Quanto è virtuale e quanto è reale?

“I no longer believe in ‘’.
Real people, real opinions, real emotions,
real shopping, real relationships,
real junk mail, real joy, real sadness,
real empathy, real crime, real porn,
real info, real poetry, real art, real cruelty,
real goodness, real truth, real lies,
and so it goes on…
There is nothing ‘virtual’ about it at all.”

from The Ongoing Adventures of ASBO Jesus e via

Se pensiamo al 2.0 ed alle relazioni "virtuali" sui a cui partecipiamo, con persone reali, che esprimono opinioni reali, emozioni reali ecc. quanto è e quanto è ? Il è sempre meno virtuale, lo penso anche io. Secondo voi?

 

 

 

6 thoughts on “Quanto è virtuale e quanto è reale?

  • 10/02/2008 at 21:31
    Permalink

    Io credo che dipende da come si usa. Può arrivare addirittura ad identificarsi come reale se lo usiamo in un certo modo.

    Reply
  • 10/02/2008 at 23:39
    Permalink

    Dipende dal tempo che passiamo con i "cazzabubboli digitali" in mano.
    Sinceramente mi sto stancando…….ma è la vecchiaia :-)

    Reply
  • 11/02/2008 at 01:10
    Permalink

    Beh, quello che usiamo è reale fino ad un certo punto (l’hardware), subito diventa virtuale (software), poi torna reale perchè lo percepiamo come tale (il sentimento ad esempio).

    Ma di questo passo il web si può paragonare anche alla fotografia: è la rappresentazione di una cosa reale ma in sè non è reale ("questa non è una pipa").

    Insomma qua si sta cominciando a parlare di metafisica e potrebbe diventare veramente pesante da sostenere…

    Ad ogni modo penso anche io che il web si stia appunto evolvendo in qualcosa che prima non era, che le relazioni umane stiano nascendo (o consolidandosi) attraverso questi nuovi strumenti.
    (Banale vero?)

    :) my two cents

    Reply
  • 11/02/2008 at 12:24
    Permalink

    secondo me è semplicemente un nuovo mezzo. Poi, c’è sempre quello che si nasconde e quello che caccia la testolina fuori. Chi nasce tondo non muore quadrato, indipendentemente dal mezzo.

    Reply
  • 13/02/2008 at 18:23
    Permalink

    sfondi una porta aperta con me, lo sostengo da anni. secondo me si è impropriamente trasposto il termine virtuale dall’uso non relazionale del videogioco e del personal computer anni 80 all’esplosione di un nuovo mezzo di comunicazione che, in quanto crea relazioni tra persone reali (e ormai è diffusamente così) non ha proprio nulla di virtuale.

    Reply

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
%d blogger cliccano Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Informativa Estesa: Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi