Nativi digitali: come cambia l’insegnamento

Chiunque sia entrato di recente in una classe, ha conosciuto il tipo di nativi di cui si parla in questo articolo. Si tratta dei cosiddetti "natives" (Prensky 2001), ovvero quei ragazzi nati a partire dagli anni ’80, cresciuti in mezzo a personal computer e Internet: la prima generazione di giovani socializzati all’uso di una tecnologia da una generazione di adulti che non ha avuto il tempo di comprendere pienamente le logiche di questi nuovi media (Jenkins 2006).

Un articolo di Fabio Giglietto (citato anche da gg) su Indire che invito a leggere.

Oggi lo spazio in cui i passano il loro tempo è questo: si muovono con disinvoltura fra lo spazio geografico dei loro genitori e quello mediato di rete. In questo ambiente ibrido socializzano, fanno esperienze, giocano, apprendono. Ecco, apprendono.

In questo scenario si inserisce il progetto (Teachers’ Aids on Creating Content for Learning Environments), un progetto multilaterale Comenius con l’obittivo di produrre sotto licenza aperta e liberamente modificabile un manuale, un wiki e un corso pilota rivolto agli europei in cui si proverà a spiegare ad essi come utilizzare lo spazio mediato della rete e del come ambiente per l’.

Le tematiche del corso spazieranno dallo scrivere per il web, all’aprire e gestire un , dal comprendere le logiche dei social networks e di Wikipedia, al costruire materiali didattici basati sul riutilizzo creativo delle risorse esistenti (mashup) ed infine al sapere come distribuire i propri contenuti in rete applicando ad essi le licenze Creative Commons

E’ di fondamentale importanza formare gli insegnanti su queste tematiche e su come le tecnologie e la rete possano diventare strumenti efficaci nei processi di apprendimento . Nel mio piccolo, ho modo di sperimentare quando faccio formazione quanta voglia di apprendere ci sia nella classe docente italiana e soprattutto di creare ambienti di apprendimento più consoni a quelle che sono le dinamihce che gli studenti, i nativi digitali, vivono quotidianamente. Lo scopo principale del progetto TACCLE è proprio quello di formare i su come creare contenuti di qualità che permettano un utilizzo proficuo di questi nuovi ambienti di apprendimento.

Tutti i docenti interessati possono collaborare al progetto Taccle entrando in contatto con i partner, frequentando e commentando il sito e, soprattutto in questa fase iniziale di ricognizione dei bisogni, dedicando qualche minuto alla compilazione del questionario online per raccogliere – a livello europeo – informazioni sulle conoscenze, le abilità ed i bisogni dei docenti che utilizzano (o meno) gli strumenti Internet nella loro attività di insegnamento e per comprendere le loro reali esigenze formative.
 

2 thoughts on “Nativi digitali: come cambia l’insegnamento

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
%d blogger cliccano Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi