando non si ricorda di avere mai attivato TwittyTunes, questo twitterer deve farci sapere che musica ascolta ogni singolo istante del giorno. E’ una tipologia che si riconosce facilmente. I suoi messaggi di solito cominciano con “I’m listenin’ to….”

E poi ci siamo noi, il resto della twittosfera, vari twitterers ognuno con una sua caratteristica. Che non ci riconosciamo in nessuna di queste tipologie perchè siamo un mix di tutte e anche molto di più. Io sicuramente ho una categoria tutta mia.

Vogliamo provare ad aggiungere categorie di Twitters e relativa descrizione nei commenti?

Chi risponde verrà aggiunto nel post (e ovviamente linkato – ed essere linkati da catepol ha un suo perchè no?) Forza! Conto su di voi

Categories UPDATE:

The travellers – I viaggiatori. Ci sono quelli perennemente in viaggio. Twittano dalle hall degli aeroporti, dai treni, dai traghetti, dai ristoranti di città lontane (ci dicono le specialità che hanno nel piatto) dove stanno per entrare in riunioni fondamentali. Twittano dai taxi e anche mentre sono in coda per l’imbarco o per lanciarsi col paracadute. Mezz’ora prima sono davanti a un conferenziere a Orvieto, un’ora dopo sono su un Eurostar in ritardo per Lubecca. Resta da capire, per dirla col babbo di Sordi in “Un’Americano a Roma”, ‘NDO VANNO? CHE FANNO? VOIO SAPE’ CHE FFANNO TUTTO ER GIORNO!”  (Roberto Grassilli)

The Mooders – Solo stati d’animo. Ci sono alcuni che fanno un uso incomprensibile, o quasi, dello strumento. Una specie di BeeMood: appaiono dei twit che parlano dello stato d’animo o di frasi che non sempre sono comprensibili a tutti perchè frammenti di pensiero o di discorsi.

The TwitNews. Quelli che vengono utilizzati dalle redazioni, come SKYYG24, NY TIMES etc. comodi, utili e decisamente interessanti. (Francesca Ferrara)

Twitterealfriends: ovvero twitter in sostituzione degli sms e di msn. E’ la tipologia di twitterer che ha in lista gli amici 1.0, vuole essere informato sulle loro attività e può farlo con “discrezione” 2.0 seguendoli da lontano.

Newstwitterer: il twitterer che preferisce twitter per tenersi informato su argomenti racchiusi all’interno della sua sfera di salienza senza utilizzare i feed rss (altresì detto twittererpigro)

Snooptwitterer: il twitterer che cerca di approcciarsi “a nuove forme di comunicazione”, altresì detto twitterervorreimanonposso che sfrutta gli interessi e le arguzie altrui per curiosare nei loro pubblici interessi e trovare nuovi spunti con cui bullarsi in ufficio con i colleghi (da sottolineare che la tipologia snooptwitterer non potrebbe esistere senza il twitter 2.0) (by capitano)

Catepol ha la categoria non citata (sennò poi si litiga) dei SuperEgo Twitters :p
Sono quelli che parlano di sé come IL RE o LA REGINA. Mediamente più chiacchieroni degli altri hanno il pregio di sentire la responsabilità della loro carica quindi a volte studiano anche cose Molto Intelligenti da dire o da fare e i post dei loro blog molto spesso servono davvero a qualcosa.

Io mi sa che sono certamente un “self promoting twitterer“. Quindi leggete il mio blog dedicato alla corsa, http://running.menstyle.it oppure visitate il mio sito http://www.supersalute.com – ok ok, la smetto, dai Catepol non fare quella faccia: scherzavo no? (Morello…il link se l’è messo da solo)

The unaware misunderstoods “gli inconsapevoli incompresi” : chi crede di usare twitter così come msn e non vedendosi rispondere si sente incompreso o comunque poco interessante. (Pensieri Personali)

Il twitter impegnato (direi I’mWorking-twitter), quello che scrive poco, e quando scrive dice che sta lavorando. (Miketrevis)

26 thoughts on “Different Types of Twitterers – Tipologie di Twitters

  1. Io mi auto categorizzerei in “tecnico e personale”.
    A volte twitto di cose tecniche (nel mio caso VoIP DSL e affini) e altre volte di fatti personali, qualche volta legati al mondo dei computer ma spesso no.

  2. scherzi a parte … io lo uso (poco in questo periodo) come strumento personale per poter interagire con gli altri … anche se lo trovo un po limitativo per organizzare ma su questo fattore sono di parte 😛 😛 😛

  3. Sono di tutto un po’ (esclusi i punti 1 e 5: non credo di fare le cose normali in maniera speciale e la musica per me è un fatto emotivo e personale).
    Di tutto un po’ significa fare networking? Se sì, allora è quello che faccio io. Mi tengo in contatto, saluto persone, commento quello che stanno facendo, mi tengo informata sulle ultime novità o sulle  vicende personali (non mancano i twitters che parlano dei loro problemi di cuore o di salute), magari postando piccoli messaggi di incoraggiamento. E cazzeggio di tanto in tanto: sennò che gusto c’é?

  4. ci sono quelli perennemente in viaggio. Twittano dalle hall degli aeroporti, dai treni, dai traghetti, dai ristoranti di città lontane (ci dicono le specialità che hanno nel piatto) dove stanno per entrare in riunioni fondamentali. Twittano dai taxi e anche mentre sono in coda per l’imbarco o per lanciarsi col paracadute. Mezz’ora prima sono davanti a un conferenziere a Orvieto, un’ora dopo sono su un Eurostar in ritardo per Lubecca. Resta da capire, per dirla col babbo di Sordi in “Un’Americano a Roma”, ‘NDO VANNO? CHE FANNO? VOIO SAPE’ CHE FFANNO TUTTO ER GIORNO!”  .  Ciao  😉

  5. Penso che sia difficile che qualcuno si ritrovi in un singolo ruolo: se escludiamo le API e i bot, penso di utilizzarlo per ognuna delle attività elencate! 😉

  6. io lo uso soprattutto per:
     
     
    1) convocare incontri nel mondo reale, specialmente se decisi all’ultimo momento (es: twitteritivi, o concerti jazz ai quali andrei comunque, anche da solo)
     
    2) annunciare la pubblicazione di qualcosa sul web, con tinyurl, e suscitare commenti o altre forme di partecipazione
     
     
    a

  7. ottimo! e grazie sia per le nuove categorie che per la descrizione del vostro uso di twitter. Continuate pure. Attenzione: se producete NUOVE CATEGORIE le aggiungo e le linko (poi magari stasera vi linko tutti)

  8. io lo uso principalmente per sapere come stanno le persone a cui tengo. E poi per avere notizie dalle altre 289. 😀
    Quello che scrivo invece è un misto tra stupidate, risposte a twitt interessanti e sana socializzazione.
    Non mi riconosco in nessuno degli standard precedenti, e mi sarei preoccupato del contrario.

  9. Penso di essere una twitter di una categoria non indicata ma che ha diversi utenti;
    Twitto quando sono in ufficio (al pc), dicendo cosa mi succede, cosa mi fa gioire e innervosire, rispondo ai twitt di chi seguo esprimendo la mia opinione. Spammo i link delle foto che aggiungo su Flickr, raramente quelli del mio (neonato) Blog.
    Raramente twitto nel week end, poichè twitto solo dal pc, non dal cell, quindi se non sono al computer, non twitto cosa sto facendo.
    Lo uso più che altro con la funzione di distrarmi, e devo dire che col tempo mi sono proprio affezzionata a qualche contatto che followo.
    Partecipo volentieri a commenti di blog di chi seguo, come in questo caso, e spero di essere stata utile!
    Buonagiornata! 😉

  10. ho un paio di twitterersinottici da suggerire:

    twitterealfriends: ovvero twitter in sostituzione degli sms e di msn. è la tipologia di twitterer che ha in lista gli amici 1.0, vuole essere informato sulle loro attività e può farlo con “discrezione” 2.0 seguendoli da lontano.

    newstwitterer: il twitterer che preferisce twitter per tenersi informato su argomenti racchiusi all’interno della sua sfera di salienza senza utilizzare i feed rss (altresì detto twittererpigro)

    snooptwitterer: il twitterer che cerca di approcciarsi “a nuove forme di comunicazione”, altresì detto twitterervorreimanonposso che sfrutta gli interessi e le arguzie altrui per curiosare nei loro pubblici interessi e trovare nuovi spunti con cui bullarsi in ufficio con i colleghi (da sottolineare che la tipologia snooptwitterer non potrebbe esistere senza il twitter 2.0)

    .. per il momento è tutto, se me ne vengono in mente altri li aggiungo 😉

  11. argh! finchè scrivevo il commento francesca ferrara ha piazzato anche lei i newstwitter.. saranno due varianti della stessa specie? 😀

  12. io uso twitter soprattutto per segnalare link che mi sembrano interessanti anche per gli altri,
    inoltre mi piace rispondere ai twitt delle persone che seguo, mi affaccio su twitter soprattutto mentre lavoro, per staccare un pò, e infatti twitto poco nel fine settimana.
    twitto soprattutto in modo semi-automatico: ho collegato google feed reader a twitter via twitterfeed e appena trovo un post interessante mi basta cliccare su condividi.
    Così facendo ho scoperto una cosa interessante: mi ringraziano in molti ritenendomi l’autrice di quei post, e il fatto che lo diano per scontato mi fa pensare che siano in molti a usare twitter solo per segnalare la propria “roba”…

  13. Io sono italiano ma scrivo su Twitter solo in pessimo inglese e solo per questioni inerenti uno specifico argomento; analogamente seguo quasi solo persone che prevalentemente parlano del medesimo argomento (ovvero Second Life).

    Da qualche tempo comunque uso FriendFeed anche per Twitter.

    PS – mi scuso se questo commento dovesse apparire due volte

  14. io invece sono una che vive attraverso i vostri twit e li condivido con i miei twitteri inglesi. Vivo vicariamente attraverso voi perché, in realtà, vorrei essere lì, non qui. Hmmm, sono un sanguisuga (a leech)? ;D

  15. Catepol ha la categoria non citata (sennò poi si litiga) dei SuperEgo Twitters :p
    Sono quelli che parlano di sé come IL RE o LA REGINA. Mediamente più chiacchieroni degli altri hanno il pregio di sentire la responsabilità della loro carica quindi a volte studiano anche cose Molto Intelligenti da dire o da fare e i post dei loro blog molto spesso servono davvero a qualcosa.
    Io mi sa che sono certamente un “self promoting twitterer“. Quindi leggete il mio blog dedicato alla corsa, http://running.menstyle.it oppure visitate il mio sito http://www.supersalute.com – ok ok, la smetto, dai Catepol non fare quella faccia: scherzavo no?

  16. Non se il termine in inglese sia corretto, comunque io aggiungere la categoria “gli inconsapevoli incompresi”

    The unaware misunderstoods: chi crede di usare twitter così come msn e non vedendosi rispondere si sente incompreso o comunque poco interessante.

  17. Ad occhio e croce vediamo…

    Il twitter zelante (abbastanza)
    L’autoreferenzialissimo (un po’)
    Il metereologo (parecchio eheh)

    Cos’è  TwittyTunes??? (domanda extra)

    The Mooders (parecchio)

  18. Mi rimetto a te, che devo fare?
    Ho una crisi di rigetto. Molto seria.
    p.s. prendo Salerno-Firenze alle 18.42, ne parliamo li?

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. <br>Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi